Space Cop (2016)

Space Cop è un poliziotto panzone combinaguai del 2058 il quale finisce per sbaglio dentro un buco nero che lo riporta indietro al 2008, qui ricomincia a lavorare come tutore dell’ordine fino a quando nel 2015 gli viene appioppato un altro poliziotto fuori dal tempo, costui dagli anni ’50, insieme al quale dovrà sventare i folli piani di una razza aliena nemica comandata dal cervello di uno scienziato folle con il pallino per l’estinzione della razza umana.

locandina "retro" molto "now"
locandina “retro” molto “now”

La cosa che fa più male di questo noioso polpettone misto con gamberi surgelati è che io sono un grandissimo fan del gruppo RedLetterMedia; le stesse sarcastiche bestie che si celano dietro questo progetto indipendente mi hanno infatti portato tanta gioia con i loro show su YouTube tipo Half in the Bag o Best of the Worst.
E invece qui la cosa che salta subito all’occhio è che le risate latitano come i cervelli in redazione al Messaggero; tralasciando la povertà di alcune scenografie e dei costumi degli alieni, perfettamente comprensibile visto il budget ridotto e tuttosommato in sintonia con l’anima nostalgica per i film di serie B anni ’80 e ’90 a cui RedLetterMedia deve molto, è invece nel comparto storia che il casino regna sovrano.
Un inutile e confusionario secondo spostamento temporale (dal 2008 al 2015), recitazioni fin troppo caricate e autoreferenziali, e una serie di scene collegate da niente più che un esile filo narrativo composto da botte e risposte di una semplicità e ottusità disarmante fanno di Space Cop un brutto film.
Ma non uno di quelli brutti brutti che fanno ridere (pane quotidiano per Best of the Worst); no, brutto medio che è la morte sua e del mio cervello.

VOTO:
2 delusioni

Space-cop-(2016)-Voto

Titolo originale: Space  Cop
Regia: Jay Bauman, Mike Stoklasa
Anno: 2016
Durata: 102 minuti

I film sono visti rigorosamente in lingua originale.
Se ti senti offeso, clicca qui

Autore: Federico Del Monte

I’m an Italian photographer, filmmaker, blogger and teacher.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *