Harbinger Down (2015)

C’è una nave ricerca che solca il mare di Bering con dei tizi molto strani il cui unico scopo nella vita è sapere tutto sui fantastici beluga.

I beluga possiedono il MELONE, un organo particolarmente malleabile e bulboso che permette loro di cambiare la forma della testa soffiando aria nei SENI paranasali.

Che porci.

Harbinger Down (2015)

Film famoso solo per essere nato dal violento quanto inopportuno rimpiazzamento degli effetti speciali originali con becera grafica computerizzata nel remake The Thing.

Questo scempio del demonio, lungi dall’essere un’opera cinematografica, può invece essere usato per incartare il fetido pesce marcio che ti sei tirato fuori dal buco del culo mannaggia la madonna che merda di film.

Hai capito!?!
La merda!!!

VOTO:
1 melone

Harbinger Down (2015) voto

Titolo esteso: Harbinger Down: Terrore tra i ghiacci
Regia: Alec Gillis
Anno: 2015
Durata: 82 minuti
Compralo: https://amzn.to/2Pz7n4M

Stolen Identity (2018)

Asami Inaba è una giovane impiegata giapponese che finisce nelle grinfie di un maniaco con numerosi tic nervosi e che si dà il caso sia anche un esperto d’informatica e furti di dati elettronici.

Passo dopo passo, password dopo password, la sua vita viene ristretta dentro un imbuto dal quale sarà difficilissimo uscire senza l’aiuto della prode Polizia; grandioso braccio armato dello Stato che, come un cane fedele, sbava felice ai piedi del suo padrone battendo forte la coda a terra per far sentire la sua inutile presenza.

Stolen Identity (2018)

Basato su un libro (al che mi chiedo se sono troppo giovane o troppo vecchio se mi pare strano un libro cartaceo su una cosa digitale come il furto d’identità elettronica), questo film di suspense è tutto giocato sui cliché del genere thriller (compreso l’eterno Psyco) e quindi non riesce mai ad ingranare la quarta dello stimolo chiamato sorpresa.
Dalla sua però c’è sia un piacevole risvolto nel comunicare quanto il furto d’identità non sia nato con l’informatica che anche una buona costruzione tecnica, specialmente per quanto riguarda i dettagli di come ti fottono le foto zozze.
Ed è quindi benvenuto, visto che repetita iuvant.

Infine: tutti quanti sappiamo che i nostri dati sono a “rischio maniaco” ogni volta che li usiamo su un cellulare o su un computer, ma quanti invece pensano mai al fatto che giganti del web come Facebook o Google fanno la stessa cosa?

VOTO:
3 giganti

Stolen Identity (2018) voto

Titolo originale: スマホを落としただけなのに – Sumaho o otoshita dake na no ni
Regia: Hideo Nakata
Anno: 2018
Durata: 116 minuti

Snakes on a Plane (2006)

Eddie Kim è un coreano maledetto che tira calci come un ragazzino rapito dal peggior pedofilo di Caracas.

Siccome nell’ambito della vicenda che vado a raccontarvi c’è un surfista che l’ha visto bastonare a morte un ciccione pacioccone appeso come un caciocavallo ad una ferrovia del ponte sul fiume Kwai, Eddie Kim elabora un piano folle e diabolico per riportare sotto il suo controllo l’ordine delle cose: ficcare centinaia di serpenti velenosi dentro l’aeroplano su cui è imbarcato il surfista testimone oculare e il suo agente segreto protettore pelatone nero col pallino per i filmerda e sperare in un grosso patatrac.

Snakes on a Plane (2006)

La mignotta di Hollywood Samuel Leroy Jackson non si spaventa dei filmerda e anzi rilancia con dichiarazioni del tipo “Meglio Snakes on a plane che la guerra in Iraq o una serata online con un pedofilo”.
E come dargli torto?

Tenendo conto dell’assurdità della storia e la vena (molto) leggermente istrionica del tutto, non me la sento di bocciarlo in toto; allo stesso tempo come cazzo faccio a dargli un buon voto?

Boh, fate vobis.

VOTO:
2 vene

Snakes on a Plane (2006) voto

Titolo messicano: Serpientes a bordo
Regia: David R. Ellis
Anno: 2006
Durata: 105 minuti
Compralo: https://amzn.to/3tAusUn

L’ultima profezia (1995)

L’arcangelo Gabriele si è rotto il cazzo dell’amore di Dio dio per gli esseri umani e si è messo in testa di rovesciare l’ordine costituito nel vano tentativo di riconquistare l’amore divino a suon di papagni in bocca agli angeli che ancora sostengono quel figlio ‘e ‘ntrocchia di Dio dio.

A sbarrargli la strada abbiamo un detective con un generoso parrucchino che ha perso la fede (il detective ha perso la fede, non il parrucchino), una bambina che viene ingravidata oralmente da un angelo (sì, hai letto bene) e un gruppo di sciamani indiani che non c’entrano un cazzo con la trama tutta giocata (male) sul cattolicesimo ma che fanno sempre molto colore.

L'ultima profezia (1995)

Madonna ladruncola di briciole di pane.
Che pietà, per pietà.

Ma come cazzo si fa a partorire un filmaccio così?
Il regista appare chiaramente confuso tra un tono duro, orrorifico, apocalittico ed un altro completamente opposto, composto di smorfiette e siparietti tra il comico e il patetico che starebbero bene in bocca al budello di tu’ ma’; la storia può far breccia unicamente nei cuori dei pavidi e Matteo Renzi è il peggior politico mai partorito da un democrazia.

Che poi guarda: il film parte pure benino, con quell’abbondante gusto splatter dei primi 30 minuti, e però poi va a perdersi proprio quando dovrebbe decollare, ovvero con l’entrata in scena di Christopher Walken.
Pietà.

VOTO:
2 smorfie (puorchiddio)

L'ultima profezia (1995) voto

Titolo originale: The Prophecy
Regia: Gregory Widen
Anno: 1995
Durata: 98 minuti
Compralo: https://amzn.to/3qNuKF8

Slok (1973)

In una tranquilla cittadina americana, dove la cosa più elettrizzante è quando il gelataio tira fuori il cazzo davanti ai ragazzi del campetto da basket, succede una cosa alquanto bizzarra: un ominide congelatosi durante l’ultima glaciazione torna in vita, disperatamente assetato di sangue, fica e banane.

Gente scappa, macchine sgommano, donne urlano e pistole sparano mentre il killer delle banane si aggira per la tranquilla cittadina… fino a quando un maledettissimo ragazzo capellone fa fuori la creatura con due stelle filanti.

Slok (1973)

Terrificante esordio alla regia per John Landis.
Terrificante.

Va bene che aveva 21 anni, va bene che non esisteva internet, va bene che il mondo era più candido… ma la madonna ladra che film di merda.
Se tralasciamo alcune rarissime gag un tantinello riuscite, questo film andrebbe bruciato con un ettolitro di benzina mentre Sofia Coppola spruzza sangue dalla sua fetida fregna in faccia a vostra zia.

VOTO:
2 Sofia Coppola

Slok (1973) voto

Titolo originale: Schlock
Regia: John Landis
Anno: 1973
Durata: minuti
Compralo: https://amzn.to/3qby0di

Eating Raoul (1982)

Paul Bland e sua moglie Mary sono due americani con poche ma chiare idee in testa: aprire un ristorantino fuori mano dove lei possa preparare pasti dietetici, prendendo spunto dal suo lavoro d’infermiera nutrizionista, e lui abbia finalmente la possibilità di spingere merdose bottiglie di vino a botte di 500 dollari al pezzo.

Al raggiungimento di questo sogno da borghese piccolo piccolo, mancano però 20mila dollaroni e siccome dare il culo non è (ancora) un’opzione, Paul e Mary decidono di mettere su un business molto più particolare: rapina, omicidio e occultamento di cadavere.

Eating Raoul (1982)

Strampalata commedia cult che dalla sua ha certamente una certa qual dose d’irriverenza verso le regole, siano queste della società civile o della cinematografia, ma che purtroppo non spicca il volo verso la totale evacuazione anale, a me tanto cara.

Simpatiche alcune gag e simpatici alcuni buffi personaggi; meno buffi i continui tentativi di stupro della troietta Mary Bland.

VOTO:
3 blender

Eating Raoul (1982) voto

Titolo brasiliano: Tudo por Dinheiro
Regia: Paul Bartel
Anno: 1982
Durata: 90 minuti
Compralo: https://amzn.to/2LvgFwS

The Call (2020)

E’ il 2019 e Kim Seo-yeon, una 28enne sud-koreana che non distinguerebbe una cippa di cazzo moscia dalla fica di sua madre pazza, decide di andare a trovare l’infingarda genitrice all’ospedale prima che un malanno se la porti via come stelline di natale al vento.

Posati i bagagli nella vecchia casa materna, Kim comincia a ricevere telefonate da Oh Young-sook (preparatevi perché questo cazzo di nome verrà pronunciato più volte delle imploranti suppliche che il regista mi rivolgerà quando lo legherà ad una sedia per scotennargli i coglioni con una zappetta da giardinaggio arrugginita); Young-sook, dicevo, è una misteriosa e disturbata ragazza che, non si sa come non si sa perché, sta vivendo nel 1999, venti anni prima la nostra vostra Kim Seo-yeon.

Questo sovrannaturale rapporto telefonico, in barba alle più elementari leggi temporali, cambierà per sempre le vite di entrambe le ragazze.
Chi in meglio e chi in peggio.

The Call (2020)

Affascinante calcio in bocca all’anima de li mortacci tua.

Ma io dico: come cazzo è possibile sfornare una tale prevedibilissima stronzatella partendo da un’ottima intuizione narrativa, ovvero quella di un telefono magico che mette in comunicazione due coetanee divise da 20 lunghi anni?

Come cazzo!?!

Peccato, un vero peccato: perché si poteva e si doveva fare un passo in più verso una pienezza emotiva che non viene mai veramente raggiunta; né dagli improbabili parrucchini di frocetti col cagnetto e né tantomeno dallo scontato twist finale che restituisce un sapore di scontata voglia di stupire piuttosto che di genuina sorpresa.

VOTO:
2 twist

The Call (2020) voto

Titolo originale: Kol
Regia: Chung-Hyun Lee
Anno: 2020
Durata: 112 minuti
Compralo: https://amzn.to/357Ev8H

La maschera di cera (1953)

Henry Jarrod è uno scultore dal cervello un tantino bacato che, oltre a sperimentare copiose polluzioni notturne al ritmo di bachata, non trova di meglio da fare che parlare con le sue statue di cera come fossero vere persone, da amare e salvaguardare.

Il suo socio in affari però si è rotto la minchia del museo di statue che non tira bene come tirerebbe un pelo di fica e quindi ha la brillante idea di dare fuoco a tutto il palazzo per incassare i soldi dell’assicurazione.
Henry dal canto suo non manda giù il rospo e si fa pestare a sangue putre(fa)scente finendo per rimanere coinvolto nel grande incendio doloso che si mangia via i frutti delle sue manine d’oro.

Messosi miracolosamente in salvo e tornato spietato e incazzatissimo, Henry mani di fata Jarrod escogita una maniera brillante per rimpiazzare le statue di cera andate perse, usare cadaveri.

La maschera di cera (1953)

Famosa pellicola girata in 3d (e col suono stereo) che all’epoca riscosse un tale successo al botteghino che ne parlò persino il re del Congo.

La storia non è niente di trascendentale (tra l’altro è un remake di un film tratto da un libro) e francamente non riesce ad appassionare più di tanto; dalla sua però c’è una buona messa in scena e qualche piccantezza sessuale lanciata in sordina per non disturbare il pubblico sonnacchione, tipo quando le signore per bene si sporgono per scrutare il cazzo di Jean-Paul Marat nella vasca da bagno.

La protagonista Phyllis Kirk (che in realtà di cognome faceva sorprendentemente Kirkegaard) si ruppe ben presto la fava del mondo dello spettacolo e si diede all’attivismo politico sostenendo il partito democratico e l’abolizione della pena di morte mentre Carolyn Jones, la giovane donna che nel film interpreta la sua amica del cuore, finirà per interpretare Morticia Addams nella famosa serie televisiva anni ’60.

VOTO:
2 Ki(e)rkegaard e mezzo

La maschera di cera (1953) voto

Titolo originale: House of Wax
Regia: André De Toth
Anno: 1953
Durata: 88 minuti
Compralo: https://amzn.to/37tDdHn

Il rito (2011)

C’è questo pretucolo in fieri americano che gli piglia il dubbio.
E se dio non esistesse? Se fosse tutta una montatura pluto-giudaica per far apparire i cattolici come idioti agli occhi del mondo logico-razionalista?

Ma ecco che a fargli cambiare idea ci pensa il suo superiore che lo minaccia di fargli causa e levargli pure le mutande in caso d’abbandono del seminario.
<<Vattene a Roma a studiare gli esorcismi>> gli dice; <<vedrai che cambierai idea… male che va ti scopi un ragazzino italiano e gli attacchi lo scolo>>.

<<Mucho gusto>>  pensa il pretucolo in fieri, <<non ho mai sodomizzato un minorenne italiano e potrebbe essere un buon viatico al sacerdozio>>.
E così il nostro Michael parte alla volta della città eterna, colmo di cioccolata per attirare i bambini nomadi ai semafori e un po’ di calze a rete per le madri più pettegole.

Purtroppo quello che troverà non saranno bei culetti imberbi, ma i diavoli cattivi, i satanassi che possiedono le puttane quattordicenni che si fanno ingravidare dal padre, i demoni dagli occhi rossi come le guance della giornalista ispanica che sta indagando su un vecchio prete esorcista dai modi bruschi e dalla borsa alla Mary Poppins colma di ranocchie e racchettoni per giocare sulla spiaggia.

Il rito (2011)
t’ho preso il nasino, piccola sgualdrina

Che dire.
Questo è un film perfettamente rappresentato dalla Fiat Multipla che il protagonista prende appena sceso a Roma.

Se non fosse per alcune cose veramente (e involontariamente) divertenti tipo i cocktail bar dove servono esclusivamente caffè espresso in tazza grande, anche alle 6 di sera; la troietta minorenne che a un certo punto sputa bianca saliva verso il cuppolone de San Pietro; o il vecchio prete in ciavatte che al giardino degli aranci prende a schiaffi una zingara di 6 anni, beh, se non fosse per queste chicche calate a pennello per i geniali figli di puttana come il sottoscritto, non ci sarebbe troppo da raccomandare.

Una pellicola banale nei contenuti e pure reazionaria nel suo rappresentare la truffa criminale degli esorcismi, roba medievale che andrebbe bandita e perseguitata per i danni che infligge ai poveri malati mentali a cui viene inflitta con la scusa della possessione demoniaca.
Gli attori fanno quello che possono con il “merderiale” a disposizione ed Antony Hopkins riesce a sfogare la sua vena istrionica in un caleidoscopio di smorfie e scoregge da far invidia a Pippo Franco, ma non va oltre il minimo sindacale.

Non lo consiglio, lo evito.

PS: da menzionare i nomi dei parrucchieri: Aniello Piscopo e Gaetano Panico.

VOTO:
2 Gaetano Panico

Il rito (2011) voto

Titolo originale: The Rite
Regia: Mikael Håfström
Anno: 2011
Durata: 114 minuti
Compralo: https://amzn.to/2ZRI8gp

Retro Puppet Master (1999)

André Toulon è un biondino francese d’inizio ventesimo secolo che, assieme al suo piccolo circolo di giovani uranisti, manda avanti la carretta con uno spettacolino di marionette mostruose, chiare proiezioni dei loro drammi interiori di mancata accettazione.

A complicare il loro roseo quadretto entrano in scena una maledetta donna che vorrà convincere André a posizionare il suo splendido membro gay dentro la sua orribile vagina etero ed un simpatico vecchietto di 3 mila anni grande amante degli ani che vuole tramandare il segreto della vita eterna prima d’essere fatto fuori da 3 mummie egizie devote al dio Sutekh.

E il segreto della vita eterna comprende un criceto, della vaselina e tanto amore.

Retro Puppet Master (1999)
bel burattino ti faccio un pompino per il motorino

La Maledizione della marionetta 2, come piace chiamarlo ai messicani, è un film di merda.
Non ci piove.

Certo, se consideriamo che il regista ha girato una media di 3 film all’anno dal 1986 al 2016 e che quindi per ovvie ragioni non ha potuto dedicare la stessa cura di uno che ne gira uno ogni 3 anni, questo film resta comunque un film di merda.
Non ci piove.

Se ci aggiungiamo poi che questo è, a detta del diretto interessato, l’unico film bello interpretato da Greg Sestero (il biondo passato alla storia come il sogno bagnato di Tommy Wiseau, fuori e dentro lo schermo di quel cafolavoro che è The Room) allora resta comunque un film di merda.
Non ci piove.

VOTO:
1 biondo e mezzo

Retro Puppet Master (1999) voto

Titolo messicano: La maldición de la marioneta II
Regia: David DeCoteau
Anno: 1999
Durata: 80 minuti
Compralo: https://amzn.to/2YwyzmB

Don’t F**k with Cats (2019)

3 mesi dopo la venuta al mondo del sottoscritto, nel lontano e freddo Canada vedeva la luce Eric Clinton Kirk Newman, figlio di un uomo schizofrenico e una madre disturbata.
Da questo roseo quadretto cosa volete che saltasse fuori?
Un serial killer, ovviamente.

E questo documentario narra proprio le vicende che hanno portato Eric Newman prima a cambiare legalmente nome in Luka Rocco Magnotta (ignorando chiaramente l’assonanza con il mitico abbruzzese Mario Magnotta) e poi a scendere in una spirale vertiginosa: tra visite dallo psicologo e ricerche patologiche dell’attenzione, tra vendite del proprio corpo gay online (per il mio pubblico frocio-psicopatico, che so essere numeroso, segnalo che girano anche i suoi filmati porno) a smembramenti di giovani gay cinesi.

Don't F**k with Cats (2020)

Ottimo documentario diviso in 3 parti (come va di moda da un po’ di tempo vista la presenza delle piattaforme digitali come Netflix e Amazon) che tutti quelli con una passione sfrenata per il giornalismo investigativo dovrebbero vedere…
…mi correggo: tutti quelli che amano il giornalismo investigativo e che hanno la “pelle spessa” (come dicono gl’inglesi) per non farsi scoppiare il fegato di fronte a un personaggio veramente assurdo come Luka.

Come in quell’altro mezzo capolavoro che è Three Identical Strangers, qui gli indizi vengono un po’ disseminati lungo il cammino narrativo per ottenere poi l’effetto wow una volta che tutti i tasselli cadono al loro posto; una scelta che rende avvincente come un film il bistrattato genere documentario.

Ma, a parte la pienezza dell’opera e la bravura e la tenacia degli investigatori del web che hanno contribuito alla cattura di Luka, la cosa più importante che il documentario lascia giustamente venire a galla è che questa non dovrebbe essere la storia di Luka Magnotta e del suo egocentrismo patologico, finalmente soddisfatto, ma dovrebbe essere invece lo spunto per una riflessione collettiva sul voyerismo umano (una delle protagoniste lo esplicita, guardando dritto negli occhi lo spettatore accusandolo di aver appena guardato un intero documentario su un serial killer) ed anche un modo per ricordare Jun Lin, la vittima finale della follia Magnottiana; un giovane ragazzo cinese che studiava ingegneria in Canada e la cui vita è stata ingiustamente spezzata per un paio di stupidi like.

Se cercate la bio di Luka Magnotta su Wikipedia, venite reindirizzati all’articolo “L’assassinio di Jun Lin”, perché QUESTO dovrebbe essere al centro di questa vicenda.
E anch’io ho deciso di dare il mio piccolo contributo verso quest’approccio evitando di usare immagini di Luka per la recensione e mettendo invece in risalto le sue vittime innocenti, per dare loro la giusta attenzione.

Il padre di Jun, Lin Diran, che si fece un bel viaggio dalla Cina per venire al processo di Luka, scrisse e fece leggere una dichiarazione pubblica che si concludeva con le seguenti parole:

Sono venuto per sapere cosa è successo a mio figlio quella notte e me ne vado senza una risposta completa.
Sono venuto per vedere il rimorso, per sentire uno “Scusate”,  e vado via senza niente.

Che la terra ti sia lieve, Jun.

VOTO:
4 Magnotta e mezzo

Don't F**k with Cats (2020) voto

Titolo esteso: Don’t F**k with Cats: Hunting an Internet Killer
Regia: Mark Lewis
Anno: 2019
Durata: 3 episodi da 1 ora

Ancora auguri per la tua morte (2019)

Nel primo mediamente divertente capitolo prodotto dall’ebreo Jason Blum avevamo lasciato l’ebrea Tree Gelbman finalmente libera dal loop temporale che non le permetteva di fottere il suo mezz’ebreo neo ragazzo Carter Davis.

In questo mediamente più divertente capitolo troviamo il vietnamita Ryan Phan finire lui stesso nel loop temporale creato dall’esperimento quantistico messo in piedi da lui, dall’indiano Samar Ghosh e dall’imprecisata lesbica Dre Morgan i quali non solo hanno creato il loop temporale di cui sopra, ma riescono poi a spedire Tree in un universo parallelo nel quale sua madre non è morta, e dajece carico, ma il suo ragazzo Carter intinge il biscotto nel pertugio vaginale della svampita Danielle Bouseman (ashkenazi?).

Seguono gag comiche volte a divertire il pubblico pagante un film che con la scusa del multiverso ci parla in realtà di un mondo multiculturale.

Ancora auguri per la tua morte (2019)

Non siamo certo di fronte ad un capolavoro, ma questo Happy Death Day 2U (divertente anche il titolo) riesce lì dove il predecessore cascava come un cavaliere zoppo, ovvero nel prendersi in giro non solo nella forma, ma anche nella sostanza virando verso la semi-parodia/semi-satira del genere.

Emblematici a tal proposito l’esplicitazione dei rimandi a Back to the Future 2 (che la protagonista non ha visto, riecheggiando il probabile sentimento del pubblico di riferimento) e il demenziale finale post-crediti alla Marvel.

E’ il classico film che ti guardi con gli amici quando hai tra i 16 e i 22 anni, sei pieno di esuberanza adolescenziale, la vita sembra un’autostrada gestita finalmente dallo Stato  e la morte non ha ancora messo la sua mano gelida sui tuoi miseri testicoli.

VOTO:
4 autostrade

Ancora auguri per la tua morte (2019) voto

Titolo originale: Happy Death Day 2U
Regia: Christopher Landon
Anno: 2019
Durata: 100 minuti
Compralo: https://amzn.to/33fL7lu