Smoke (1995)

Smoke (1995) featured

Prima che il mondo fosse spazzato da quest’onnipresente onda salutista, ultima barriera di fronte all’inevitabilità della morte dopo la caduta degli dei tradizionali a seguito di una sana e molto agognata secolarizzazione, si potevano prendere laute mazzette dalle compagnie di tabacco facendo fumare agli attori di un film questa o quella particolare marca di sigarette.
E (coincidentalmente) in questa pellicola si fuma come a Istanbul dopo il Ramadan mentre si cerca di seguire le vicende di parecchi newyorkesi i quali si ritrovano più o meno frequentemente nei pressi di un tabacchi di Brooklyn gestito da un fotografo improvvisato il cui progetto di vita è scattare ogni giorno alle 8 di mattina una foto dell’angolo dove si affaccia il suo negozietto.

Smoke (1995)

Pregevole film corale completamente scollegato nelle sue (forse) didascaliche scene autoconclusive unite però da un penetrante filo emotivo che potremmo definire la ricerca di un equilibrio filosofico personale in questo pazzo mondo di anime perse dietro un introspettivismo solitario e spesso triste.

Nonostante una narrazione interessante e una perizia tecnica decisamente al pari con altri film semi-indipendenti, la cosa che però risulta di maggiore spicco sono certamente le interpretazioni, dalla prima all’ultima veramente appassionanti e mai scontate nel loro continuo dualismo.

VOTO:
4 dualismi

Smoke (1995) voto

Titolo originale: Smoke
Regia: Wayne Wang, Paul Auster
Anno: 1995
Durata: 112 minuti

I film sono visti rigorosamente in lingua originale.
Se ti senti offeso, clicca qui

Autore: Federico Del Monte

I’m an Italian photographer, filmmaker, blogger and teacher.

Un commento su “Smoke (1995)”

  1. Bill Murray: Doc, what could I do for this cough?
    RZA: Shit, I was just thinking about that. Check this out: you get some hydrogen peroxide…
    Bill Murray: We got that for cuts and stuff.
    RZA: …take fifty percent hydrogen peroxide, fifty percent water. You gargle with it. Do *not* swallow. You spit it out. Don’t swallow, Bill Murray.
    GZA: And if that doesn’t work, try oven cleaner.
    (…)

    Coffee and cigarettes (2003) !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *