Paradise Beach – Dentro l’incubo (2016)

Paradise Beach - Dentro l'incubo (2016) featured

Una ragazza texana decide di andare a fare due tuffi in Messico presso la spiaggia sperduta dove la madre tanti anni prima aveva surfato con lei in grembo; è un luogo paradisiaco e Nancy, col sole in fronte e il sorriso di una drogata, si diletta con la tavola mentre altri due ragazzi messicani si riprendono con una GoPro.
Purtroppo la bella studentessa di medicina non ha fatto i conti col pubblico adolescenziale che, gravido di rabbia giovane e ignoranza rancida, non aspetta altro che veder spuntare uno squalo a guastare la festa messicana di Nancy e della GoPro.

Paradise Beach - Dentro l'incubo (2016)

Sorprendentemente, soprattutto considerando le premesse da film estivo per scolaresche senza scuola, questo film è proprio bello.
Girato splendidamente con una palette che spazia dai colori dorati di una giornata ai tropici all’intenso blu di un oceano misterioso e gelido passando per un pungente rosso virato verso tenebrosi toni scuri, questo figlio illegittimo de Lo Squalo e Open Water, è a mio modesto avviso la piccola rivelazione del 2016.
Con uno svolgimento in gran parte incentrato attorno al piccolo scoglio dove hanno trovato rifugio la nostra tostissima protagonista e un simpatico gabbiano ferito magicamente soprannominato Steven Seagull, Le Secche (come dovrebbe essere titolato invece di quel pasticciaccio brutto mezzo inglese finto e mezzo italiano triste che i distributori italiani gli hanno appioppato) gioca molto bene con le tre carte che si ritrova tra le mani, ovvero un’eroina dalla bella prestanza fisica, un mostro feroce mostrato il minimo indispensabile e un disperato tentativo di fuga giocato contro ogni pronostico.

Non siamo certo di fronte ad un capolavoro in 4 atti, ma ‘sti gran cazzi non ce li metti?

VOTO:
4 gran cazzi

Paradise Beach - Dentro l'incubo (2016) voto

Titolo originale: The Shallows
Regia: Jaume Collet-Serra
Anno: 2016
Durata: 86 minuti

I film sono visti rigorosamente in lingua originale.
Se ti senti offeso, clicca qui

Autore: Federico Del Monte

I'm an Italian photographer, filmmaker, blogger and teacher.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *