Road to Bali (1952) [Full Movie]

Buy the DVD ➤ http://amzn.to/2jDHK2S This movie is in public domain.

Two unemployed show-biz pals accept treasure-diving work in Bali for a local princess and they find treasure, love and trouble.

Director: Hal Walker
Writers: Frank Butler (screenplay), Hal Kanter (screenplay)
Stars: Bing Crosby, Bob Hope, Dorothy Lamour

Titolo italiano: La principessa di Bali
Regia: Hal Walker
Anno: 1952
Durata: 91 minuti

Pirati dei Caraibi: la vendetta di Salazar – Trailer Reaction

Reagiamo al trailer del quinto film coi pirati, questa volta spagnoli.

Si parla di:
pirati, delusioni e migranti africani.

Titolo originale: Pirates of the Caribbean: Dead Men Tell No Tales
Regia: Joachim Rønning, Espen Sandberg
Anno: 2017
Durata: ?

S.O.S. fantasmi (1988)

Francis Xavier Cross è il direttore di una stazione televisiva privata che comanda con pugno di ferro, cuore di ghiaccio e umorismo nero.
Avendo cominciato dal basso ed essendo passato attraverso un tragitto lavorativo iperbolico durante il quale ha calpestato tutto e tutti pur di giungere in vetta alla piramide sociale, Frank sta preparando un importante speciale natalizio sull’intramontabile classico di Dickens A Christmas Carol che dovrebbe dargli quella spinta finale per dire addio al mondo terrestre e alle umane convenzioni emotive.

Purtroppo, o per fortuna, la vigilia di Natale vengono a fargli visita i famosi 3 spiriti (del passato, del presente e del futuro) i quali cercheranno di aprirgli gli occhi sulla sua “triste condizione” di ricco e potente privilegiato che non deve preoccuparsi su come pagare un ricovero in ospedale o la bolletta del gas.

S.O.S. fantasmi (1988)
beati gli ultimi perché saranno i primi a morire

Commedia nera natalizia con protagonista un malefico Murray in buona forma il quale riesce a reggere sulle sue spalle molta parte di quest’ennesima rielaborazione del classico Canto di Natale, vero e proprio capostipite della (giusta) gogna pubblica della ricca e menefreghista classe borghese.

Nonostante quindi un percorso narrativo prevedibile e un finale forse fin troppo scontato e (stranamente) affrettato nella telefonata conversione dell’odiato protagonista, il film si lascia vedere molteplici volte con grande simpatia e alcune scene rimarranno sicuramente nell’immaginario di quei giovani che avranno il coraggio di prestare l’occhio a questa pellicola vagamente educativa.

Come quel recensore che da bambino rimase molto impressionato dal cadavere del senzatetto Herman, con l’orologio ancora in mano e il mignolo sovrapposto all’anulare in un’eterna principesca erezione di ghiaccio.

VOTO:
4 calippo

S.O.S. fantasmi (1988) voto

Titolo originale: Scrooged
Regia: Richard Donner
Anno: 1988
Durata: 101 minuti

La casa stregata (1982)

Questa è la spaventevole storia di come l’impiegato di banca in sovrappeso Giorgio Allegri si ritrovi tra i coglioni lo spirito di un musulmano col turbante il quale vuole farlo accoppiare con la sua bella fidanzata bionda dal cervello fino esclusivamente durante una notte di luna piena così che il suo padrone arabo possa tornare in vita dopo essere stato trasformato in una statua di sale dalla madre strega del suo vergine amore dentro un palazzo sotto l’Appia Antica, fuori Roma, 1000 anni addietro.

Una trama molto lineare, no?

La casa stregata (1982)

Esperimento copulativo poco riuscito tra Pozzetto e l’horror comico.
Se sorvoliamo sull’assurdità di certe affermazioni, una trama molto stupida e in larga parte datata nella sua sistematicità tradizionalista da pre ’68, delle interpretazioni un po’ troppo caricaturali e una certa incongruità tra le azioni del magico saraceno e le sue intenzioni finali (ma perché cazzo fa impazzire di dispetti la giovane coppia quando il suo scopo è farli scopare nello scantinato?), quello che rimane di buono è solo il cane Gaetano.

VOTO:
3 Gaetano

La casa stregata (1982) voto

Titolo inglese: The Haunted House
Regia: Bruno Corbucci
Anno: 1982
Durata: 95 minuti

House (1977)

La giovane Gorgeous non prende molto bene il fatto che suo padre, rimasto vedovo, abbia ancora delle pulsioni sessuali e voglia perciò risposarsi con un’altra donna; quindi, per ovviare all’insostenibile convivenza, la ragazza parte assieme ad altre 6 amiche, una più cogliona dell’altra, per andare a passare le vacanze estive con la zia (vedova di guerra) che non vede da qualche lustro.

Sfortunatamente nel frattempo il male ha preso possesso dell’anziana parente e le 7 mentecatte finiranno molto male visto che era il 1977 e i paladini della non-violenza sulle donne non esistevano ancora.

House (1977)

Questo è forse il film più strano che abbia mai visto e non so se sia un complimento oppure no.
Scritto seguendo delle idee infantili partorite dalla figlia del regista (e si vede), il film continua ad oscillare tra una sciocchezza profusa a manganellate e un pesante gore tipicamente nipponico entrambi iniettati nella vena libertina di un eroinomane.

Sicuramente molto del folklore e della tradizione giapponese vanno perdendosi di fronte ad un pubblico occidentale che è abituato ad una narrazione in tre atti dotata (soprattutto) di un senso logico e (possibilmente) una morale; in altre terre del mondo invece ci sono ancora esseri umani che si fumano l’erba pipa e decidono di fare un film fregandosene al cazzo dell’arco e della catarsi.

E questo è il risultato.

VOTO:
3 pipe

House (1977) voto

Titolo originale: ハウス Hausu
Regia: Nobuhiko Ôbayashi
Anno: 1977
Durata: 88 minuti

The Conjuring – il caso Enfield (2016)

Storia di quattro bambini inglesi poveri e senza padre che, per racimolare l’attenzione di una madre nervosa e assente, si inventano la presenza in casa dello spirito inquieto di un vecchio sdentato sollevando un vespaio di polemiche intorno alla veridicità delle loro affermazioni e facendo arrivare per direttissima dalle Americhe i coniugi Lorain e Edward Warren, noti bugiardi del paranormale, i quali non perdono un attimo nell’infilar le loro sudicie mani nella triste melma di un’Inghilterra sottoproletaria alla disperata ricerca di un’identità di classe oramai persa durante gli anni bui di Margaret Thatcher, il più bell’uomo della storia del conservatorismo anglo-sassone.

The Conjuring – il caso Enfield (2016)

Seguito di quella perla cattolica mascherata da film dell’orrore chiamata The Conjuring che (come alcuni dei miei più assidui lettori ricorderanno) mi aveva fatto venir voglia di bruciare chiese e campanili, questo mediocre secondo capitolo (del quale sinceramente non si sentiva la mancanza) insiste sui temi centrali di alcune vicende realmente accadute ma in termini molto più blandi e molto meno convincenti di come la pellicola vorrebbe farci credere e cioè: gli spiriti esistono e sono incazzati, farsi pagare per cacciarli è una legittima professione e Cristo Salvatore è l’unica via.

Belle le prime volanti inquadrature volte a tratteggiare gli spazi entro i quali si svolgerà l’intero mistero; per il resto, siamo dalle parti di “brufoli e popcorn”.

VOTO:
3 Cristo Salvatore

The Conjuring – il caso Enfield (2016) voto

Titolo originale: The Conjuring 2
Regia: James Wan
Anno: 2016
Durata: 134 minuti

Lights Out (2016)

Abbiamo visto il film che se spegni la luce muori.

Si parla di:
Trama, come buttiamo un’ora della nostra vita, Spoilers, Doppiaggio, il punto a favore, il Cast, un Dubbio, Coerenza narrativa, il Jump Scare, Inquadratura VS Messa in scena, Film migliori di questo, come non costruire una storia, e Conclusioni.

Titolo originale: Lights Out
Regia: David Sandberg
Anno: 2016
Durata: 81 minuti

Ghostbusters (2016)

La storia penso la sappiate: ci sono 3 scienziate che, per incompetenza e per idiozia, si ritrovano improvvisamente disoccupate e quindi, sfruttando le loro conoscenze sul paranormale, decidono di aprire partita iva e cominciare ad acchiappare fantasmi in cambio di pecunia.
Dopo aver aperto da neanche una settimana uno studio sopra un ristorante cinese (che questo film progressista e a favore delle minoranze ci ricorda puzzi e serva cibo scadente), le 3 ragazze dai modi mongoloidi pensano sia arrivato il momento di assumere un segretario visto che ricevono zero chiamate al giorno.
Al colloquio si presenta un bel ragazzone dall’intelletto pressocché assente, e qui vorrei fermarmi un secondo: questo belloccio che quando c’è un rumore forte si copre gli occhi invece delle orecchie (…) è ovviamente un personaggio messo lì a fare da contraltare allo stereotipo della donna oggetto spesso usato nei film e nei media americani; una frecciatina grande come una capanna del regista omosessuale-da-salotto-buono Paul Feig e della produttrice femminista-della-domenica Amy Pascal.
La cosa che però non quadra è che, nel film originale, Janine la segretaria era una donna dalla bellezza discutibile e dai modi di rapportarsi molto sarcastici; rappresentava il buon senso e la serietà di un cittadino il cui pensiero principale era arrivare alla fine del mese mentre tutt’intorno a lei un gruppo di bambini cresciuti (male) venivano baciati dalla fortuna.
A conti fatti quindi Ghostbusters del 1984 era più femminista di questo.

Ghostbusters (2016)
poster femminista: donne con oggetti fallici in fase eiaculatoria

Il resto poi è un misto di incoerenza e situazioni finto-comiche a volte persino imbarazzanti, tipo la sguaiata bigliettaia nera della metro che parla a voce alta e che, molto incredibilmente, dimostra di aver visto sia The Shining che Oprah Winfrey, la quale si unisce presto alle 3 mongoloidi (spinta da nessuno motivo se non quello di dimostrare che Hollywood non è razzista) portando quindi quel pizzico di vulgus in una storia altrimenti ad uso e consumo della periferia bianca medio borghese.

Infine, col potere di trappole e zaini protonici inventati dalla lesbica col deficit dell’attenzione che però non si può dire che è lesbica (perché nel 2016 va bene il femminismo con la manicure e il profumo, ma una donna maschiaccio che non si atteggi da idiota forse è volere troppo) le acchiappafantasmi metteranno un freno ai piani diabolici di un cameriere d’albergo.
Sì, perché il cattivo di questo film lavora in hotel, con il vestito rosso e i bottoni dorati…interessante come personaggio antagonista, eh?

No!?!
Mmm…forse sarà perché avrebbero dovuto spendere più tempo a creare una storia interessante invece di spingere l’uguaglianza sessuale a suon di leccate provocatorie alle pistole, andamenti di bacino sul culo di Chris Hemsworth e violenza sconsiderata sotto forma di calci e pugni.
Questo non si chiama femminismo…si chiama idiozia.
Anzi peggio: è capitalismo spiccio travestito da satira sociale dal reparto marketing della Sony Corporation.
La stessa Sony che continua a produrre le smerdate di Adam Sandler, alcune tra le “opere” più maschiliste e razziste di Los Angeles.

VOTO:
2 messaggi capitalisti spicci travestiti da satira sociale

Ghostbusters (2016) voto

Titolo originale: Ghostbusters
Regia: Paul Feig
Anno: 2016
Durata: 116 minuti

Ghostbusters (1984)

Peter Venkman, Raymond Stantz ed Egon Spengler sono tre ricercatori alla Columbia University di New York dai metodi discutibili e con in testa teorie sul paranormale da camicia di forza.
Sbattuti fuori dall’università a calci in culo e messisi quindi in proprio con l’etichetta di acchiappafantasmi, questi tre sventurati portasventura devono ringraziare iddio per aver beccato il momento giusto, ovvero la venuta di Gozer il gozeriano, un dio distruttore sumero che porterà terrore e morte sotto le simpatiche spoglie dell’omino dei marshmallow, che in italiano si chiamano toffolette.
E la mia vita ora ha preso un’altra piega.

Ghostbusters-(1984)
l’omino delle toffolette in azione

Eccezionale commedia anni ’80 in gran parte giocata su un umorismo sottile e adulto, basti pensare ai tanti piccoli scambi tra Murray e Aykroyd, questo vecchio e caro Acchiappafantasmi (per una volta il titolo è stato tradotto bene) rimane fresco e piacevole nonostante l’abbia visto 372 volte.
Pieno di momenti fulminanti (tipo i ricchi indifferenti dentro il gazebo a Central Park) ed interpretazioni favolose e per nulla scontate (come Rick Moranis nei panni di  Louis), la pellicola riesce pure ad essere non razzista e non maschilista nonostante abbia un nero sottomesso e una donna da salvare: il primo infatti mantiene una sua dignità e un’identità propria mentre la seconda (Sigourney Weaver) è una violencellista in carriera che vive da sola e non si fa fregare dai modi da lumacone di Peter.

Purtroppo si è pensato bene (male) di fare un remake del cazzo con un cast tutto al femminile.
E indovinate di chi è la colpa?
Di una donna (Amy Pascal) e di un frocio (Paul Feig).
Ovviamente non ce l’ho né con l’una né con l’altro per essere una femmina e un giraculo, sai quanto me ne frega.
No, io ce l’ho con lei perché è un’emerita stronza manager dei miei stivali la quale pensa di fare un servizio al gentil sesso mettendo in scena umilianti siparietti da avanspettacolo con la complicità di un omosessuale, lui, il quale tenta di acchiappare un certo pubblico rosa con la solita minestra di colorato infantilismo, tutto degno della dominante ideologia fascio-neoliberista che vede di buon occhio donne e froci solo quando sanno stare al loro posto, e cioè al servizio del maschio alfa.

Mortacci vostra, che le tofolette ve sfonnino!

VOTO:
4 tofolette

Ghostbusters-(1984)-voto

Titolo originale: Ghostbusters
Regia: Ivan Reitman
Anno: 1984
Durata: 105 minuti

It Follows (2015)

Sono i primi anni ’80 e Jay è una teenager come tante: va al liceo, vive in un bel quartiere residenziale all’americana e vuole scoparsi il suo nuovo ragazzo, Hugh.
Una di queste cose però le tornerà in culo con la rincorsa.

Gira infatti una maledizione che si trasmette per via sessuale: una volta che la prendi da uno (già maledetto), un’entità ti seguirà a passo d’uomo fino a che non ti raggiungerà e ti farà a pezzi, non prima però di averti stuprato violentemente; fatto ciò, tornerà a seguire la persona precedente fino a raggiungerla ed ucciderla… o fino a che questa non cercherà di scoparsi qualcun altro per passare l’infamia a quel povero disgraziato.

It Follows (2015)

Vi ricordate quei video progresso anni ’90 del ministero della salute con la gente dal contorno viola?
Sì, quello che dovevi evitare l’AIDS altrimenti ti beccavi il contorno viola anche tu.
Ecco, It Follows è un po’ questo… e un po’ Carpenter, un po’ Gus Van Sant, un po’ Kubrick e un po’ l’anima de li mortacci sua che te mette paura.

Allora, penso abbiate già capito che il film è un non tanto velato metaforone sulle malattie veneree e sulla morte sociale, prima che personale, che spesso consegue l’infezione con la malattia.
Fosse però solo questo, il film sarebbe un pippone moralistico, come la pubblicità progresso di cui sopra; invece il giovane regista Mitchell confeziona intorno a questa semplice idea terrorizzante un prodotto raffinato ed eccezionalmente minimalista.

Guardando le lente panoramiche che seguono l’azione, gli zoom su paesaggi apparentemente vuoti e la desolazione di una Detroit in rovina, caduta su se stessa, non si può che rimanere incantati.
Le musiche (tutte create con sintetizzatori molto fine anni ’70, inizio anni ’80) sottolineano i momenti di tensione e quelli di riflessione con dovizia e con riserbo; queste note sostenute oltre il dovuto unite alle inquadrature perfette del film in questione fanno venire in mente in più di un’occasione le atmosfere di The Shining del compianto Kubrick, il che fa capire bene la portata di questa opera semi-esordiente.

Insomma, siamo di fronte ad un prodotto ottimo che, partendo da un concetto minimale ma efficace, arriva a delle punte di eccellenza d’altri tempi.

VOTO:
5 morti viventi alla Romero

It Follows (2015) voto

Titolo originale: It Follows
Regia: David Robert Mitchell
Anno: 2015
Durata: 100 minuti

Storia di fantasmi cinesi (1987)

Ning Tsai-Shen è un giovane esattore delle tasse che gira per i villaggi cinesi a riscuotere i dindini dovuti allo stato.
Arrivato in una piccola città, trova rifugio in un tempio abbandonato; quello che Ning non sa è che il luogo è frequentato da spiriti maligni in cerca di facili prede da donare poi al Demone Albero che succhia loro la linfa vitale.
Per attirare queste prede, viene usato lo spirito di una giovane ragazza, Nieh Hsiao-Tsing, che deve sposare a breve il Demone dell’albero (di cui sopra) sotto cui è stata sepolta.

Ovviamente, essendo un film d’amore travestito da cappa e spada, l’umano e il fantasma si innamoreranno e Ning cercherà in tutti i modi di salvare Nieh dall’eterno castigo a cui sembra condannata.

Storia di fantasmi cinesi (1987)
l’eterno castigo qui assume la forma di un cazzo-spada

I film di cappa e spada sono un genere classico cinematografico che ha trovato le sue incarnazioni in diverse nazioni; in Cina è chiamato Wuxia e noi lo abbiamo conosciuto in realtà molto recentemente, con La tigre e il dragone.
Ecco, questo è un wuxia film molto divertente e ricco di spunti folli che attingono dalla tradizione culturale cinese, anche se è prodotto in Hong Kong.
L’esordiente regista, Siu-Tung Ching, è un maestro di arti marziali che si era già fatto un nome come coreografo di scene d’azione e che continuerà poi a collaborare come esperto d’arti marziali in molti altri film, tra cui i giganteschi Hero e La foresta dei pugnali volanti.

Ma al di là delle piacevoli chiacchere sul film in questione, qui la cosa più interessante è che ho finalmente scoperto che cazzo significa Mogwai, il nome degli esserini protagonisti del film Gremlins.
Allora:
“Fantasma” in cinese si dice “Guǐ” e da questo carattere/simbolo si formano vari derivati.
“Muguǐ” è uno di questi e significa “demone”.
Mogwai è una delle possibili grafie del bi-fonema Muguǐ.
Quindi Gizmo in Gremlins è un demone.

Grazie internet, anche oggi hai salvato il mondo.

Titolo originale: Sien nui yau wan
Regia: Siu-Tung Ching
Anno: 1987
Durata: 98 minuti

L’evocazione (2013)

La famiglia Perron, padre madre e cinque figlie (e questo già dovrebbe far accendere la spia d’allarme) si trova in una casa infestata da spiriti maligni; giorno dopo giorno le manifestazioni si fanno più intense, fino a spingere i coniugi al gesto estremo: chiamare gli acchiappafantasmi che nel caso particolare rispondono ai nomi di Ed e Lorrain Warren, due esperti del paranormale così famosi in USA da tenere addirittura conferenze universitarie.

I due “ricercatori” dell’occulto vanno quindi a casa Perron, montano camere, microfoni e campanellini alle porte nella speranza di catturare un’immagine dello spettro infestante; quello che trovano invece è molto di più di uno spettro.
Trattasi difatti della manifestazione di Satana stesso attraverso lo spirito di una strega vagamente imparentata con il processo di Salem del 1692 durante il quale una comunità d’idioti impiccò 20 povere innocenti persone con l’accusa di stregoneria.

Sfortunatamente gli idioti hanno continuato a vagare tra di noi e nel 1971 si chiamavano Perron e Warren.

L'evocazione (2013)

Il pensiero scientifico e la logica sono stati tra le più grandi conquiste del genere umano; hanno dissipato la nebbia di paure ataviche e credulonerie idiote che troppo spesso hanno causato rabbia, violenze, dolore e ingiustizia durante tutto il nostro percorso su questo pianeta.
Sfortunatamente c’è ancora chi al giorno d’oggi, con i telescopi e le navicelle spaziali e l’educazione pubblica, pensa ancora che ci sia un uomo invisibile nel cielo che ci guarda quando ci facciamo le pippe.

E’ una cosa che tutte le persone dotate di un minimo d’intelligenza non riescono proprio a mandar giù, non solo per una pura questione formale, ma anche e soprattutto perché questi idioti del terzo millennio continuano a seminare rabbia, violenze, dolore e ingiustizia diffondendo le loro stupidaggini alle fasce di popolazione più deboli, economicamente ed emotivamente.

Non sorprende certo che la stregoneria sia sempre stata associata alle donne, alle minoranze e ai liberi pensatori; società arcaiche ed incolte hanno sempre visto malvolentieri questi spiriti liberi, questi elementi destabilizzatori dei loro stupidi piccoli mondi antichi fatti di merda e religione da baraccone.

La cosa che fa più male però è che film come questo The Conjuring danno involontariamente man forte alla religione cattolica che vuole farci credere come tutto l’oro che hanno serva solo a proteggerci da Satana.

“Bruceremo le chiese e gli altari
bruceremo i palazzi e le regge
con le budella dell’ultimo prete
impiccheremo il papa re”

Titolo originale: The Conjuring
Regia: James Wan
Anno: 2013
Durata: 112 minuti