Lo chiamavano Bulldozer (1978)

Al porto di Livorno arriva la barca di un omone grande e grosso ma dal cuore tenero come un soffritto di burro e calamari; il suo nome è Bulldozer.
Perché questo nome?
Semplice: perché lui ero uno che di fronte agli ostacoli non si fermava mai.

E di che ostacoli stiamo parlando?
Di una serie di sfortunati giocatori di football americano che hanno avuto la sfiga di trovarsi contro quest’energumeno senza fine sul campo da gioco.
Perché Bulldozer, prima di finire a pescare pesci e conchiglie rare, era un giocatore coi controfiocchi, uno che calciava la palla a un chilometro di distanza, uno che se ti dava una spallata ti sfondava la cassa toracica.

Poi però un giorno ha smesso, così di colpo, perché a lui le partite truccate gli facevano schifo, ed è scomparso dai radar.

Siccome però ora si trova in necessità di un polverizzatore Thompson e gli unici che possono fornirgli questo pezzo di ricambio per la sua barca sono i militari americani della base di Camp Darby a Livorno, Bulldozer tornerà a calcare il campo da gioco per un’ultima volta prima di tornare a vendere telline e triglie ai mercati rionali del Mediterraneo.

Lo chiamavano Bulldozer (1978)

Questo è uno dei tanti filmetti con Bud Spencer dove per il 70% del tempo la gente si prende a pizze in faccia in un’interminabile sfilza di situazioni pseudo-comiche che da sole non riescono a reggere sulle spalle una scena che sia una, figuriamoci un intero film.

Visto e rivisto infinite volte su tutte le possibili reti televisive, locali e nazionali, Lo chiamavano Bulldozer lascia chiaramente il tempo che trova e non vale neanche un euro di spesa.
Se però non avete mai visto un film con Carlo Pedersoli, in arte Bud Spencer, (un uomo che nella vita, oltre l’attore, ha fatto il nuotatore olimpico, il pallanuotista, il lottatore di lotta greco-romana, il pilota di macchine, di aerei e di elicotteri, il paroliere e il compositore musicale, il pugile e l’imprenditore) e vi trovate tra le mani questa pellicola in forma gratuita, allora potete anche andare… con cautela ed aspettative basse.

PS: Carlo, quasi sempre doppiato, canta qui una canzone con la sua voce reale.

VOTO:
2 buds

Lo chiamavano Bulldozer (1978) voto

Titolo argentino: Lo llaman el demoledor
Regia: Michele Lupo
Anno: 1978
Durata: 110 minuti

Commando (1985)

John Matrix, oltre ad avere un nome a dir poco sconvolgente, è anche un baby pensionato che, dopo aver servito l’esercito degli Stati Uniti d’America compiendo le più empie nefandezze in giro per il mondo, passa le sue soleggiate giornate di quarantenne spaccando la legna o dando da mangiare ai cerbiatti assieme a sua figlia Jenny.

Purtroppo per lui il dittatore Arius, spodestato dal trono dell’isola di Val Verde anche grazie all’intervento del gruppo armato di John, è sulle tracce dei suoi commilitoni; un po’ per fargliela pagare e un po’ per usarlo come killer per caso del neo dittatore messo al suo posto dagli USA.

Per fare questo lo scorbutico Arius gli rapisce la figlia e lo manda via aerea per direttissima a Val Verde con il ricatto di spedirgli a pezzi la cara Jenny nel caso lui disertasse; John invece ci mette cazzo a svignarsela e si prefigge il compito di uccidere Arius e un altro centinaio di persone in 11 ore, cioè prima che il suo aereo atterri e scatti quindi l’allarme.

Sangue a seguire.

Commando (1985)

Classico film d’azione anni ’80 che prende tutti gli stereotipi del genere (machismo, umorismo beffardo, violenza gratuita, omosessualità latente) mischiandoli in un grande calderone dal quale sbuca fuori una massa informe di dimensioni colossali che, nonostante l’inesistenza di una trama articolata e l’evidente scelleratezza di ogni gesto compiuto dal protagonista, riesce comunque ad intrattenere per quell’oretta e mezza facendo succedere una simpatica serie di scenette tra il serio e il faceto che si concludono inevitabilmente con uno o più morti.

Purtroppo parte meglio di come finisce, come la carriera di Arnold Schwarzenegger.

VOTO:
3 calderoni e mezzo

Commando (1985) voto

Titolo brasiliano: Comando para Matar
Regia: Mark L. Lester
Anno: 1985
Durata: 90 minuti

Avengers: Infinity War (2018)

Un energumeno viola alto 4 metri di nome Thanos ha la soluzione a tutti i mali del mondo: eliminare metà della popolazione dell’universo.

Il film non spiega se questo genocidio generalizzato deve rimanere confinato ai bipedi o si deve estendere anche ad altri esseri tipo volatili, pesci, batteri, funghi e qualunque altra possibile forma di vita che lord Xenu abbia concepito nella sua infinita saggezza, ma al pubblico importa poco perché quello che conta qui sono le botte bum bum.

Per portare a termine il suo brillante piano, Thanos vuole (e deve) recuperare le 6 Infinity Stones sparse in giro per le galassie, infilarle sul suo bel guanto di ferro e semplicemente schioccare le dita per salutare miliardi di miliardi di creature che si volatilizzeranno immediatamente in polvere.
Fatto questo, l’energumeno viola potrà finalmente sedersi in cima ad una collina per godersi un po’ di meritato riposo.

A fare da argine a questo piano talmente diabolico che Repubblica.it lo ha subito attribuito alla Casaleggio Associati, ci sono ovviamente i nostri beneamati super teste di minchia eroi i quali non vedono l’ora di girare un altro film per intascare fior fior di quattrini mentre io, tra uno sbadiglio e l’altro, non posso non concentrarmi sulle dimensioni del mio caos.

Avengers - Infinity War (2018)

Che dire…

Dopo una caterva di pellicole tutte più o meno simili l’una all’altra mi trovo nell’imbarazzante paradosso di poter promuovere un film con buoni voti e allo stesso tempo poter tranquillamente non raccomandarne la visione.

Perché direte voi?

Perché quante volte puoi sentire e risentire la stessa canzone prima che ti salga a noia?
Semplice: sempre e solo una volta più di quelle necessarie, e io oramai credo d’aver raggiunto quella specifica posizione critica secondo la quale rigetto un film a priori perché tanto lo so dove va a parare, lo so cosa diranno i personaggi, ho già visto effetti speciali fatti così bene, so già più o meno tutto e quindi non me ne frega più una beneamata mazza.

A dimostrazione di tutto questo, basta prendere due righe che scrissi nel 2015 a proposito di Avengers: Age of Ultron:

Purtroppo i produttori hollywoodiani sembrano non aver capito che mangiare gelati per 10 anni può sembrare interessante su carta, ma non può condurre altrove non se non sulla tazza del cesso a cacare diarrea a fischio come non ci fosse domani.

Io ho solo voglia di qualcosa di buono nuovo.

VOTO:
3 Ambrogio e mezzo

Avengers - Infinity War (2018) voto

Titolo brasiliano: Vingadores: Guerra Infinita
Regia: Anthony & Joe Russo
Anno: 2018
Durata: 149 minuti

Tre manifesti a Ebbing, Missouri (2017)

Nello stato del west americano chiamato Missouri, c’è una cittadina composta da uno strano miscuglio di rozzi zoticoni e gente hipster da pubblicità della Benetton.

A scompigliare questa loro quiete da società classista e liberale come quegl’immondi porci di Bill/Hillary Clinton e Barack Obama, buoni da scotennare in piazza col loro sangue che ci gronda sulla fronte mentre un’eclisse di Sole sancisce la solennità del momento, accade però l’imprevedibile:
qualcuno fa sesso.

Nella fattispecie qualcuno fa sesso stuprando una ragazza mentre torna a piedi da una serata con gli amici finendo il lavoretto dandole fuoco con la benzina così da cancellare ogni prova del DNA.
Le indagini procedono per 7 mesi senza dare risultati, ma la madre chiaramente non si dà per vinta e si fa venire in mente la “geniale” idea d’affittare 3 cartelloni stradali vicino casa accusando la polizia locale d’inefficienza; un gesto che provoca una pioggia di critiche e minacce da parecchi concittadini.

…vabbe, per farla breve: donna forte contro il sistema rozzo e patriarcale che usa gli stessi metodi rozzi e patriarcali senza ricevere la medesima condanna, ma bensì 2 oscar.

Tre manifesti a Ebbing, Missouri (2017)

Dallo stesso regista di quei gioiellini di In Bruges e Seven Psychopaths, ecco un solido ed interessantissimo film girato molto bene che ha vinto premi a destra e manca e che svincola dalla solita formula crime-detective-revenge per interrogarsi, purtroppo troppo di striscio e con toni molto auto-assolutori, sul labile confine tra chi ha ragione e chi ha torto.

Apprezzato moltissimo quindi il continuo ribaltarsi di ruoli narrativi tra i personaggi che ci vengono svelati nelle tante sfaccettature che compongono un’esistenza impossibile da ridurre ad una dimensione mentre l’unico fulcro immutabile resta l’insopportabile protagonista dai modi talmente scostanti che verrebbe quasi da farle il tifo contro (il che è un bene in questi tempi di capitan giustizia che straparlano di diritti coi soldi che gli escono dal culo per aver affossato lo stato sociale), si giunge però all’assurdo estremo con poliziotti razzisti e idioti che diventano brillanti e coraggiosi detective nel giro di una notte.

Il New Yorker l’ha molto strapazzato per il macchiettismo e il pressappochismo con cui ha dipinto l’America verace che (secondo i ricchi liberali delle grandi città) ha votato Trump; questo perché svelerebbe in realtà un auto-compiacimento molto simile a quello di Rambo e dei cowboy:

And this, it appears, is what we want: to be on the winning side in our goodness and our toughness. As with “Rambo” years ago, and as with the cowboy Westerns of the past. We love winners. Watching such films, we become them. What makes this version sicker is its claim to moral superiority at the expense of a community that it has taken no time to examine. We live in brutal, self-righteous, entertaining times.

Se quindi è vero che la presunta superiorità morale si percepisce in più punti, va anche spezzata una lancia in favore di una pellicola che comunque cerca di trovare a fatica una sua strada nel campo minato che è Hollywood.

Quelli che invece si meriterebbero una lancia spezzata in fronte sono i tanti che, non percependo assolutamente l’ambiguità morale della protagonista e della storia, ha elogiato il film inserendolo senza alcun motivo nel filone mediatico del #meeToo che tanto ha fatto sgocciolare l’intellighenzia mainstream.

La stessa intellighenzia mainstream che per 25 anni ha distrutto lo stato sociale mandando sul lastrico economico, sociale e culturale un paio di generazioni d’innocenti cittadini finendo poi per sfotterli e tacciarli d’ignoranza e razzismo quando gli stessi s’incazzano della loro condizione di diseredati.

La stessa intellighenzia mainstream che si straccia le vesti contro le politiche migratorie del governo Conte mentre è piena di se e di ma quando si sfruttano e affamano i paesi da cui vengono questi migranti.

La stessa intellighenzia mainstream che elogia la flessibilità sul lavoro, ma che vuole il posto fisso in parlamento.

La stessa intellighenzia mainstream che si mette il braccialetto per Kony 2012 (chi se lo ricorda più, eh?) mentre deposita i soldi nelle banche che investono negli armamenti dei signori della guerra africani.

La stessa intellighenzia mainstream che indica Salvini come la causa delle morti nel Mediterraneo, ma che non muove un dito contro i governi (di destra, di sinistra, di centro) che bombardano per rimuovere il dittatore di turno destabilizzando invece interi paesi.

La stessa intellighenzia mainstream che sbeffeggia Berlusconi che si fa i capelli mentre lei si deturpa il viso con l’ennesimo lifting assomigliando sempre più ad un troione da due soldi.

Insomma, la stessa intellighenzia mainstream che non applica un po’ di coerenza nella vita e piega la morale a seconda del colore politico o dell’esigenza personale.

VOTO:
4 Koni

Tre manifesti a Ebbing, Missouri (2017) voto

Titolo originale: Three Billboards Outside Ebbing, Missouri
Regia: Martin McDonagh
Anno: 2017
Durata: 115 minuti

JCVD – Nessuna giustizia (2008)

Jean-Claude Van Damme torna nella sua città natale, Brussels, e si ritrova invischiato in una stroppia rapina ad un ufficio postale compiuta da 3 menteccati, uno più assurdo dell’altro.

Tra toccanti confessioni e una dura serie d’insulti sulla sua carriera d’attore da quattro soldi per film da quattro soldi, JCVD cercherà d’uscire dall’impasse senza che nessuno ci rimetta le penne.

JCVD - Nessuna giustizia (2008)

Sorprendente film a bassissimo costo che punta tutte le fiche (inteso come gettoni di plastica e non come passatempo preferito di Berlusconi) sul fattore spiazzamento nel vedere una grande star dei film d’azione mettersi a nudo emotivamente di fronte ad una lunga esemplificazione delle critiche ricevute nei tanti anni di carriera artistica… uscendone (chiaramente) a testa alta.

Non è un capolavoro, ma è probabilmente il miglior film con Jean-Claude Van Damme.

VOTO:
3 cyborg

JCVD - Nessuna giustizia (2008) voto

Titolo originale: JCVD
Regia: Mabrouk El Mechri
Anno: 2008
Durata: 97 minuti

Chi ha paura delle streghe? (1990)

Una vecchia norvegese c’ha la fissa delle streghe.

Ma non una cosa tipo che colleziona oggettistica in qualche modo collegata al discorso magia; no no: lei è proprio convinta che in giro ci siano delle donne deformi e crudeli il cui unico scopo nella vita è torturare/eliminare/distruggere i bambini.
E a testimonianza di questo suo delirio maniacale continua a mostrare al suo giovane nipote un mignolo amputato che lei afferma essere il risultato di un incontro ravvicinato del terzo tipo con una strega in età prepuberale.
Prepuberale per la vecchia, non per la strega.

Il giovane nipote occhialuto ci casca con tutte le scarpe e comincia a vedere streghe dappertutto, fino a quando lui e la nonna si ritroveranno in un albergo sulla “ridente” costa est inglese proprio durante il raduno annuale Herbalife delle streghe inglesi…

Chi ha paura delle streghe? (1990)

Molto piaciuto a critica e molto flop al botteghino, questo film è uno dei rari esempi in cui il pubblico ha ragione e la critica no.

Noioso all’inverosimile, nonostante la breve durata ed il continuo tono sopra le righe, e con una struttura narrativa che lascia perplessi sulla compiutezza della storia (specialmente il finale raffazzonato), quello che però salta più all’occhio è l’incredibile, si fa per dire, misoginia e arretratezza culturale dell’autore del libro Roald Dahl il quale confeziona una storia la cui morale sarebbe “diffida delle donne, specialmente quelle brutte, mentre cerchi di fare un sacco di soldi così ti sistemi e stai apposto”.

Vaffanculo, Roald Dahl.

VOTO:
2 due sacchi

Chi ha paura delle streghe (1990) voto

Titolo originale: The Witches
Regia: Nicolas Roeg
Anno: 1990
Durata: 91 minuti

The Wolf of Wall Street (2013)

Storia un po’ romanzata e un po’ manco per la cippa di Jordan Belfort che era un gran figlio di puttana senza scrupoli e che alla fine dei giochi, mentre centinaia di migliaia di persone venivano fregate dei loro risparmi attraverso i suoi amorali investimenti in aziende civetta, è cascato in piedi facendosi solo un paio d’anni di galera e reinventandosi come motivational speaker.

W la giustizia.

The Wolf of Wall Street (2013)

Lunghissimo ed estenuante susseguirsi di scenette comiche che definire sopra le righe sarebbe riduttivo senza un reale spiegamento narrativo che porti il protagonista dal punto A al punto B.

Ammesso e non concesso che si possa scherzare e rendere “simpatici” un gruppo di psicopatici della finanza creativa che se fosse per me andrebbero bruciati in piazza dentro larghi pentoloni, la cosa che più stupisce è la forte noia che attanaglia i coglioni dello spettatore dopo l’ennesima vagina in primo piano e l’ennesima tirata di cocaina col culo che quindi porta alla ragionevole domanda sul senso ultimo di questo progetto.

L’unica cosa che mi viene in mente è che Martin Scorsese abbia fatto una scommessa tra amici e parenti su chi la faceva più grossa.
Perdendo.

VOTO:
2 cose grosse e mezza

The Wolf of Wall Street (2013) voto

Titolo cileno: El lobo de Wall Street
Regia: Martin Scorsese
Anno: 2013
Durata: 180 minuti

Black Panther (2018)

Secondo la tesi di questo film reazionario mascherato da pellicola progressista, l’Africa è un continente povero, ignorante e violento dove la gente con l’anello al naso non può fare a meno di farsi la guerra.
Nel suo entroterra sorge un misterioso regno iper-tecnologizzato composto da 5 rissose tribù le quali, alla morte del regnante di turno, si possono (e devono) sfidare per la successione tramite una lotta preistorica a mani nude ai piedi di una scenografica cascata mentre un folto pubblico di gente vestita come spaventapasseri sotto allucinogeni incita la barbarie con suini suoni gutturali e movimenti corporei scomposti.

Ma Wakanda, questo il nome del paese in questione, sta per essere acchiappata da un giovane reietto con sangue blu che è cresciuto a pane e propaganda americana e toccherà a Black Panther insegnargli cosa significa big-bambu.

Black Panther (2018)

Non ho parole, davvero.
L’unica descrizione possibile per un film del genere è vomito controvoglia.

A parte la noia totale e la totale trasparenza del protagonista principale che già così uno dovrebbe tirare i remi in barca e via, quello che veramente fa più impressione è questo strano e ingiustificato miscuglio di avanzamento tecnologico ed usanze barbare e preistoriche che non fanno un buon servigio alla causa perorata dagli autori di questo film per un’Africa differente, un’Africa povera che non aspetta l’aiuto dei bianchi ma che si aiuta da sola, anzi, un’Africa che aiuta il resto del mondo.

E però poi, di ritorno a casa dopo aver parlato in giacca e cravatta alle Nazioni Unite, si fermano un attimo alla cascata locale per una veloce lotta greco-romana per stabilire chi regnerà per i prossimi 50 anni.
Ma te lo immagini se facessimo lo stesso ogni volta che dobbiamo eleggere la presidenza del parlamento europeo?
Ma te lo immagini Antonio Tajani che rotola nel fango a petto nudo urlando come un forsennato mentre stringe tra le cosce Jean-Claude Juncker?

Delle due l’una, come amava dire il mio professore universitario di Letteratura Italiana 1 che per l’esame faceva comprare 4 dei suoi (scarsi) libri a tutti gli studenti portandosi in tasca vari piccioli e arrotondare così il suo già corposo stipendio mensile: o una società evolve omogeneamente portando avanti sia la tecnologia e sia l’organizzazione sociale, oppure questo è solamente un film del cazzo per succhiare i soldi sul quale è stata spruzzata una tiepida diarrea radical-chic senza accorgersi dell’evidente contrasto antropologico che si andava creando.

Io dico boh.
Sono esterrefatto dal livello di razzismo (involontario? volontario? oramai ho perso il conto) che questo film raggiunge.
E la cosa che fa svenire è che invece è stato osannato da pubblico e critica anche e soprattutto per aver portato sullo schermo un supereroe nero.

Beh, guarda: meglio le storte democrazie moderne che feudalesimo e libertà.

VOTO:
2 Tajani

Black Panther (2018) voto

Titolo ispanico: Pantera Negra
Regia: Ryan Coogler
Anno: 2018
Durata: 134 minuti

Zohan – Tutte le donne vengono al pettine (2008)

Cosa puoi fare nella vita dopo che per anni e anni hai sbracato di mazzate il popolo palestinese umiliando il diritto internazionale protetto dall’ombrello militare americano?

Semplice: il parrucchiere in America.
Avrai così l’occasione di fare i capelli lisci alle signore anziane prima di strapazzartele nel retrobottega facendo però al contempo molta attenzione alla possibile comparsata del tuo acerrimo nemico, il terrorista Fatoush “Phantom” Hakbarah.

Zohan - Tutte le donne vengono al pettine (2008)

Sviolinata sionista da far rizzare i capelli in testa per la carica di stereotipi che porta avanti tronfio e fiero come un maiale col cappello di paglia la domenica e imperdonabile affastellamento di situazioni a volte assurde fino all’inverosimile, molte altre semplicemente stupide.

Per concludere, un paio di riflessioni:
1 – Per una volta, il titolo italiano non toglie nulla a quello inglese.
2 – Se mai nella vita verrete decapitati, questo è probabilmente il film che vi verrà in mente mentre la vostra testa starà cadendo nel cestino di vimini.

VOTO:
2 cestini di vimini

Zohan - Tutte le donne vengono al pettine (2008) voto

Titolo originale: You Don’t Mess with the Zohan
Regia: Dennis Dugan
Anno: 2008
Durata: 113 minuti

La casa di carta: 2° stagione (2017)

Proseguono e finiscono le avventure di 8 o 9 o 13 (a seconda dell’episodio in questione) fancazzisti patentati i quali non hanno più voglia di lavorare e quindi pensano di prendere una valanga di banconote dalla zecca di Spagna e vivere di rendita per il resto della vita loro e quella dei loro figli su un’isola sperduta nel mar dei Caraibi mentre la gente normale rimane incatenata al palo di un’esistenza fatta di 8 ore al giorno per 6 giorni a settimana per 40 anni e lo chiamano mondo libero.

La casa di carta- 2° stagione (2017)
e non fa’ il ragazzino, sono solo 10 ore che lavori!

Leggera impennata emotiva per quello che io ho già ribattezzato l’hype cinematografico più ingiustificato dell’anno e fragorosa conclusione zuppa di proiettili pim pum pam ci attaccano sbiribim catapum non ci avrete mai.

Sono spiacente per i feticisti degli sproloqui, ma non c’è molto da dire quando vieni letteralmente prosciugato delle tue energie appresso a 22 episodi di un telefilm che, partendo da un’idea interessante, ovvero quella di seguire un gruppo di rapinatori lungo la sosta forzata dentro la zecca spagnola, si declina poi in una serie di situazioni da soap opera sud coreana.

VOTO:
2 lacrime coreane e mezza

La casa di carta- 2° stagione (2017) voto

Titolo originale: La casa del papel
Creatore: Álex Pina
Stagione: seconda
Anno: 2017
Durata: 9 episodi da 45 minuti

The Guest (2014)

L’Afghanistan, che George W. Bush non riusciva neanche a pronunciare facendo fuoriuscire dalla sua sudicia bocca una simpatica storpiatura di una famosa marca di pellicole fotografiche, ha visto dal 2001 ad oggi la totale invasione dei propri territori da parte di forze straniere predatrici che, con la scusa della ricerca di Osama Bin Laden (che invece pare fosse nascosto in Pakistan, grande alleato degli USA) e il ricatto morale della morte di 3000 persone per quello che molti oramai concordano col chiamare il più grande “Inside Job” della storia mondiale e che è volgarmente conosciuto come “September 11”, hanno bombardato e distrutto un paese grande due volte l’Italia.

Una guerra predatoria che purtroppo ha lasciato sul campo circa 50mila morti, in gran parte civili Afgani che non vedevano l’ora di essere liberati (dalla loro misera esistenza terrena con un colpo in testa da uno dei tanti soldatini americani andati al fronte perché disoccupati), e che non ha risolto praticamente un cazzo nella lotta al terrorismo, anzi ne ha ampliato la portata.

Insomma, complimenti.

Ebbene, in questo film facciamo la conoscenza di David Collins, un giovane reduce americano di suddetta guerra il quale si presenta alla porta della famiglia Peterson per portare gli omaggi e gli ultimi saluti di Caleb, suo commilitone e loro figlio, morto sul campo durante una missione.

Tra la commozione della madre e i sospetti della sorella di Caleb, lo straniero diventa ospite e nel giro di pochi giorni questa scelta si ritorcerà contro la famiglia Peterson in una maniera tale che neanche lo spettatore più smaliziato potrebbe immaginare.

The Guest (2014)

Pressoché perfetto omaggio agli anni ’80 uscito poco prima che gli anni ’80 diventassero quel fenomeno di massa che quindi me li ha fatti tornare ad odiare come ai bei tempi di giovinezza dei giorni lieti degli studi e degli amori, questo film riesce ad essere zeppo di riferimenti a film e tematiche principe degli anni del regresso politico senza però essere né stupido e né noioso, ma anzi riuscendo ad elevare il materiale chiaramente popolare ad un livello quasi artistico grazie ad una colona sonora synthwave piacevolissima che accompagna con grazia una carrellata d’immagini coloratissime (che però rifuggono il pop) e quel giusto pizzico di tensione che non fa mai male.

Nel suo genere di nicchia è un capolavoro che sicuramente vale una visione per tutti quelli che sono cresciuti con Carpenter (citato sin dal font usato per il titolo) e i film di fantascienza con elementi action-horror.

VOTO:
5 elementi

The Guest (2014) voto

Titolo originale: The Guest
Regia: Adam Wingard
Anno: 2014
Durata: 100 minuti

Un tipo imprevedibile (1996)

Happy Gilmore vuole fare il giocatore professionista di hockey, da sempre, ma da sempre gioca di merda e non c’è santo che tenga: non farà mai parte di una squadra professionista.

Si da il caso invece che tiri certe mazzate a golf niente male, tipo che riesce a fare oltre 360 metri con un colpo solo, e questo potrebbe essere il biglietto da visita per i tornei professionisti grazie ai quali riuscirebbe a racimolare abbastanza soldi da ricomprare la casa della nonna, messa all’asta perché la vecia non ha pagato le tasse per 10 anni.

Amori e coccodrilli a far da contorno.

Un tipo imprevedibile (1996)

Una commedia gradevole che non aggiunge un pelo al panorama esistente.

Vale la pena una visione distratta un pomeriggio qualunque di un giorno da cani estivi anche perché è uno dei pochi film in cui Adam Sandler non risulta pesante mentre fa le sue smorfie del cazzo; se aggiungiamo quel bizzarro pizzico di nonsense che purtroppo poi sfocerà sempre più nei film targati Sandler in una presa di posizione denigratoria d’ogni tipo di minoranza ad uso e consumo del pubblico idiota, allora si riesce a portare il risultato a casa.

VOTO:
3 smorfie

Un tipo imprevedibile (1996) voto

Titolo originale: Happy Gilmore
Regia: Dennis Dugan
Anno: 1996
Durata: 92 minuti