La palla nº 13 (1924)

Un proiezionista squattrinato è innamorato di una servetta da due soldi che può essere impressionata solo dalla futile pecunia e dalla sozza cioccolata.

Comprata una scatola di cioccolatini e un anellino piccolino, il poveraccio si presenta quindi alla casa dove presta servizio la ragazzetta sperando almeno in una veloce pippa sul divanetto. Sfortunatamente però la sua mossa da giaguaro viene smerdata da un altro pretendente alla mano della sciampista che lo incastra in una questione di orologi rubati e rivenduti.

Resosi quindi conto della sua inadeguatezza all’esistenza, il proiezionista si rifugia nella sua cabina di lavoro e comincia a sognare d’essere il detective protagonista del film che sta mandando sul grande schermo.

Capitomboli a seguire.

La palla nº 13 (1924)

Nonostante venga considerato uno dei più belli e importanti film dell’epoca muta, a me sinceramente non ha fato impazzire e sfido chiunque ad avvicinarlo anche lontanamente alle vette artistiche e (soprattutto) umane dell’immenso Charlie Chaplin.

La cosa più interessante ed oggettivamente stupefacente sono tutte le acrobazie compiute dallo stesso Keaton; una serie di pericolosissimi numeri che però, essendo tra l’altro concentrati tutti in sequenza verso la fine, non elevano il resto film, ma ne fanno solo rimpiangere meno la visione.

Quello che manca veramente è il senso di quanto il cinema sia qualcosa di più che un semplice divertimento e la cosa appare ancora più paradossale se si prende atto dell’incredibile inventiva tecnica dimostrata da Keaton che buca letteralmente lo schermo con degli effetti speciali innovativi per l’epoca.

L’impressione è che quelli che lo elogiano come uno dei migliori film mai realizzati siano dei sognatori liberali del cazzo a cui andrebbe data una sonora ripassata di pragmatico socialismo.

PS: il titolo italiano fa riferimento ad un dettaglio marginale della storia e sarebbe stato molto meglio lasciarlo com’era nelle intenzioni iniziali, ovvero Calma signori miei.

VOTO:
3 divanetti

La palla nº 13 (1924) voto

Titolo originale: Sherlock Jr.
Regia: Buster Keaton
Anno: 1924
Durata: 45 minuti
Compralo: https://amzn.to/2XfknAW

Grabbers (2012)

Un poliziotto alcolizzato e una poliziotta ficasecca si ritrovano compagni d’avventure mentre su una piccola isola irlandese succede l’invasione aliena di una particolare specie di mostro succhia sangue, ma allergico all’alcol.

L’unico modo per passare indenni la notte sarà quindi imbottirsi di birra come non ci fosse un domani mettendo in scena la più classica delle serate irlandesi.

Grabbers - Hangover finale (2012)

Filmetto coi mostri molto simpatico che, nonostante una vivace vena comica, non viene però svolto come una commedia, ma piuttosto come un film horror, con tanto di decapitazioni.

Non è un capolavoro e viene dimenticato presto, però è girato bene, i personaggi sono simpatici e non si prende sul serio.

Titolo italiano da denuncia.

VOTO:
3 mezze pinte e mezza (ovvero 1 pinta e 3/4)

Grabbers - Hangover finale (2012) voto

Titolo italiano esteso: Grabbers – Hangover finale
Regia: Jon Wright
Anno: 2012
Durata: 1 ora e 34 minuti
Compralo: https://amzn.to/3lIHfCs

Dune (2021)

In un non meglio precisato futuro spaziale, la razza umana si è espansa a macchia d’olio per la galassia grazie ad una spezia chiamata melange che si trova solo sul pianeta Arrakis, altrimenti conosciuto come Dune.

A governare questo cencioso globo desertico, l’imperatore galattico ha piazzato da parecchi anni l’orribile casata degli Harkonnen che, con pugno di ferro e panza da lottatore di sumo, opprimono la popolazione locale dei Fremen, beduini drogati persi della super-spezia che ha donato loro lunga vita, occhi chiari e altri non meglio precisati poteri speciali.

Siccome però la casata degli Atreides, altra famiglia di vassalli spaziali, sta crescendo d’importanza e l’imperatore comincia a temerli, questi elabora un piano talmente convoluto e idiota che ci si chiede se l’imperatore non sia un cerebroleso.

Eccolo:
1- togliere il ricchissimo controllo di Arrakis agli Harkonnen.
2- darlo agli Atreides.
3- far partire la reggenza Atreides con particolare svantaggio fornendo loro mezzi pesanti antiquati e scassati.
4- farli quindi capitolare.
5- invaderli con la guardia imperiale.

Insomma, in altre parole: invece di schiacciare gli Atreides sul loro pianeta originale, l’imperatore li promuove e li fa spostare su un altro pianeta (col rischio di un successo) per poi schiacciarli comunque.

Io dico boh.

Dune (2021)

Seconda trasposizione cinematografica, dopo il grande flop di Lynch, e migliore adattamento dell’omonimo e famoso libro degli anni ’60 di Frank Herbert.

Sul versante prettamente cinematografico c’è poco da lamentarsi: gli enormi paesaggi si schiaffano con leggerezza inaudita in faccia allo spettatore seduto come uno scolaretto al cinema; le interpretazioni, anche se non eccezionali visto che sono anche giocate tutte sulla sottrazione, fanno il loro dovere; e .

Di contro abbiamo Oscar Isaac che alita come un deficiente sperando invano che il reparto effetti speciali faccia il suo magico lavoro di copertura e un generale senso di spaesamento narrativo, non tanto per la storia in sé che non è poi così complicata, quanto per uno scollamento tra la mia attenzione e il resto del mondo mentre mi sono trovato a vagare con la mente in pericolosissime quanto eccitanti visioni di furore e morte generalizzata a scapito dei più inermi e teneri esseri del mondo, i repubblicani.

Da vedere, probabilmente, così dicono.

VOTO:
3 scolaretti e mezzo

Dune (2021) voto

Titolo giapponese: デューン 砂の惑星
Regia: Denis Villeneuve
Anno: 2021
Durata: 155 minuti
Compralo: https://amzn.to/3iiMma9

Jumper – Senza confini (2008)

David Rice è un giovincello americano che scopre di possedere la capacità di teletrasportarsi a piacimento e da quel momento in poi non esiterà ad usare questo suo potere nelle maniere più stupide ed egoistiche possibili, tipo diventare ricco come Pier Silvio Berlusconi.

A dargli la caccia, così da pepare una semplice storia di un liberista, troviamo i Paladini, una setta religiosa armata di taser come la municipale di Milano, che catturano e pugnalano i cosiddetti “Jumpers” ovvero gli esseri umani col potere del teletrasporto perché lo confondono col dono dell’ubiquità ovvero la capacità d’essere in più posti CONTEMPORANEAMENTE.

Jumper - Senza confini (2008)

Hayden Christensen, dopo la trilogia prequel di Guerre stellari, si butta dal cornicione del palazzo della zia paterna senza paracadute e miracolosamente si salva; per ringraziare la Madonna (puttana) del miracolo, promette di recitare nel film più idiota dell’anno… era il 2008.

Filmetto tutto azione e risate che non deluderà gli accaniti sostenitori dell’eugenetica.
E quindi, se anche voi come noi, siete accaniti sostenitori dell’eugenetica e sognate la cancellazione del gene della calvizie, dite una banalità come “gettiamo il cuore oltre lo steccato” e candidatevi nelle fila dell’ennesimo partito liberal-liberista!

VOTO:
3 Pier Silvio e mezzo

Jumper - Senza confini (2008) voto

Titolo uzbeco: Teleport
Regia: Doug Liman
Anno: 2008
Durata: 1 ora e 28 minuti
Compralo: https://amzn.to/2WIL54V

Boss Level (2021)

Un ex militare americano, invece di essere morto nel deserto come meriterebbe, si ritrova a vivere e rivivere lo stesso giorno come Bill Murray ne Il giorno della marmotta, con la differenza che invece di suonare il piano o imparare il francese, Frank Grillo massacra e rimassacra di sberle e coltellate i numerosi assalitori che tentano di fargli la pelle.

La sua arma contro questa sfida apparentemente impossibile è il tempo che viene resettato ogniqualvolta tira le cuoia, come in un videogioco.

Tutto vero tutto giusto.
Peccato per quell’accusa di stupro da parte di due ragazze appena maggiorenni che, secondo la versione riferita ai carabinieri, sono state intossicate dall’alcol il 17 luglio 2019 durante una permanenza nella villa in Sardegna della famiglia Grillo per essere poi stuprate e filmate con i telefonini così da avere abbastanza materiale video per il sequel di questo film.

Boss Level (2021)
Draghi è un grillino !

Film piacevole che strizza l’occhio sia al già citato classico anni ’90 che ad esempi più recenti come Edge of Tomorrow, senza però raggiungerli né come coinvolgimento e né come coito.
D’altra parte ci si domanda se l’intenzione fosse mai stata questa e la risposta sembra essere un sonoro NO.

Un “no” come quello che devono aver gridato molte volte le ragazze a Porto Cervo mentre Frank Grillo le imbottiva di sperma come tacchini a Natale.

VOTO:
3 tacchini e mezzo

Boss Level (2021) voto

Titolo provvisorio: Continue
Regia: Joe Carnahan
Anno: 2021
Durata: 1 ora e 34 minuti

Baby Driver – Il genio della fuga (2017)

Un ragazzetto con l’acufene tenta di coprire questo suo disturbo uditivo pompando musica a tutto volume dentro i padiglioni auricolari mentre sfreccia a tutto gas dentro una Detroit senza puttane cocainomani, quindi triste.

A ravvivare l’atmosfera da cinema di provincia ci pensa un mongoloide travestito da pupazzo mongoloide con l’atteggiamento di chi non si rende conto d’essere un mongoloide.
Mongoloide, figliolo. Mongoloide. Mongoloide.
Mi piace l’odore del mongoloide di mattina. Una volta, una collina, la bombardammo per dodici ore e finita l’azione andai lì sopra. Non ci trovammo più nessuno, neanche un lurido cadavere di mongoloide. Ma quell’odore… si sentiva quell’odore di mongoloide. Tutta la collina… odorava di… di mongoloide.

Questo mongoloide vestito di rosso, perché vogliamo far vedere che abbiamo studiato teoria dei colori anche quando in realtà non ci abbiamo capito un cazzo, sarà talmente una spina nei coglioni di protagonista e pubblico che finirà infilzato come uno spiedino in un contrappasso meritato ma insufficiente a ripagare i danni di guerra alle vittime della visioni di film dai quali ci si aspetta molto e che invece risultano così così.

Muore anche altra gente, ma non abbastanza.

Baby Driver - Il genio della fuga (2017)

Che dire…

da Edgar Wright mi aspettavo qualcosa di più, considerando la sua maestria nel girare in maniera maestra quei generi triti e ritriti, tipo i criminali che vanno in macchina veloci veloci.

Non è brutto, per carità; ci sono scene carine, qualche battuta azzeccata, protagonisti odiosi ma non da impiccare in pubblica piazza, una colonna sonora bella anche se io non ci capisco un cazzo di musica, ma per la madonna impestata lurida: che due coglioni.

Lino Banfi alla gogna.

VOTO:
2 macchine veloci veloci

Baby Driver - Il genio della fuga (2017) voto

Titolo originale: Baby Driver
Regia: Edgar Wright
Anno: 2017
Durata: 113 minuti
Compralo: https://amzn.to/3k5NMF5

The Suicide Squad – Missione suicida (2021)

L’America ha bisogno di eroi, o meglio: La Merica ha bisogno di carne da macello per foraggiare una macchina da guerra senza limiti e decenza utile unicamente a pompare i larghi culi dei liberal-capitalisti con tonnellate di denaro e oro e diamanti e minorenni fino a che morte non sopraggiunga.

In questo episodio de La guerra totale degli USA vs The World troviamo un drappello di galeotti che, in barba al fine rieducativo a cui dovrebbe aspirare la pena detentiva (e anche qui ce ne sarebbe da discutere, ma vabbè), vengono catapultati senza il benché minimo rispetto della vita umana a fare un’incursione a Corto Maltese (omaggio al massone fascista Hugo Pratt), una fittizia isola caraibica finita sotto il controllo dei generali dopo anni di dittatura sostenuta dagli Stati Uniti.

L’ingrediente che manca a questa storia forsennata è un mostro assurdo degno del folklore giapponese, e non veniamo delusi.

The Suicide Squad - Missione suicida (2021)

Quando un film fa schifo, non c’è problema: basta rigirarlo cambiando le carte in tavole e fare affidamento sulla corta memoria del pubblico.
E il gioco è fatto.

James Gunn, dopo essere stato licenziato dalla Disney per dei vecchi tweet volgari che erano perfettamente in linea con il suo stile dissacrante e fuori dagli schemi perbenisti e non si capisce bene quindi per quale stratacazzo di motivo ci si dovrebbe scandalizzare, tira fuori una sorta di Guardiani della galassia in salsa cinica per l’azienda concorrente e vaffanculo al secchio.

Non aspettatevi chissà che cosa, non è strabiliante, ma è molto simpatico, girato bene e con parecchie chicche tecniche, recitato quel tanto sopra le righe per non cadere nel ridicolo involontario e che cazzo ti devo dire di più?

A morte i liberali.

VOTO:
4 liberali

The Suicide Squad - Missione suicida (2021) voto

Titolo argentino: El escuadrón suicida
Regia: James Gunn
Anno: 2021
Durata: 132 minuti

Quarantena 2 (2011)

L’orrore di volare a 15mila metri di quota e ritrovarsi con un ciccione obeso maledetto zombie stronzo che tenta di mangiarti il naso azzannandoti come un cazzo di tossico in stato di allucinazione perversa mentre la passeggera 3 file avanti sta sbocchinando voracemente il suo fidanzato come se non ci fosse nessuno attorno a giudicarli moralmente scorretti.

Questo è più o meno Quarantine 2: Terminal; più ovviamente la parte all’aeroporto, da cui il sottotitolo.

Zombie? Spiegazione?
Non me ne frega un cazzo.

Quarantena 2 (2011)

Filmetto a basso costo abbastanza divertente e senza troppe pretese, a parte l’assurdo finale aperto ad un terzo capitolo in Las Vegas mai realizzato.

Se siete alla ricerca di pepite d’oro, questa pellicola non fa per voi; se invece avete a cuore le dinamiche spazio-temporali che governano invisibilmente l’agire comune, ecco che ‘sta minchiatella potrebbe tornarvi utile come un sorso di limone in mezzo alla foresta nera mentre state vagando senza metà da quando, due giorni prima, vi siete allontanati da quel rave di musica tecno-peruviana molto in voga tra le maschere greche di Taormina.

VOTO:
2 maschere greche e mezza

Quarantena 2 (2011) voto

Titolo originale: Quarantine 2: Terminal
Regia: John Pogue
Anno: 2011
Durata: 86 minuti
Compralo: https://amzn.to/3iAgLBr

La guerra di domani (2021)

Un padre assassino, cioè un militare, si ritrova insegnante di liceo (roba da matti) quando ecco che si materializzano dei tizi con in braccio dei fucili e lui viene nei pantaloni perché gli ricordano i bei tempi quando si divertiva a deturpare i cazzi degli iracheni nelle prigioni bunker da dove si udivano i lamenti dei prigionieri misti ai latrati delle loro madri cagne.

La vita è uno sballo quando hai un fucile davanti ai coglioni, pensa il berretto verde Dan Forester, e si offre quindi volontario per far parte dei gruppi d’assalto da mandare nel futuro per fare il culo a dei mostri mangiacazzi che ti dico levate.

La figlia di berretto Dan vuole sborrare pure lei e, in mancanza del cazzo del padre che tante notti ha preso in bocca, imbraccia libro e moschetto diventando una perfetta scienziata militare fascista.

La guerra di domani (2021)

Film demmerda che scopiazza senza vergogna un po’ tutto, in particolare Alien e Edge of Tomorrow, non riuscendo però a mantenere l’attenzione dello spettatore per più di 15 secondi, che io poi mi chiedo come si facciano ad avallare produzioni tanto costose con sceneggiature tanto misere.

E dire che sarebbe bastato metterci uno buono stupro di minorenne o un accoltellamento di senzatetto con la rincorsa… per dio, almeno un paio di tette arrossate dagli schiaffi!

E invece siamo costretti a goderci, si fa per dire, il cazzo venoso di Chris Pratt mentre viene succhiato avidamente dal cadavere di Virna Lisi.

VOTO:
2 Virna Lisi

La guerra di domani (2021) voto

Titolo originale: The Tomorrow War
Regia: Chris McKay
Anno: 2021
Durata: 138 minuti

Anaconda (1997)

Il Rio delle Amazzoni è un fiume sudamericano lungo quasi 7mila fottuti chilometri; quasi come il cazzo di Matteo Renzi, il nostro dio che adoriamo festanti e che la madonna l’abbia in gloria.

Nel film invece ci sta un serpente lungo 40 metri, quasi come il cazzo di Ivan Grieco, il nostro dio che adoriamo festanti e che la madonna l’abbia in gloria.

Poi c’è Jennifer Lopez con i capezzoli in vista per 4 secondi, Ice Cube che ascolta musica rap a tutto volume, John Voight con un accento tremendo, Eric Stoltz solo per 3 giorni di riprese perché poi scattava la tariffazione in roaming, Owen Wilson senza i tagli sulle braccia per il tentato suicidio e Danny Trejo senza baffi.

Che la madonna abbia tutti loro in gloria.

Anaconda (1997)

Sconvolgente cazzata che al botteghino fece flop, ma che col tempo fece flip nelle natiche dei giovani noleggiatori di videocassette che, inermi di fronte alla voglia matta d’omosessualità che li pervase tra il 1998 e 1999, si perforarono il retto a forza d’infilarsi per dritto e per rovescio le vhs di Anaconda nel disperato tentativo di ricreare quel brivido matto della prima visione su canale5. Italia uno! I bellissimi di rete4. Emanuela Folliero, 6 dita per piede.

Ancora qui state?
Ma che cazzo aspettate ad andare affanculo!?!

VOTO:
2 Emanuela Folliero e mezzo

Anaconda (1997) voto

Titolo francese: Anaconda, le prédateur
Regia: Luis Llosa
Anno: 1997
Durata: 89 minuti
Compralo: https://amzn.to/3rMZ6tr

Fuori di testa (1987)

Scendono gli alieni nella tranquilla cittadina australiana di Kaihoro (vagamente traducibile come “Fastfood”) e gli abitanti scompaiono misteriosamente.

Per capire cosa stia succedendo, viene mandata una sgangherata squadra speciale composta da tizi con i baffi fini fini e i capelli lunghi dietro i quali, non sapendo gestire la più semplice delle conversazioni per inadeguatezza intellettiva, smitragliano questo e quello ingigantendo così metaforicamente i loro cazzi.

Fuori di testa (1987)

Pietoso esordio al lungometraggio per colui il quale da giovane sembrava Jerry Calà e tortura medievale per il mio culo mentre, sofferente come un tossico di Chicago, ho ingurgitato ettolitri di sangue con gli occhi di chi vuole che tutto finisca presto.

Ho dormito un pochino per sfuggire, ma sono stato risvegliato dai 457 milioni 234 mila 982 proiettili sparati lungo gli ultimi 75 dei 91 minuti di film.

Carini, ingeniosi e molto splatter gli effetti speciali; da ricovero tutto il resto.

VOTO:
2 baffi fini e capelli lunghi dietro

Fuori di testa (1987) voto

Titolo originale: Bad Taste
Regia: Peter Jackson
Anno: 1987
Durata: 91 minuti
Compralo: https://amzn.to/3gC9vD4

World War Z (2013)

Gerry Lane è un padre disoccupato il cui apice giornaliero viene raggiunto mentre, nudo come tua madre, prepara i pancakes per le figlie prima che vadano a scuola.

E però un virus zombificante che mette il pepe al culo dei malcapitati infettati distrugge questo suo mortificante idillio per lanciarlo con una mazzafionda chiodata verso il firmamento delle stronzate made-in-usa-e-getta senza passare dal via a ritirare i soliti due millanti boni e cari per comprare la cocaina bella squamata al pesciarolo sotto casa.

World War Z (2013)
PEPSI !!!

Una fetecchia di film che a quanto pare tradisce il buon materiale originario, il caso letterario omonimo scritto dal figlio di Mel Brooks, per mettere in scena la solita pappardella di strunzatielle diliute per non far male a nessuno… a parte me.

Difatti, nei loro calcoli machiavellici volti a imbonire la più ampia fetta di mercato possibile, si sono scordati che Israele, paese razzista e violento guidato da un manipolo d’invasati fanatici religiosi che si credono gli uomini scelti da dio, non può essere minimamente considerato un baluardo di civiltà contro l’invasione zombie (chiara metafora per veicolare una falsa narrativa lontana dalla realtà socio-politica contemporanea).

Israele, al maschile perché viva il patriarcato, è considerato un empio stato terrorista al di fuori della ristretta cerchia delle teste di cazzo e quindi dipingerlo come fortezza d’intelligenza e previdenza facendo passare i suoi muri dell’apartheid come una cosa buona contro l’invasione zombie è una delle cose più vomitevoli che il genere umano abbia mai dovuto sopportare.
Sarebbe come glorificare i forni crematori nazisti perché bruciano bene.

Movimiento es vida, dice Brad Pitt in uno spagnolo claudicante.
Porco dio, dico io in un perfetto italiano.

VOTO:
2 spagnoli e mezzo

World War Z (2013) voto

Titolo panamense: Guerra mundial Z
Regia: Marc Forster
Anno: 2013
Durata: minuti
Compralo: https://amzn.to/3fWcDdR