Sinister (2012)

Sinister (2012) featured

Uno scrittore di romanzi basati su fatti di sangue realmente accaduti è in crisi creativa da 10 anni; per cercare nuova linfa vitale, decide bene di andare a vivere nella casa in cui una intera famiglia è stata uccisa in maniera orribile (vedi foto sopra) e cominciare ad indagare sulla scomparsa della di loro piccola figlia, possibile unica superstite al massacro.

La stessa sera in cui arrivano nella nuova casa, Ethan Hawke trova in soffitta un baule contenente filmini super8 amatoriali ed un proiettore; queste pellicole si scopre contengono immagini dell’omicidio in questione, come anche di altri quattro omicidi avvenuti nei passati 30 anni.
Lo scrittore, in cerca di fama, fiuta al volo l’affarone e non dice un cazzo alla polizia e alla famiglia perché vuole trovare da solo il bandolo della matassa e scriverci sopra il libro della vita sua.
Ovviamente è un coglione che non ha capito bene con chi ha a che fare: è nientepopodimenoche Bughuul, demone pagano che mangia i bambini e spaventa a morte la gente con la sua faccia da chitarrista metal finlandese.
E quando Bughuul viene evocato, sono cazzi amari.

Sinister (2012)

Ethan Hawke, dopo essere stato colto in flagrante dalla ex-moglie Uma Thurman col cazzo nella loro baby sitter, ha passato brutti momenti: un periodo durante il quale è dimagrito molto, ha lavorato in meno pellicole ed è caduto in fase semi-depressiva.
Per risollevarsi da ciò, ha infine sposato nel 2008 la baby sitter di cui sopra e si è rimesso a fare film, alcuni con una tinta molto dark.
Tipo questo.

Sinister non è un capolavoro, ma fa paura. Addirittura pare sia stato vietato a chi soffre di patologie cardiache (per evitare infarti e conseguenti cause legali).
La tensione c’è ed è costruita bene, gli attori stanno in bolla e anche i bambini non risultano dita nei culi (come in genere accade).
Se volete mangiarvi le unghie mentre guardate un film a luci spente da soli a casa, prendetevi questo Sinister, altrimenti accendete la luce, invitate un paio di amici e sparatevi il solito film con Adam Sandler.

VOTO:
4 cazzi amari

Sinister (2012) Voto

Titolo originale: Sinister
Regia: Scott Derrikson
Anno: 2012
Durata: 110 minuti

I film sono visti rigorosamente in lingua originale.
Se ti senti offeso, clicca qui

Autore: Federico Del Monte

I'm an Italian photographer, filmmaker, blogger and teacher.

Un pensiero riguardo “Sinister (2012)”

  1. Mi trovo d’accordo, il film fa abbastanza paura e non è male, soprattutto considerato che non vince certo il premio per l’originalità della trama: ma cazzo, possibile che il male si faccia vivo solo e soltanto quando una famigliola americana si trasferisce in una nuova casa? E io che da anni provo inutilmente con pentacoli e letture dal “Novem Portis Regnum Umbrae” …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *