Perdutamente tua (1942)

Perdutamente tua (1942) featured

Ehi, questa è la maxi storia di come la mia vita è cambiata,
capovolta sottosopra sia finita.
Seduta su due piedi qui con te,
ti parlerò di Vale, superfica di Boston.

Dramma in pellicola su di una ricca zitella che esce dal bozzolo nel quale la sua dominante madre l’aveva rinchiusa per anni, questo Now, Voyager (il titolo italiano cambia quasi il senso della storia) è una di quelle cose che mi riesce difficile apprezzare in pieno.
Riconosco indubbiamente la straordinaria resa di Bette Davis che ha seguito passo passo tutta la produzione del film, dai costumi alla scelta del partner, e non sono cieco di fronte alla potenziale carica femminista che una storia come questa può covare, ma mi riesce veramente difficile restare appassionato per due ore di fila alle disavventure di una buzzicona che si toglie gli occhiali per rimorchiare meglio.

Molto bello il finale dolciamaro e certamente epica la frase finale:
“Oh, Jerry, don’t let’s ask for the moon. We have the stars”

VOTO:
3 stelle e mezza

Perdutamente tua (1942) voto

Titolo originale: Now, Voyager
Regia: Irving Rapper
Anno: 1942
Durata: 117 minuti

I film sono visti rigorosamente in lingua originale.
Se ti senti offeso, clicca qui

Autore: Federico Del Monte

I’m an Italian photographer, filmmaker, blogger and teacher.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *