Ave, Cesare! (2016)

Storia parecchio ingarbugliata di un produttore hollywoodiano dell’epoca d’oro degli studios che non riesce a rinunciare alla sua folle vita piena zeppa di personaggi eccentrici, sessualmente cataclismatici e irrimediabilmente diversi dalle loro controparti filmiche per farsi quindi assumere alla Lockheed e ritrovarsi circondato da personaggi meschini, politicamente cataclismatici e irrimediabilmente diversi dalle loro maschere pubbliche di perbenismo sociale.

Nel mezzo c’è un famoso attore che viene rapito da un gruppo di studio comunista composto da parecchi sceneggiatori cinematografici mentre sta girando un film su un legionario romano folgorato dalla figura del Cristo, film nel quale sono state inserite pillole subliminali da sceneggiatori sovversivi per convertire il popolo americano alla causa rivoluzionaria contro lo stato borghese.

Ave, Cesare! (2016)

Come al solito la fragranza narrativa scorre forte nelle vene dei fratelli Coen come pure la dovizia tecnica e la recitazione sopra le righe che contraddistinguono un po’ tutta la loro cinematografia più comica.

D’altra parte si respira in più punti la superficialità di un’opera che strizza l’occhio ad argomenti anche interessanti tipo i possibili protagonisti del maccartismo che si muovevano nei retroscena del carrozzone filmico americano dell’epoca mentre una sfatta umanità di fatti ripuliti alla bell’e meglio si muoveva nell’interiora dello stato borghese.

VOTO:
3 Pravda e mezzo

Ave, Cesare! (2016) voto

Titolo originale: Hail, Caesar!
Regia: Ethan Coen, Joel Coen
Anno: 2016
Durata: 106 minuti
Compralo: http://amzn.to/2gpAQZW

Father’s Little Dividend (1951) [Full Movie]

In this sequel to Father of the Bride (1950), newly married Kay Dunstan announces that she and her husband are going to have a baby, leaving her father having to come to grips with the fact that he will soon be a granddad.

Buy the DVD ➤ http://amzn.to/2xHGnCd
This movie is in public domain.
[this version has FIXED the Sync issue]

Titolo italiano: Papà diventa nonno
Regia: Vincente Minnelli
Anno: 1951
Durata: 82 minuti

Yuppies – I giovani di successo (1986)

Credo che la frizzante commedia su 4 rampanti arrivisti nella Milano da bere dell’86 non possa meglio essere descritta se non da una delle innumerevoli fantastiche battute sciorinate come lenzuoli sporchi di sangue la mattina dopo la prima notte di nozze:

Volevo andare via dalla pazza folla.
Come in quel film degli anni ’60, Sciuscià.

Massimo Boldi

Yuppies - I giovani di successo (1986)

Ma come vuoi commentare un film che ha inquadrature tipo questa: De Sica che caca, Boldi che si fa la barba e un culo?

Non solo sono rimasto totalmente stupefatto da questa macchina ad orologeria che corre a 100 all’ora sull’autostrada del mio cuore, ma mi sono ritrovato pure ad essere rincorso da 100 cani di comicità, 100 situazioni e perle comiche tipo:
il maggiordomo negro sorridente, le ricche puttane con l’accento francese, le sigarette Chesterfield sempre in favore di camera, Jerry Calà, i salatini mancanti, le minorenni da ciulare, Cortina d’Ampezzo, le trattorie pugliesi, i flute conici, le calze nere, Jerry Calà.

Ma vi rendete conto?
Queste sono belve, bestie da palcoscenico senza pudore, cani sciolti in mezzo al pollaio.
Io ho paura, il futuro è in pericolo, fermateli, presto, ora, perché il prossimo potresti essere tu, o tu… o tu.

VOTO:
3 ricche puttane

Yuppies - I giovani di successo (1986) voto

Titolo corto: Yuppies
Regia: Carlo Vanzina
Anno: 1986
Durata: 90 minuti

Le spie vengono dal semifreddo (1966)

Franco e Ciccio sono portieri di un albergo lussuoso, ma il loro grande sogno è fare le spie come 007… perché cosa c’è di meglio al mondo che uccidere gli uomini e fottersi le donne?

A seguito di una brevissima e abbastanza sconclusionata sequenza di cui ho perso il filo dopo neanche 20 secondi, i due beceri ignoranti vengono presi dal servizio segreto americano e mandati subito in missione: il loro obiettivo è il dottor Goldfoot (chiara parodia di Goldfinger), uno scienziato pazzo (interpretato da un Vincent Price come non te lo aspetti) che costruisce donne bomba (tipo nei cartoni animati con Tom & Jerry) che poi esplodono al contatto coi più importanti generali americani e russi.
Il suo scopo finale è decimare gli alti comandi delle due nazioni e permettere quindi l’ascesa della Cina quale potenza mondiale.

Le spie vengono dal semifreddo (1966)

Partiamo dal presupposto che io Franco e Ciccio li odio; di un odio profondo che nasce non dalla loro evidente cretineria e pochezza artistica, ma dall’incredibile successo in Italia di un modo di fare commedia così povero da meritare l’elemosima dai monaci buddisti.

Detto questo, anche a voler essere obiettivi qui c’è veramente poco da salvare sotto ogni possibile aspetto cinematografico.
Certo, devo ammettere che vedere Vincent Price travestito da suora è stata un’esperienza più unica che rara, ma il resto del film è veramente un’accozzaglia micidiale da far accapponare le pelle mentre si tirano fuori due o tre bestemmie coi fiocchi.
Bestemmie tipo “Madonna ladra di cuori”, “Gesù autoflagellato con il cilicio sporco”, “san Giuseppe umiliato e scotennato sulla pubblica piazza” e via dicendo.

Simpatico rivedere la por’anima di Laura Antonelli, l’attrice con la fronte tipo Piazza del popolo che, dopo aver recitato in 174 film mostrando le sue bellissime chiappe, è finita grassa, deturpata dalla chirurgia plastica, imbottita di cocaina, ma con la fede in Cristo redentore mortificato da una valanga di merda.

Gesù, redimiti ‘sto cazzo.

VOTO:
1 Gesù e mezzo

Le spie vengono dal semifreddo (1966) voto

Titolo inglese: Dr. Goldfoot & the Girl Bombs
Regia: Mario Bava
Anno: 1966
Durata: 82 minuti

Bingo Bongo (1982)

Questa è la storia di uno di noi, anche lui cresciuto per caso nel Congo da una famiglia di scimmie e successivamente fatto prigioniero da un gruppo di scienziati tedeschi operanti a Milano che lo importano di straforo dentro una cassa di legno per condurre su di lui esperimenti al limite del ridicolo al fine di verificare le differenze tra uomo e animali.

Bingo Bongo scapperà quindi dall’istituto alla ricerca della dottoressa Laura, un troione tabagista totalmente inespressivo che si dichiara animalista ma che tiene un acquario sotto la televisione in salotto e ha come animale da compagnia uno scimpanzè a cui somministra sigarette Marlboro così che la produzione del film possa intascare dei bei dindini dalla compagnia di tabacco; ricevuti parecchi due di picche dalla tabagista, il nostro prode tenterà prima di tornare in Africa (fallendo) e poi si farà portavoce delle rivendicazioni di tutti gli animali del mondo che vengono sfruttati, uccisi, torturati e mutilati per i piaceri della razza umana.

Da notare: a tre quarti del film, Bingo Bongo si mangia una bistecca dopo aver succhiato avidamente le tette di una levatrice alquanto zozzona.

Bingo Bongo (1982)

Complimenti Celentano.
Davvero, complimenti.

Ci sarebbe poco da dire su questo budello di tua madre travestito da film animalista travestito da pirata, se non fosse che il regista ha firmato le sceneggiature de Il Gattopardo e Rocco e i suoi fratelli
mai come in questo caso quindi vale l’adagio: l’abito non fa il budello di tua madre travestito da pirata.

Di tutto il film l’unica cosa che a tutt’oggi mi lascia ancora qualche piacevole brivido è l’andamento musicale lamentoso su una stanza della canzone Jungla di città, cantata da Celentano stesso:

La vedo brutta per l’umanita
siamo troppi sulla terra come tappi della birra
è una follia
Ma se scoppia l’altra guerra saremo tombe nell’alta marea
perché le bombe non cambiano idea

VOTO:
2 tombe

Bingo Bongo (1982) voto

Titolo sovietico: Бинго Бонго
Regia: Pasquale Festa Campanile
Anno: 1982
Durata: 102 minuti

Wonder Woman (2017)

Sull’isola di Themyshira vivono le Amazzoni, un gruppo di donne soldato create da Zeus per difendere gli uomini dall’autodistruzione con le loro forme provocanti e una resistenza corporea fuori portata.
Siccome però la magia del coito dura poco, gli uomini tornano presto ai loro istinti violenti e Ares, dio della guerra geloso dei mortali, scatena un putiferio da soap opera sud americana uccidendo tutti gli dei tranne Zeus che fa appena in tempo con le ultime forze a depotenziarlo mettendo in stand-by la sua sete d’attenzione paterna.

Passando gli anni, passano i governi, ma Ares è sempre lì a tramare la distruzione del genere umano e quando scoppia la prima guerra mondiale i tempi sembrano propizi per l’agognata grande morte, parente spuria della piccola morte che gli uomini bramano con le loro manine da castori avidi di apologetiche copule.

E c’è solo una cosa che può fermare tutto questo:
una donna semi-dio di nome Diana che per esigenze di marketing prenderà il nomignolo di Wonder Woman, la donna meraviglia… di nome, di fatto e di corpo.

Wonder Woman (2017)

Vabbè: belli i costumi, belle le scenografie, belle le location, belle le scene d’azione, bella tanta roba…

ma come cazzo è possibile che una spia inglese si travesta da gerarca germanico per entrare di straforo ad una riunione dell’alto comando tedesco e parli in inglese con l’accento sbilenco senza che nessuno batta ciglio?
No davvero, no dico davvero davvero, no cioè, ma che davvero davvero?

Lasciandoci alle spalle l’anglofonia forzata dei film hollywoodiani, mi piacerebbe spendere poi anche un paio di parole sul presunto femminismo espresso da questa pellicola: ora, io capisco che avere un film coi supereroi virato al femminile (protagonista e regista) può smuovere gli animi più semplici verso un’emotività telefonata ed un generale senso di soddisfazione dovuto al ribaltamento dei generi, ma qui il ribaltamento è solo pubico.
Si dà il caso infatti che per farcela in un mondo patriarcale e maschilista sia ancora essenziale, pure in un film di fantasia, assumere le stereotipiche connotazioni maschili di superiorità muscolare, eroismo idiota e manicheismo morale.
E questo discorso vale anche se Diana rompe il cazzo a più non posso appena vede un bambino in lacrime o una donna ferita (sottolineando la natura protettrice femminile) e ripete 47 volte come tutti gli uomini sono buoni (anche i tedeschi) e che se lei ucciderà Ares tutti torneranno ad abbracciarsi spontaneamente come fottute streghe durante un fottuto sabba di sangue e sesso.

Mi fa piacere ricordare a riguardo due cose:
1 – che i rapporti sessuali consumati durante un sabba sono privi di piacere carnale, il coito diabolico è cruento e devastante e il seme di Satana freddo come il ghiaccio.
2 – Gal Gadot è sionista.

VOTO:
3 monte Zion e mezzo

Wonder Woman (2017) voto

Titolo originale: Wonder Woman
Regia: Patty Jenkins
Anno: 2017
Durata: 141 minuti

La mia vita da Zucchina (2016)

Icare è un bambino solo soletto che passa tutto il giorno a scarabocchiare sui muri di casa mentre la madre s’imbottisce di alcolici per dimenticare l’abbandono del tetto coniugale del marito.
Un bel giorno Icare, per sfuggire alle sfuriate della terribile genitrice, le chiude la botola della soffitta in testa facendola quindi precipitare a terra e provocandole una leggerissima frattura del collo.

Questo simpatico episodio apre le porte dell’orfanotrofio per Icare (che vuole farsi chiamare Courgette) e la prospettiva di una vita miserevole sulle spalle dei contribuenti francesi i quali si sa hanno una particolare repulsione per i giovani homo sapiens, maledettissime piccole scimmie antropomorfe buone solo a far legna per i rigidi inverni della ragione mentre io mi crogiolo nell’ipotermia sottocutanea della possessione demoniaca frantumata sulle gengive dei testimoni dello scempio scenico scemunito scisso scelleratamente in mille bolle di champagne.

La mia vita da Zucchina (2016)

Bella prova per il cinema d’animazione in stop motion (o passo uno che dir si voglia); meno bella prova per una sceneggiatura certamente carina ma un po’ semplicistica per un pubblico sopra i 10 anni.

Questa tenera storia d’amore ritrovato quando meno te l’aspetti gioverà sicuramente a tutti gli orfani del mondo che parlano francese e si trovano in località dotate d’impianti elettrici a cui attaccare gli schermi dai quali suggere cotanta paziente abilità manuale; per il restante 99% dell’umanità forse è meglio l’accesso all’acqua potabile.

VOTO:
3 nasoni e mezzo

La mia vita da Zucchina (2016) voto

Titolo originale: Ma vie de Courgette
Regia: Claude Barras
Anno: 2016
Durata: 66 minuti

The General (1926) [Full Movie HD]

When Union spies steal an engineer’s beloved locomotive, he pursues it single-handedly and straight through enemy lines.

Directors: Clyde Bruckman, Buster Keaton
Writers: Buster Keaton, Clyde Bruckman
Stars: Buster Keaton, Marion Mack, Glen Cavender

Buy the DVD ➤ http://amzn.to/2vhUCMS This movie is in public domain.

Titolo italiano: Come vinsi la guerra
Regia: Buster Keaton
Anno: 1926
Durata: 67 minuti

Le iene (1992)

Mr White, Mr Orange, Mr Blue, Mr Blonde, Mr Brown and Mr Pink sono un drappello di criminali senza nome assoldati da Joe ed Eddie Cabot per rubare una sacca di diamanti d’inestimabile valore.
Questi 6 dell’ave maria dovranno farsi largo tra una moltitudine di poliziotti intervenuti preventivamente grazie ad una soffiata di un doppio giochista all’interno della banda (un poliziotto che si finge criminale per catturare il pericoloso Joe Cabot) per ritrovarsi poi al rendez vous pre-stabilito, un capannone desolato e inquietante all’interno del quale si svolge la maggior parte della vicenda.

Chi sarà la talpa?

Le iene (1992)

Debutto sul grande schermo col botto per Tarantino che, per niente intimidito dal set, dall’ottimo cast e dalla propria inesperienza, ha confezionato un gioiellino ad orologeria carico di tensione più o meno chiaramente ispirato ad una moltitudine di altre (altrui) pellicole che il beneamato Quentin fagocitava all’epoca del suo lavoro al videonoleggio.

Un sapiente uso del montaggio (reminiscente di The Killing), un’atmosfera pulp-noir che troverà esplicito coronamento col successivo Pulp Fiction e una messa in scena da teatro shakespiriano rendono questa pellicola semi-indipendente uno dei migliori film degli anni ’90 e forse anche di tutta la cinematografia moderna.

VOTO:
5 violini

Le iene (1992) voto

A-Team (2010)

4 soldati fuori dagli schemi (leggasi: teste di cazzo) fanno comunella per sconfiggere il male chiamandosi Squadra Alpha così da sottolineare la loro insoluta voglia d’essere i maschi number 1 del quartiere.

Il film concentra le forze narrative su uno dei loro casi precedenti alla serie tv (ebbene sì: è un prequel) ovvero quello che li ha fatti radiare con disonore e sbattere in galera.
Ma loro sono troppo forti e se ne strafottono delle regole, in carcere c’hanno la jacuzzi e se gli dai 6 mesi sono imbattibili.
A una certa poi ho abbassato un po’ il volume e ho dormicchiato, poi mi sono svegliato e stavano precipitando dal cielo dentro un carro armato con dei paracadute sparando verso terra per rallentare la velocità di caduta…

Jessica Biel è bona, ma è sempre più manichino.
Liam Neeson se la batte sempre più con Samuel L. Jackson per il titolo di Mignotta d’Hollywood.

A-Team (2010)

Trasposizione cinematografica di un imbarazzante serial anni ’80 di cui quindi non se ne sentiva la minima mancanza.

Tralasciando le ovvie critiche sulla mancanza di spessore, sulle caratterizzazioni macchiettistiche e sulla velocità supersonica del montaggio che lascia più di una volta abbastanza frastornati, quello che più mi ha fatto incazzare è stato l’arco emotivo del personaggio del nero B.A. Baracus il quale, sposata la non violenza durante il periodo di prigionia, viene convinto ad uccidere nuovamente da Liam Neeson che gli cita una frase di Gandhi sull’apatia che maschera l’impotenza.
Ovviamente, da bravo maschio alpha, quando viene anche lontanamente insinuato che lui possa essere impotente, Bosco Baracus torna sui suoi passi e spezza il collo di uno dei cattivi con una mossa di wrestling…

…proprio come avrebbe fatto Gandhi.

VOTO:
2 Gandhi

A-Team (2010) voto

Titolo originale: The A-Team
Regia: Joe Carnahan
Anno: 2010
Durata: 117 minuti

Santa Claus Conquers The Martians (1964) [Full Movie]

The Martians kidnap Santa Claus because there is nobody on Mars to give their children presents.

Director: Nicholas Webster
Writers: Glenville Mareth (screenplay), Paul L. Jacobson (based on a story by)

Buy the DVD ➤ http://amzn.to/2tysl7l This movie is in public domain.

Titolo alternativo: Santa Claus Defeats the Aliens
Regia: Nicholas Webster
Anno: 1964
Durata: 81 minuti

Pinuccio Lovero – Sogno di una morte di mezza estate (2008)

Piccola vera tragicomica storia pugliese di un ignorantello che poco dopo il mezzo del cammin di sua vita ancora non è riuscito a realizzare il sogno più grande: fare il becchino.

Tra distorte interviste ad amici e conoscenti, (letterali) carrellate per le strade del cimitero di Mariotto e un’interminabile serie di parole arrangiate alla rinfusa dal protagonista Pinuccio, si scopre a poco a poco quell’innegabile legame umano che unisce tutti quanti: stupidi furbi ricchi poveri maschi femmine e cantanti, su un tappeto di contanti nel cielo blu.

Pinuccio Lovero - Sogno di una morte di mezza estate (2008)

Piccolo documentario per piccola grande storia di uno di noi, anche lui nato per caso in Italia; un paese dove ti mandano a lavorare da minorenne, ti ficcano in testa stupide e dolorose idee religiose, ti fanno attaccare i manifesti elettorali per un posto di lavoro e poi ti buttano via quando hanno finito con te… e devi sperare che qualche anima buona si ricordi di te quando verrà la Signora a prendersi la tua.

Di materiale umano ce n’è, ma bisogna ringraziare soprattutto il cinematografo (Michele D’Attanasio che ha firmato Lo chiamavano Jeeg Robot) e il montatore che ha fatto i miracoli dando un bel ritmo al tutto.

VOTO:
4 Signore

Pinuccio Lovero - Sogno di una morte di mezza estate (2008) voto

Titolo originale:
Regia: Pippo Mezzapesa
Anno: 2008
Durata: 56 minuti