Captain Marvel (2019)

Nel 1989 gli USA invadono illegalmente Panama, uno stato indipendente dell’America centrale strategicamente posto attorno l’omonimo stretto, guidato da Noriega, un dittatore finanziato per decenni dal governo statunitense in contrapposizione alle spinte socialiste del resto del centro e Sudamerica.

Nello stesso anno Carol Danvers, una pilota dell’aeronautica militare americana, fa un chioppo della Madonna durante un test di volo del nuovo “motore velocità della luce” che, come “ordigno fine di mondo” nel Dottor Stranamore, voleva mettere un punto e a capo ad una lunga guerra tra due civiltà.

Le cose ovviamente sono più complicate di come sembrano a primo acchito e Carol, sopravvissuta all’incidente mostrando chiari segni di supereroismo fumettistico, dovrà venire a capo di un mistero di non facile soluzione per una nazionalista indottrinata come lei, ovvero: è mai possibile che i miei superiori mi abbiano mentito e che stia combattendo una guerra ingiusta contro un gruppo di poveracci?

Captain Marvel (2019)
è mai possibile che le razze inferiori abbiano sempre un cazzo superiore?

Inaspettato buon film che, ponendo una protagonista donna per chiare esigenze di marketing e non certo per ravvedute posizioni di eguaglianza sociale, riesce a mescolare la solita brodaglia superomistica abbastanza stantia ficcandoci dentro un twist narrativo che forse porrà un piccolo dubbio ai militari americani che vedranno il film convinti d’assistere ad un’epica mentre in realtà qui siamo più dalle parti dell’elegia.

I registi sono gli stessi dell’ottimo Mississippi Grind e del buon Half Nelson, due film fortemente incentrati sullo studio del personaggio, e questa scelta non sembra aver avuto i medesimi esiti in questa pellicola; se da un lato abbiamo infatti dei personaggi in qualche modo simpatetici e con più di una sfaccettatura, dall’altro ritroviamo i soliti siparietti con lui, lei e la simpatia smargiassa tipica di chi non porta sulle spalle le colpe degli antenati perché le ha gettate nel cesso assieme all’ultima cacata nera di catrame nero.

Completamente fuori luogo, nonostante il film si svolga per la maggior parte nel 1995, le canzoni di TLC, Hole , No Doubt, Nirvana… che partono così, come se uno avesse acceso lo stereo ad alto volume mentre tu stavi parlando con un amico fottendosene di chi o cosa gli sta attorno.

Simpatico Samuel L. Jackson, svecchiato digitalmente di 25 anni, che arranca zompettando con molta prudenza nelle scene di corsa mostrando così la paura di cadere e rompersi il femore/anca, prima causa di morte per i 70enni come lui.

VOTO:
4 femori

Captain Marvel (2019) voto

Titolo di lavorazione: Open World
Regia: Anna Boden, Ryan Fleck
Anno: 2019
Durata: 123 minuti

Gone Baby Gone (2007)

Amanda McCready è una bambina di 4 anni con una madre sbevazzona e cocainomane che pensa più a come procurarsi le sue dosi quotidiane dagli amichevoli spacciatori di quartiere piuttosto che badare alla sua progenie.

A toglierle le castagne dal fuoco interviene “il fato” facendole sparire la figlia mentre lei è fuori a farsi le strisce di coca al bar locale; un rapimento misterioso che appare sempre più strano mano a mano che l’investigatore privato Patrick Kenzie e la sua fidanzata/aiutante Angie Gennaro ficcano i loro nasi sempre più dentro il culo nero del sottobosco di Boston.

Cosa si nasconde dietro il rapimento della piccola Amanda?
Amanda è ancora viva?
Ma soprattutto, chi è Armando Siri?

Gone Baby Gone (2007)

Eccezionale prima regia per Ben Affleck; sì, lo stesso Ben Affleck il cui parrucchino, volendo dar retta alle dicerie di strada, volò via qualche anno or sono prendendo una pallonata di testa.

Nonostante le solide interpretazioni, un cast di tutto rispetto ed un generale senso di compiutezza tecnica, quello che appare più interessante è la difficoltà di una scelta morale al di fuori dei soliti schematismi faciloni “buoni vs cattivi” tanto cari ad Hollywood e a chi vota PD.
Il film difatti pone lo spettatore, dopo un turbine di twist e contro twist da far invidia ad una telenovelas colombiana, di fronte ad un dilemma di non facile soluzione e che dilania la vita del protagonista come spezza in due la popolazione, tra chi giustifica i mezzi e chi no.

Bello quindi, e non scontato.

VOTO:
4 che votano PD e mezzo

Gone Baby Gone (2007) voto

Titolo originale: Gone Baby Gone
Regia: Ben Affleck
Anno: 2007
Durata: 114 minuti

ParaNorman (2012)

Norman Babcock è un undicenne di una piccola cittadina del Massachusetts che solo un paio di secoli prima era pregna di ottusi cristiani assetati di integralismo religioso come una cagna rognosa della provincia di Bergamo bassa.

Norman non solo è ad un passo dall’affrontare uno dei momenti più difficili di un essere umano, l’adolescenza, ma è anche guardato male dai suoi concittadini perché considerato strambo e bugiardo.
Il motivo?
Dice di poter parlare con i morti.

Il suo bel momento di rivalsa arriverà quando la strega locale scatenerà l’inferno in terra per vendicarsi dell’ottusità cristiana degli integralisti fondatori di questa piccola cittadina del Massachusetts che la mandarono due secoli prima alla forca come una cagna della provincia di Bergamo bassa.

ParaNorman (2012)

Godibilissimo film d’animazione a passo uno dai risvolti moralistici apprezzabili che può essere visto sia da un pubblico giovane che da uno più maturo lasciando ad ogni fascia d’età la sua dose di messaggi costruttivi.

Certo, il ribaltamento dei personaggi buoni e cattivi è ormai all’ordine del giorno nelle storie scritte con le mani invece che coi piedi e non sorprende certo lo spettatore più attento e acculturato, ma sicuramente ripetere certi concetti base quali il relativismo è cosa buona e giusta.

VOTO:
4 piedi

ParaNorman (2012) voto

Titolo greco: ParaNorman, mia metafysiki istoria
Regia: Chris Butler, Sam Fell
Anno: 2012
Durata: 92 minuti

Mission: Impossible – Fallout (2018)

Come Doc Brown rifilò ai terroristi libici una scatola piena di pezzi di vecchi flipper spacciandola come bomba in cambio del plutonio necessario alla sua macchina del tempo, in questo film Ethan Hunt deve consegnare il suo arcinemico e genio del male Solomon Lane al gruppo infame degli Apostles in cambio di 3 palle di ferro contenenti plutonio e sventare così l’esplosione di 3 bombe nucleari volte a seminare il terrore nella gente perbene che porta i figli a scuola, parcheggia in seconda fila e tifa Juventus.

Lungo un incredibile quanto rocambolesco susseguirsi di eventi pieni di sorprese e tradimenti e trabocchetti e piroette circensi, l’Impossible Mission Force tenterà di sventare l’ecatombe mondiale mentre il suo membro più famoso, l’agente Ethan Hunt, dovrà risolvere i suoi sensi di colpa per la separazione forzata dalla moglie.

Mission: Impossible - Fallout (2018)
dartagnan… sale sui tetti, sputa ai vecchietti! dartagnan… sale sul carro, sputa catarro!

Famoso per essere il film nel quale Tom Cruise s’è rotto una caviglia saltando da un tetto ad un altro (vedere foto sopra) comportando lo stop di qualche mese delle riprese per un costo di 80 milioni di dollari e facendo sovrapporre queste con i re-shootings di quella cacata di Justice League costringendo i maghi degli effetti speciali di quel film a rimuovere digitalmente i baffoni che Henry Cavill sfoggia in questo sesto capitolo della serie sulle spie matte infuocate che si tolgono le maschere dalle facce al momento migliore per far saltare sulla sedie lo spettatore…

….prendo fiato…

Mission Impossible – Fallout è sorprendentemente un bel film.

Sì, proprio un bel film.

Certo, chiariamoci: non ci troviamo di fronte ad un capolavoro della cinematografia mondiale né tantomeno al Cristo seconda venuta, ma nel suo genere svolge il suo compito egregiamente incollando lo spettatore per tutta la (lunga) durata grazie anche e soprattutto alle molte sequenze d’azione ben coreografate (con Tom Cruise che continua, nonostante la vecchiezza, nel voler fare i suoi stunts, rompendosi le ossa), parecchi spunti simpatici che alleggeriscono la tensione nei punti narrativi di raccordo e un generale senso di compiutezza che la pellicola regala al termine della visione.

Oggettivamente da consigliare.

VOTO:
4 caviglie

Mission: Impossible - Fallout (2018) voto

Titolo alternativo: M:I 6 – Mission Impossible
Regia: Christopher McQuarrie
Anno: 2018
Durata: 147 minuti

Suspiria (2018)

Nella Berlino del 1977, divisa in due e oppressa dall’atmosfera cupa di un passato prossimo nazista ancora irrisolto, arriva la giovane americana Susie Bannion; una pel di carota acqua e sapone col grande sogno d’entrare nel prestigioso corpo di danza della Markos Tanz Akademie.

Passato brillantemente il provino ed attirata l’attenzione di Madam Blanc, algida e misteriosa direttrice artistica dell’accademia, grazie anche ad un’indole sporcacciona e sanguigna molto poco velata, Susie s’immerge sempre più nei meandri fisici e psicologici di un’epoca molto complessa e violenta quale è stato l’Autunno Tedesco, un paio di mesi tesissimi durante i quali l’organizzazione di estrema sinistra RAF combinò delle birichinate pazzesche come rapimenti, assassinii e un dirottamento aereo.

Tra un vecchio amore irrisolto e un’esplorazione del matriarcato, tra un nazismo emblematico di un torbido passato riposto sotto il tappeto e un presente emblematico di un tappeto stracolmo di rimorsi, tra l’incudine e la falce e martello, ci sarà molta carne al fuoco per imbandire una tavola cinematografica ricca di spunti di riflessione che farà spazientire chi non è abituato ad usare il cervello quando guarda un film di genere.

Suspiria (2018)

Eccezionale remake di un famoso film dell’orrore italiano di quello psicopatico di Dario Argento il quale, ovviamente per un uomo di modesta apertura mentale, non ha apprezzato questa magnifica reincarnazione tutta giocata sull’astinenza emotiva e sulla tensione sessuale più torbida facendo così da specchio a quella che fu una pellicola lasciva di colori e situazioni mirabolanti, ma priva del benché minimo senso di compiutezza narrativa.

Difatti, mentre per Dario Argento la storia e la sua verosimiglianza con la realtà non è mai stata al centro dell’attenzione, in questo caso la Storia con la maiuscola è decisamente protagonista, sia nella ricreazione di una Germania divisa (fisicamente e politicamente), come divisa è l’accademia di danza tra i supporters di Madam Blanc e l’ala a favore di Madam Markos, e sia nella riproposizione del passato irrisolto e mai dimenticato di una Germania nazista, come irrisolto e mai dimenticato è l’enigma della moglie ebrea dello psichiatra scomparsa 35 anni prima durante una disperata fuga verso l’estero.

Lungo 2 ore e mezza e parecchio impegnativo, questo film dovrebbe godere di una giornata a lui dedicata; sia che lo si voglia vedere a tranche per un’assunzione lenta e sia che lo si voglia sorbire d’un sol colpo dedicando poi il tempo fino a sera ad un esercizio di riflessione e riproposizione mentale che permetta d’apprezzarne i complessi significanti.

VOTO:
4 sorbetti

Suspiria (2018) voto

Titolo giapponese: Sasuperia
Regia: Luca Guadagnino
Anno: 2018
Durata: 152 minuti

Deadpool 2 (2018)

Deadpool ha il cancro ma non muore perché è un supereroe con il superpotere di rigenerarsi, tipo Wolverine ma meglio.

Deadpool ha una ragazza che non lo schifa nonostante abbia la pelle che sembra un avocado marcio e che addirittura vuole crescere una famiglia con lui prendendo nel suo grembo il suo seme marcio d’avocado.

Deadpool rimane di merda quando un traffichino di droga gli ammazza la ragazza e cade ovviamente in forte depressione dalla quale cerca di uscire tentando di suicidarsi in ogni modo possibile, fallendo miseramente.

Deadpool decide allora di salvare un ragazzino dai poteri mutanti che sta per essere giustiziato da un misterioso tizio venuto dal futuro e nel mentre si circonda di coprimari dal dubbio appeal.

Deadpool vince.

Deadpool uccide Hitler.

Deadpool 2 (2018)

Sequel segaiolo compulsivo del primo fortunato capitolo di quella che spero non divenga una fortunata saga segaiola compulsiva vista la bassa (bassissima) profondità narrativa del prodotto.

Qualche risata la strappa, tipo la famosa scena del paracadute, e in vari punti si trovano piccoli gesti o frasi o situazioni che indubbiamente trovano il mio favore, ma siamo certamente lontani dal godere di un qualcosa che vada oltre la celebrazione idiosincratica dei nostri frenetici tempi.

La cosa più scandalosa rimane comunque il fatto che una stunt man sia morta durante le riprese fracassandosi contro un edificio mentre guidava una moto.
Ripeto l’assurdo per i duri di comprendonio: un essere umano è morto in maniera violenta mentre lavorava alla realizzazione di questo prodotto cinematografico per adolescenti buono solo a fare soldi per i ricchi produttori hollywoodiani.

VOTO:
3 frenuli

Deadpool 2 (2018) voto

Titolo di lavorazione: Love Machine
Regia: David Leitch
Anno: 2018
Durata: 119minuti

Ant-Man and the Wasp (2018)

L’uomo formica è agli arresti domiciliari da 2 anni per una brutta storia di eroina e non sa come passare il tempo perché è un ignorante e, come tutti gli ignoranti, trova noiosa la vita assieme a sé stesso.

In suo aiuto ogni tanto passa la giovane figlia che nutre un’ammirazione totalmente irragionevole per questo ex galeotto ed assieme a lei si divertono a giocare ad innocenti giochi come “nascondino” o “bucami in mezzo alle dita dei piedi così non si vede”.

Vabbè, tagliamo corto: Scott Lang (Ant-man) deve tornare in azione perché Hank Pym (l’inventore della tuta restringente) e Hope van Dyne (sua figlia) stanno tentando di riportare nel nostro mondo Janet van Dyne (rispettivamente moglie e madre degli ultimi due) che si è perduta 30 anni prima nel regno quantico.

Un po’ di botte e un po’ di risatine, un po’ di svecchiamento digitale del naso di Michael Douglas e un po’ di macchine Hyundai, questo film le tenta tutte pur d’ingraziarsi il largo pubblico dei supereroi.

Ant-Man and the Wasp (2018)

Che dire?

E’ il classico film che non fa male a nessuno, tranne che alle fate dei sogni birichini che muoiono male ogni volta un supereroe apre bocca, e che per quel che mi ricordo non si distingue di una virgola dal tono e dalle caratteristiche del primo episodio, il che non è un male visto che non era brutto ma certo non mi fa balzare i testicoli in gola dalla gioia.

Sarà che dopo 20 film uno gli è anche venuto a noia tutto il carrozzone Marvel, sarà perché ti amo, ma non riesco ad esprimere un’emozione che sia una di fronte a quest’ennesimo episodio filmico coi supereroi.

VOTO:
3 Ricchi e poveri

Ant-Man and the Wasp (2018) voto

Titolo brasilero: Homem-Formiga e a Vespa
Regia: Peyton Reed
Anno: 2018
Durata: 118 minuti

Agenzia Riccardo Finzi… praticamente detective (1979)

Riccardo Finzi ha preso la licenza di detective privato per corrispondenza e decide di cominciare la sua folgorante carriera nella città più ricca e vivace che l’Italia conosca, Pescara Milano.

Affittato un fatiscente appartamentino senza neanche il mobilio, Riccardo chiede subito in giro dove siano i localetti con le donnine sisette sinclair perché non riesce proprio a tenere il cazzo nei pantaloni e, pagate 4mila lire per il biglietto d’entrata, si lascia rimorchiare letteralmente dalla prima che passa che, fortuna sua, è Lory Del Santo con almeno un paio di taglie in meno di reggiseno.
Invitato a casa di lei per una chiavatina veloce e buttato fuori in meno di 5 minuti dopo una misteriosa telefonata, Riccardo dimentica il folle evento fino a che non rivede la ragazza sul giornale in una foto che la ritrae stirata per strada, messa sotto da una macchina.

Sembra un incidente, ma Riccardo non ci casca e sospetta l’inghippo zozzone di un assassino misterioso che ha ucciso per misteriosi motivi che lui dovrà scoprire nell’arco dell’ora e mezza di film.

Agenzia Riccardo Finzi... praticamente detective (1979)

Modesta commedia del crimine diretta da quel mezzo fascio di Corbucci che già aveva dato il meglio di sé, si fa per dire, con Squadra antiscippo, ed ennesima conferma di quanto mischiare nero, rosa e giallo sia un compito arduo che ben pochi sanno fare.

La macchietta Renato Pozzetto, con il quale il regista collaborerà ancora nel successivo La casa stregata, fa quel che può con il canovaccio che gli è stato servito arrotolato e battuto sul muso da pitbull che si ritrova, ma non riesce a strappare neanche una risata, specchiando in questo modo l’astinenza sessuale vissuta dal personaggio che interpreta.

L’intreccio giallo è poca roba e la risoluzione finale anche abbastanza patetica.

Insomma, evitabile.

VOTO:
2 pitbull e mezzo

Agenzia Riccardo Finzi... praticamente detective (1979) voto

Titolo inglese: The Finzi Detective Agency
Regia: Bruno Corbucci
Anno: 1979
Durata: 92minuti

Summer of 84 (2018)

Davey Armstrong, Dale Woodworth, Curtis Farraday e Tommy Eaton sono 4 adolescenti della periferia perbene americana che hanno tutta l’intenzione di trascorrere l’estate del 1984 andando in bicicletta, sfogliando riviste porno e tentando di risolvere il mistero del serial killer locale che finora ha fatto scomparire 13 ragazzini senza lasciare traccia.

Davey guida le indagini spinto da un’irrefrenabile quanto dubbia passione per le cospirazioni e comincia a sospettare dell’insospettabile vicino di casa; un giovane uomo bianco dal sorriso bonario e dalla panza paciosa al di sopra di ogni sospetto, vista anche la sua professione: il poliziotto.

Fughe in avanti, rincorse a perdifiato, segreti deglutiti e pozzanghere di sangue faranno da gaio sfondo a questa torbida vicenda.

Summer of 84 (2018)
Polybius!

Godibilissima seconda opera per il trio canadese che ci ha già regalato quella piccola perla chiamata Turbo Kid e secondo nostalgico tuffo negli anni ’80, questa volta in maniera più che diretta vista l’ambientazione (dichiarata apertamente nel titolo).

Biciclette, walkie talkie e rapimenti di minori sono gli elementi cardine di una storia che voglia far calare lo spettatore dentro quel decennio particolare durante il quale è nato sia il sottoscritto che Macaulay Culkin e questo film regala questo e molto altro.

Non siamo certo di fronte ad un capolavoro, ma piuttosto ad un’ottima piccola pellicola che rispetta tutti i santissimi crismi del genere spingendosi anche in un paio di azzeccatissimi twist che giocano sulle aspettative del pubblico e sui percorsi narrativi classici.

Consigliato, se non si fosse capito.

VOTO:
4 twist

Summer of 84 (2018) voto

Titolo originale: Summer of 84
Regia: François Simard, Anouk Whissell, Yoann-Karl Whissell
Anno: 2018
Durata: 105 minuti

Bugiardo bugiardo (1997)

L’avvocato Fletcher Reede aveva una bella moglie ed un figlio devoto.

Dico “aveva” perché, siccome è un’inguaribile testa di cazzo bugiarda che venderebbe l’anima della madre a satanasso non è pago io lo pungo con l’ago, la moglie l’ha divorziato portandogli via il figlio e ha intrecciato una nuova relazione con un uomo sì molto scemo ma anche molto sincero.

Come se non bastasse, suo figlio Max, stufo di subire passivamente le bugie a valanga del padre, decide di passare al contrattacco dopo l’ennesima buca ricevuta dal genitore alla  sua festa di compleanno ed esprime il desiderio che Fletcher possa dire solo e soltanto la verità, per 24 ore.

Questo desiderio, avveratosi magicamente, porterà grande sventura al padre, abituato a mentire continuamente, sia a lavoro che nella vita privata.

Bugiardo bugiardo (1997)

Simpatica commediola familiare nella quale è calata, non senza un certo successo, la faccia gommosa di Jim Carrey che si distorce e contorce, come un cazzo ficcato dentro una bottiglia di Klein, per la gioia di grandi e piccini.

Il film gira bene, gli interpreti ci credono (per quel che serve) e sicuramente non fa del male al genere umano, ma la parte più bella della pellicola sono soprattutto alcune piccole cose come il cigno di carta che Jim Carrey produce in una gag sui titoli di coda oppure la battuta che Fletcher rivolge, sotto influsso benefico (?) del magico desiderio del figlio, ad un barbone fuori dal tribunale che chiede l’elemosina:

Non ti do gli spiccioli perché mentre vado a lavoro non voglio essere confrontato dalla decadenza del mondo occidentale.

Sublime.

VOTO:
3 cigni di carta

Bugiardo bugiardo (1997) voto

Titolo originale: Liar Liar
Regia: Tom Shadyac
Anno: 1996
Durata: 86 minuti

Il bambino d’oro (1986)

Nella ridente Los Angeles degli anni ’80, i bambini scompaiono come i calzini nei cassetti e spesso, come i calzini nei cassetti, vengono ritrovati dopo settimane brutalmente divisi, buttati ad un angolo e appallottolati come carta straccia con cui ti ci sei soffiato il naso.

In questo miasma urbano, Chandler Jarrell cerca di metterci una pezza col suo lavoro d’investigatore privato specializzato in giovani scomparsi e, girando la città armato di manifesti di carta (materiale scelto non a caso) con impressa l’immagine dei desaparesidos della società dei consumi, porta avanti la sua personale croce di figlio di mignotta.

A sconvolgere questa sua “bella” vita arriverà una ragazza asiatica con delle puppe non indifferenti che lo convincerà a mettere le sue doti investigative al servizio del Tibet libero e del buddismo maschilista tentando di salvare un dio-bambino rapito da un demonio con l’accento inglese.

Il bambino d'oro (1986)

Filmetto tipicamente anni ’80 con un Eddie Murphy poco incline a fare il buffone e più intento a distanziarsi dal ruolo d’attore comico per abbracciare un più mainstream e redditizio “blockbuster’s main hero”; decisione che gli costerà cara visto che questo segna forse anche l’inizio della fase discendente della macchina stampa soldi chiamata Eddie Murphy…

…d’altra parte come biasimarlo quando ti offrono così tanti dindini da rotolartici dentro mille e una notte assieme ad un esercito di prostitute vietnamite rivestite d’oro che neanche l’Islam ti offre come ricompensa?

Anche se è stato in parte stroncato dalla critica per delle evidenti lacune logico narrative, il film svolge bene il suo compitino e non annoia.
L’unica cosa che lascia l’amaro in bocca però è che lo stesso anno usciva quel capolavoro assoluto chiamato Big Trouble in Little China, ironia della sorte con due attori dalle fattezze asiatiche presenti sia qui che lì (James Hong – David Lo Pan e Victor Wong – Egg Shen); un bellissimo film per certi versi simile, per tematiche ed influenze orientali, che fu clamorosamente stracciato al botteghino da questa pellicola evidentemente modesta.

VOTO:
3 calzini

Il bambino d'oro (1986) voto

Titolo originale: The Golden Child
Regia: Michael Ritchie
Anno: 1986
Durata: 94 minuti

La donna scimmia (1964)

Antonio Semola è un napoletano truffaldino interpretato Ugo Tognazzi, un lombardo repubblichino che mosse i primi passi nel mondo dello spettacolo assieme ad un altro giovane fascista chiamato Raimondo Vianello.

Antonio è un furbetto, non vuole lavorare 8 ore al giorno rompendosi la schiena e quando per puro caso incontra dentro un mendicicomio gestito dalle suore una ragazza affetta da ipertricosi non si lascia sfuggire l’affare e se la porta via promettendole una vita libera e felice nel mondo reale.
Quello che fa invece è raggirarla, sfruttando anche i suoi fragili sentimenti amorosi, facendola esibire come donna scimmia e tenendo per sé tutto l’argent e le sigarette che gli spettatori gettano verso la gabbia.

Questo scempio agli occhi del Signore ovviamente non può durare a lungo e Antonio dovrà fare i conti con la collera di Dio onnipotente che lo punirà facendo soffrire, nel più classico dello stile cattolico, chi non c’entra nulla.

La donna scimmia (1964)

Un bel film bello vecchio che ho piacevolmente visto per puro caso una domenica mattina non sapendo che quella che stavo osservando fosse la versione francese, col lieto fine e la (parziale) redenzione, mentre il regista Marco Ferreri, un uomo di un cinismo non comune, ne fece uscire un’altra con un epilogo molto più cupo, che non vado a spoilerare, ma che riprende fedelmente la fine di Julia Pastrana, la messicana del 19esimo secolo alla cui figura si ispira chiaramente il film.

VOTO:
3 Julia e mezza

La donna scimmia (1964) voto

Titolo francese: Le mari de la femme à barbe
Regia: Marco Ferreri
Anno: 1964
Durata: 84 minuti