Quella casa nel bosco (2012)

Cinque giovani si apprestano a passare il weekend in una remota casetta nel bosco… e già così uno sa d’aspettarsi il solito stantio film dell’orrore per adolescenti.

C’è però un twist: Holden il secchione, Marty il buffone, Jules la puttana, Curt l’atleta e Dana la vergine sono gli involontari protagonisti di un rituale millenario che si svolge in varie parti del mondo; un sacrificio per placare gli antichi dei che, se risvegliati, distruggerebbero l’intera umanità.

E a dirigere tutta la messa in scena ci sono due simpatici quanto scoglionati impiegati dentro un enorme laboratorio sotterraneo nel quale sono custoditi centinaia di mostri pronti a sbranare, squartare, spurgare, sezionare, sviscerare e sputtanare i 5 poveri malcapitati.

Quella casa nel bosco (2012)

Simpatica quanto intelligente satira del genere teen-horror che prende e ribalta molti stereotipi spiegandoli in relazione alla messa in scena orchestrata dai piani bassi.
Perché le bionde sono sempre svampite? Gli mettono un agente chimico nella tinta.
Perché gli atleti sono scemi? Gli spruzzano attorno feromoni così da mandare loro in tilt il cervello.
Perché i protagonisti mollano i coltelli dopo averli usati una volta? Gli mandano una scarica elettrica sul manico.

Visto da molti come uno dei migliori film horror (e da alcuni come una metafora degli stessi film horror, con i produttori che annualmente orchestrano i soliti macabri cliché cinematografici ai danni di giovani protagonisti stereotipati per placare la sete di divertimento del pubblico mondiale), questo è anche uno dei film più divertenti del genere.
A patto che non cerchiate qualcosa di più profondo di una serie di scenette esilaranti quanto caduche tipo quando Curt salta trionfalmente il burrone con la moto e finisce prima schiantato contro il muro invisibile che li separa dal resto del mondo e poi giù per il dirupo sbattendo ripetutamente la testa come una pallina del flipper.

VOTO:
4 flipper e mezzo

Quella casa nel bosco (2012) voto

Titolo originale: The Cabin in the Woods
Regia: Drew Goddard
Anno: 2012
Durata: 95 minuti

Lo spaccone (1961)

Eddie Felson è bravo con la stecca, ma non riesce a capire che vincere al tavolo verde richiede molto di più che un talento eccezionale: ci vogliono pazienza, strategia, lungimiranza e quel pizzico di morte dentro al cuore che ti fa prendere tutto con molta più filosofia.

Eddie dovrà imparare tutto questo per riuscire a stendere il leggendario Minnesota Fats, un giocatore di biliardo scaltro e navigato che rappresenta solo uno degli ingranaggi nel complesso sistema mafioso delle scommesse, ma perderà quello che ha più caro, ovvero un infantile quanto indispensabile paraocchi che gli ha permesso di vivere una vita miserabile senza lamentarsene troppo.

Lo spaccone (1961)

Interpretato da attori bravissimi e d’uno spessore artistico d’altri tempi, questo film nichilista o ti fa venire voglia di crepare o di rilanciare la puntata sul piatto dell’esistenza fino a quando uno dei due, tra te e la società, alza le mani e si cala braghe mettendosi a 90.

La storia di “Fast” Eddie e della sua incapacità d’accontentarsi dell’amore di Sarah Packard, una zoppa dalla modesta bellezza che affoga il suo scontento genio intellettivo nell’alcool, per seguire invece una fama che non gli darà mai una vera soddisfazione è quasi una metafora dell’esistenza umana e anche solo per questo ci sarebbe da consigliare il film a chiunque.

Se poi ci aggiungiamo la perfetta orchestrazione, dalla sceneggiatura, tanto teatrale quanto neorealista, ai colpi di biliardo magistralmente eseguiti dagli attori stessi che uno rimane con la bocca aperta e la lingua penzoloni per l’eleganza dimostrata, allora non si può che definirlo un capolavoro.

VOTO:
4 zoppi e mezzo

Lo spaccone (1961) voto

Titolo originale: The Hustler
Regia: Robert Rossen
Anno: 1961
Durata: 134 minuti

Rampage – Furia animale (2018)

Dentro una base spaziale in orbita attorno alla Terra viene studiato un misterioso gas dalle potenzialità devastanti.
Quali sono?
Semplice: se lo inali divieni enorme e incazzatissimo.

Ovviamente arriva il giorno che la suddetta base spaziale finisce in una pirotecnica palla di fuoco mentre un membro dell’equipaggio riesce a scappare dentro una capsula di salvataggio portandosi appresso dei campioni del gas in questione che però, siccome la capsula esplode durante il rientro, precipitano sulla Terra entrando in contatto con un gorilla albino, un lupo e un coccodrillo.

Sarà compito del primatologo dello zoo di San Diego metterci una pezza grande come Chicago.

Rampage - Furia animale (2018)

Considerando che il film è tratto da un vetusto videogioco dallo spessore narrativo minimo, devo ammettere che i realizzatori sono riusciti a piazzare qualcosa sul fuoco mantenendo allo stesso tempo l’idea base della fonte originale, ovvero un gorilla e un lupo mastodontici che distruggono delle città.

Dwayne Johnson riesce come sempre a portare a casa il risultato, anche quando si ritrova tra le manine una storia a dir poco assurda e appesa al filo della speranza mentre mi sono sorpreso di ritrovare un Jeffrey Dean Morgan che ripropone stancamente e pedissequamente il suo personaggio più famoso, Negan di The Walking Dead.

In due parole: non è brutto, ma non è neanche bello.
Consideratelo un tipo.

VOTO:
2 manine e mezza

Rampage - Furia animale (2018) voto

Titolo originale: Rampage
Regia: Brad Peyton
Anno: 2017
Durata: 107 minuti

The Incredible Burt Wonderstone (2013)

Burt Wonderstone e Anton Marvelton sono due giovani amici di scuola che fanno comunella per sopravvivere ai quotidiani pestaggi dei bulletti di zona e che, grazie alla magica magia, troveranno anche una professione remunerativa che li porterà ad esibirsi a Las Vegas, tra coca e mignotte.

Ad infrangere questo lungo sogno lastricato di freddo successo e foderato con una progressiva rinuncia allo stupore personale nell’intrattenere altri esseri umani arriva un esaltato ed irritante mago di strada che con le sue sceneggiate da quattro soldi e parecchio rischio fisico sta velocemente fagocitando la loro fetta di mercato.

Il resto del film sono liti, riconciliazioni, sugar, spice and everything is nice che condurranno al grande trucco finale grazie al quale Burt e Anton torneranno sulla cresta dell’onda.

The Incredible Burt Wonderstone (2013)

“Simpatico” filmino che ho come l’impressione di aver già visto qualche anno fa, ma di cui non riesco a rintracciare memoria certa.
E questo già fa capire quanto questa pellicola possa far breccia nel cuore del pubblico.

Non è brutto, per carità: le battute ci sono, le interpretazioni sono simpatiche e macchiettistiche come richiede una storia da palcoscenico e non si può dire che ci si annoi.
Eppure alla fine si resta con un pugno di mosche e ci si chiede quanto di quello appena visto abbia in realtà un vero valore…
….più o meno come quando si assiste ad uno spettacolo di magia.

VOTO:
3 mosche

The Incredible Burt Wonderstone (2013) voto

Titolo italiano: L’incredibile Burt Wonderstone
Regia: Don Scardino
Anno: 2013
Durata: 100 minuti

A Quiet Place (2018)

Una simpatica famigliola di americani vive nel silenzio più assoluto in una sperduta fattoria facendo rare quanto ponderate scappatelle in città per rifornimenti.

Tutto sembrerebbe supporre una semplice scelta salutista, di ritorno alla natura, se non fosse per il piccolo dettaglio che la famiglia in questione vive in un mondo post-apocalittico distrutto, probabilmente in maniera irreversibile, da un misterioso drappello di mostri alieni iper-sensibili ai rumori.
Difatti, se questi mostri ti sentono parlare sottovoce o se ti cade un libro a terra, ecco che si dirigono a tutta birra verso la fonte sonora e ti sfrugugnano di mazzate riducendoti velocemente in brandelli.

E quindi:
se una creatura è iper-sensibile ai suoni, quale sarà il suo punto debole?
Come sarà possible farla fuori?

La famiglia di decerebrati ci arriverà dopo 473 giorni di ponderata riflessione.

A Quiet Place - Un posto tranquillo (2018)

Film molto anticipato da molti e molto odiato da me.

Non che sia un abominio, assolutamente; il problema risiede però in quel suo sfacciato desiderio di sedere tra i film dei grandi, i film fighetti che mascherano una tematica profonda dentro un film di genere.
Qui invece appare chiaro che siamo agli antipodi e cioè un banale film di genere che si maschera da filmetto profondo per fotterti le banconote riposte profondamente dentro le tasche.

Il problema fondamentale della pellicola, al di là di alcune sviolinate vomitevoli tra cui la turbolenta e piena d’incomprensioni relazione padre-figlia (sorda), vero e proprio fulcro della storia, oppure l’incredibile gravidanza annuale della madre che io non so che sperma ritardato abbia il padre (ne ho vedute tante da raccontar giammai una gravidanza di 384 giorni), a rovinare veramente l’opera è soprattutto la serie di regole secondo le quali il film decide di giocare e che poi infrange come nulla fosse quando la spendibilità di una scena verso il pubblico generalista lo richiede.

Roba che ad esempio i personaggi ripetono mille volte (col linguaggio dei segni) quanto sia importante mantenere un religioso silenzio per non finire sterminati nel battito d’ali d’un colibrì e dopo 10 minuti li vedi sgambettare nei campi di mais facendo un casino della Madonna perché c’è una scena di tensione e allora chi se ne frega delle regole.

VOTO
2 mais e mezzo

A Quiet Place - Un posto tranquillo (2018) voto

Titolo esteso: A Quiet Place – Un posto tranquillo
Regia: John Krasinski
Anno: 2018
Durata: 90 minuti

Maun (2018)

Nella Delhi contemporanea una famiglia piccolo borghese è alle prese con uno di quei segreti indicibili che, se rivelati, possono portare più rogne che vantaggi; la loro figlia di 10 anni sembra sia stata toccata in modo inappropriato da un vicino di casa che tra l’altro è in procinto di prender moglie ed ha invitato tutti alla celebrazione.

I genitori sono dilaniati su cosa sia meglio fare: la madre vorrebbe affrontare di petto la faccenda mentre il padre è scoraggiato da come reagirebbe la società circostante; non sa se qualcuno prenderebbe per buona la parola di una bambina contro quella di un maschio adulto ed ha paura che la voce si sparga a macchia d’olio facendo ricadere un velo di (s)vergogna su tutta la famiglia.

Nel mezzo di questo trambusto emotivo rimane schiacciata e ammutolita una bambina indiana che, suo malgrado, è in procinto di apparire travestita come la dea Durga al matrimonio del vicino.

Maun (2018)

Splendido piccolo cortometraggio scritto e diretto da una mia amica e compagna di studi filmici sul cui giudizio positivo non ha però pesato minimamente il nostro grado di amicizia.

Strutturato secondo uno schema quasi dantesco di discesa agli inferi, il film si apre sul terrazzo del palazzo nel quale vivono e interagiscono i nostri personaggi, passando poi nell’appartamento entro le cui mura è avvenuto il fattaccio, fino a scendere in strada dove è stato allestito palco e ricevimento per il matrimonio dell’innominato accusato.
E questa discesa fisica corrisponde ad una discesa sia emotiva per i personaggi che conoscitiva per il pubblico grazie alla quale si viene sempre più trasportati dentro ad una torbida storia di normale indecenza urbana.

Purtroppo, nonostante la solidità dimostrata, il corto ha vinto meno di quello che meritava; probabilmente perché racconta un’India priva dei soliti stereotipi da cartolina… tipo gli elefanti, i colori, le spezie, i balletti di gruppo e il tanfo di urina dei canali di scolo intasati.

VOTO:
4 canali di scolo

Maun (2018) voto

Titolo tradotto: il Silenzio
Regia: Priyanka Singh
Anno: 2018
Durata: 11 minuti

Starship Troopers (1997)

Nel 23esimo secolo la Terra è unita sotto un unico regime para-fascista che glorifica il sacrificio personale verso la Patria, specialmente quello fisico, e detesta i pappamolle pacifisti.

John Rico, Dizzy Flores, Carmen Ibanez e Carl Jenkins sono 4 giovani appena diplomati che decidono di arruolarsi nell’Esercito della Federazione; chi per fare carriera, chi perché appassionata di navi spaziali falliche e chi per seguire l’amore che chiaramente gli darà in culo al primo giro dell’angolo.
Questi giovani figli della patria troveranno pane per i loro denti nella guerra interplanetaria contro Klendathu, un corpo celeste all’altro capo della nostra galassia popolato da una specie aliena di aracnidi che non vedono di buon occhio l’invasione del loro pianeta per mano dei nazi-fascisti della Terra.

Starship Troopers (1997)

Magnifica satira del militarismo e dell’imperialismo americano tutta giocata sull’eccesso e sul ribaltamento di significato.

Difatti solo un imbecille potrebbe prendere sul serio la spregiudicata propaganda fascista che trasuda da ogni costume da gerarca, ogni dialogo sulla decadenza morale della democrazia e ogni inquadratura d’ogni perfetto metro di città sulla quale camminano bellissime persone sorridenti in un pauroso clima di pace romana mondiale.

Alla sua uscita fu un bel flop al quale contribuì molto probabilmente la stupidità di chi andò a vederlo e lo considerò nella migliore delle ipotesi uno strano film d’azione con personaggi e intrecci da serial televisivo per adolescenti quando invece la genialità dell’opera risiedeva proprio in questo suo sfacciato e orrendo travestimento da storia d’amore nello spazio.

Consigliato a chiunque abbia un briciolo di cervello e un assoluto must per i fan delle affabili distopie alla RoboCop.

VOTO:
5 briciole

Starship Troopers (1997) voto

Titolo completo: StarShip Troopers – Fanteria dello spazio
Regia: Paul Verhoeven
Anno: 1997
Durata: 129 minuti

Kung Fury (2015)

Il super poliziotto Kung Fury ha acquisto una forza straordinaria e delle capacità acrobatiche fuori dal comune dopo essere stato prima colpito da un fulmine ed poi morso da un cobra.

Da quel momento sconfigge i cattivi di una stravagante Miami anni ’80 a suon di calci volanti e pugni sui coglioni fino a quando si trova a fronteggiare Hitler e il suo esercito di nazisti.

Viaggerà quindi indietro nel tempo fino agli anni ’40 per eradicare all’origine il problema e si farà aiutare da un collega mezzo triceratopo, due vichinghe palestrate, un tirannosauro e il dio Thor.

Kung Fury (2015)

Cortometraggio finanziato con ben 600 mila dollari tramite la piattaforma Kickstarter che prende a piene mani dal decennio americano più infame dal punto di vista politico; tutto ciò senza ovviamente farne una critica o una satira, ma piuttosto finendo per celebrare incondizionatamente una serie infinita di condotte amorali e manichee.

Il pubblico generalista l’ha apprezzato parecchio ed ha avuto il suo quarto d’ora di gloria su internet tornando poi velocemente nella pattumiera dalla quale era saltato trionfalmente fuori.

VOTO:
2 pattumiere e mezzo

Kung Fury (2015) voto

Titolo serbo: Kung Furija
Regia: David Sandberg
Anno: 2015
Durata: 31 minuti

I buchi neri (1995)

In un paesino campano ci sono un frocio e 5 mignotte.

5 donne con i loro sogni, i loro problemi, i loro amori non corrisposti e tutta una serie di cose che non verremo mai a sapere perché il regista è troppo impegnato a fare il fuoriclasse con incomprensibili quanto banali collegamenti simbolici tra cazzi, banane, uova e uccelli.
Tra chi li cerca e chi li teme, chi li prende e chi la dà.

I buchi neri (1995)

Piccola pellicola divenuta celebre per la mia generazione grazie al trailer nel quale una delle 5 puttane cantava “Caccialo fuori, mettilo dentro” mentre Duccio di Boris se la ciulava in macchina.

Il film in realtà non sarebbe neanche tanto male e le interpretazioni sono sì caricaturali ma tutto sommato adatte al clima un po’ goliardico e un po’ arruffato della pellicola.
Il problema però è che dura neanche un’ora e mezza, ci sono tette, culi e fregne e nonostante ciò riesce comunque ad annoiarti.

VOTO:
2 banane e mezzo

I buchi neri (1995) voto

Titolo inglese: Black Holes
Regia: Pappi Corsicato
Anno: 1995
Durata: 92 minuti

Shunyata (2017)

L’attempato e depresso killer Madhur ha un momento di pentimento quando vede Tinu, un ragazzino senza tetto che gli vende il the quando torna “da lavoro”, percorrere la sua stessa strada criminale e quindi tenta in extremis un capovolgimento totale pensando di andare ad aprire un ristorante in un’altra città portandosi appresso il giovine da redimere così che possa frequentare la scuola.

Gli andrà male.

Cortometraggio di un ex studente della stessa scuola indiana dove ho studiato cinema che batte le solite strade tanto care ai ggiooovani indiani: gangsters, pistolettate, luci colorate, forte contrasto, slow motions inutili e molti (troppi) maschi sullo schermo che ti fanno sempre sperare che almeno comincino di punto in bianco a slinguazzarsi così da esternare questa palese quanto latente omosessualità che si portano sulle spalle.

Titolo tradotto: Il vuoto
Regia: Chintan Sarda
Anno: 2017
Durata: 23 minuti

Johnny English – La rinascita (2011)

L’agente segreto di sua maestà la regina d’Inghilterra chiamato Johnny English deve ricordarsi che cazzo è successo qualche anno prima in Mozambico quando, a causa della sua inefficienza, il presidente fu sparato alle spalle come a un infame figlio di zoccola al quale non si deve il minimo rispetto.

Lo aiuterà la psicologa interpretata da Rosamund Pike con l’ipnosi regressiva grazie alla quale Johnny si ricorderà di Vortex, un trio di loschi figuri, mandanti materiali dell’assassinio, che Johnny deve portare alla luce prima che vengano silenziati per sempre così che il segreto rimanga tale.

Il resto è salti, zompi e situazioni poco comiche.

Johnny English - La rinascita (2011)

Non ho visto altri episodi di questa filiera di satire del genere spionaggio inglese, e non me ne pento.

A parte il target ottuagenario a cui si rivolge, con le smorfie e gli scivoloni e l’andamento soporifero, quello che non riesco proprio a comprendere è come possano aver fatto successo con questa roba che non è né carne né pesce né l’anima de li mortacci loro.

VOTO:
1 pesce gay

Johnny English - La rinascita (2011) voto

Titolo originale: Johnny English Reborn
Regia: Oliver Parker
Anno: 2011
Durata: 101 minuti

Gli Incredibili 2 (2018)

Saranno passati almeno 10 anni da quando il primo capitolo mi fece passare un sereno pomeriggio d’estate e francamente avevo perso quasi memoria di quello che v’era raccontato.
Un uomo talpa, qualcosa su un aereo che esplode, la donna elastica madre coi figli che rompono i coglioni.
Boh, era tutto molto piacevolmente fumoso e avvolto in quella coperta nostalgica di tempi che furono fino a quando non mi sono imbattuto in questo sequel non voluto e poco amato, da me come probabilmente anche dai creatori.

Perché alla fine diciamocelo chiaramente: chi se ne frega della storia di un misterioso ipnotizzatore televisivo che fa il doppio e triplo gioco con gl’Incredibili per fare carne morta di un nutrito gruppo d’ambasciatori riunitisi su un aliscafo battente bandiera liberiana.

Gli Incredibili 2 (2018)

Simpatica quanto inutile riedizione di quanto già visto un po’ dappertutto ad uso e consumo di un pubblico banale come la trama del film stesso.

E’ un prodotto innocuo, certo, e si lascia guardare senza patemi, certo, ma non è forse questo il vero totalitarismo?
Quello che viene accettato come status quo nel silenzio delle strade lastricate di “buongiorno” e “buonasera”?
Quello che ti entra in casa sotto ogni forma e ogni tinta che non ti aspetti, con ogni pseudo intellettuale che si fa balcone della propaganda contro i balconi mentre cerca di calmare o calmierare e allo stesso tempo aizzare il popolo verso questo o quell’altro spauracchio monco di sostanza?

Perché la fine del libero arbitrio non viene con le baionette e i vaffanculo, ma con Lilli Gruber che presenta il suo ennesimo libro non richiesto mentre un sorriso, falso e sornione come sua madre mentre riceveva lo sperma che la concepì, parte da quell’orrendo canotto di bocca che si ritrova in faccia facendola ascendere al titolo di donna elastica della televisione italiana.

VOTO:
2 canotti

Gli Incredibili 2 (2018) voto

Titolo originale: Incredibles 2
Regia: Brad Bird
Anno: 2018
Durata: 118 minuti