Raw – una cruda verità (2016)

Justine si è iscritta all’università di veterinaria e la prima notte nella camera del dormitorio (che inspiegabilmente divide con un maschio perché tanto è frocio, come se l’università chiedesse l’orientamento sessuale nel modulo d’ammissione) scopre subito quanto il mondo sia popolato da ottusangoli coi soldi che, imboccando nelle stanze delle matricole per affermare il loro diritto di anzianità (perché essere vecchi è fico quando hai 22 anni, ma fa schifo quando ne hai 35 e il primo figlio t’ha ammorbidito l’immondo grembo che porti addosso con peccato e con dolore), fanno degli atti di nonnismo tanto spregiudicati quanto patetici nel loro voler essere sempre al top dei top topper che se ci provassero in Italia riceverebbero una tale raffica di sberle in pieno volto da farli girare come trottole da qui al prossimo giubileo mentre spargono i loro fottutissimi denti raddrizzati con i soldi dei genitori evasi al fisco perché sono 300 con fattura e 250 senza.

E allora ecco le punizioni, le coercizioni, le derisioni…
e il sangue, a fiotti, a rotoli, a sbrodolanti crogiolanti e inspiegabilmente invisibili macchie per i (quasi) invisibili adulti che invece dovrebbero popolare un’università con centinaia di studenti esagitati.

E allora ecco mi sorge spontaneo un coro storico degli ultras della Reggiana

sangue nei popolari, sangue nei distinti
le abbiam prese, ma non siamo vinti
è ora di rifarsi, è ora di sparare
il sangue dei compagni dobbiamo vendicare

Raw - una cruda verità (2016)
adulti dottori che fumano perché hai capito la metafora della scelleratezza del mondo verticista al quale i subalterni devono necessariamente adeguare i loro individualismi nel nome della produttività magnificamente esemplificata dall’industria della carne… e vai col tango?

Il problema principale del film non è tanto l’oggettiva rabbia che inspira nello spettatore dal primo maledetto minuto, ma è il fatto d’essere costruito e girato come fosse un classico metaforone all’europea sul decadimento umano e comunitario con le persone che si cannibalizzano l’un l’altra confondendo l’altra guancia per l’altro guanciale, oppure come una critica alla società maschilista che fa desiderare alle donne di pisciare all’impiedi e ai maschi di succhiare i cazzi sopprimendo il loro naturale istinto eterosessuale, o addirittura come una traslazione della critica alla società consumista verso la critica alla società piramidale…

…no no e ancora no, Raw non è niente di tutto questo.
Perché Raw è solo l’ennesimo filmetto splatterone girato con uno stile molto hipster con un po’ di culi pubescenti in primo piano (perché i malati sessuali sono sempre quelli in prima pagina, mai noi che diamo i 9 i 10 a film del cazzo tipo questo) mentre in sottofondo gira Ma che freddo fa di Nada (perché una canzone italiana del 1969 fa molto figo senza darlo troppo a vedere, come quando al bar prendo un negroni e i miei amici coi baffetti fini da pedofilo belga mi guardano invidiosi con la coda dell’occhio affumicato dalle loro sigarettine di merda rollate col tabacco Pueblo).

L’unica maniera per cui questo Raw avrebbero potuto tirarmi dentro la trama sarebbe stato ambientare il film in un presente alternativo distopico; sarebbe bastato anche solo qualche piccolo accenno qua e là tipo una macchina strana mezza futuristica o un posto di blocco in lontananza coi poliziotti vestiti con colori smorti alla fascista come da tradizione fantascientifica francese a far capire che non si tratta del Belgio europeo del 2016 che inspiegabilente sembra popolato da una masnada di decerebrati capitalisti impotenti che si agitano in patetici turbini di lascivia adolescenziale, ma invece ci troviamo dentro una ricostruzione fantastica all’interno della quale è ovvio e permesso e auspicato un generale rovesciamento dei ruoli e delle convenzioni societarie come pure un’esagerazione delle stesse così da ottenere addirittura il rafforzamento del messaggio che si vuole veicolare.

E invece il messaggio non c’è e tutto il set design viene lasciato così com’è, perché tanto è un film low budget europeo che il pubblico hipster beota si beve felice come Eleonora Brigliadori si beve il piscio pensando le faccia tanto bene.

Io getto la spugna.

VOTO:
2 nada de nada

Raw - una cruda verità (2016) voto

Titolo originale: Raw
Regia: Julia Ducournau
Anno: 2016
Durata: 69 minuti

Love, Sex Aur Dhokha (2010)

Amore, Sesso e Tradimento è il titolo di questo interessante film che, sotto un velo di spensierata scopiazzatura di tutto ciò che è venuto dopo The Blair Witch Project, tratta 3 temi molto importanti (e molto sottaciuti ) della nuova India turbo-fascio-capitalista.

Il film si apre con un finto promo della finta casa di distribuzione del film stesso che, tra roboanti effetti video stile MTV anni ’80 ed errori grammaticali, prepara il pubblico alla visione di 3 storie vere catturate da telecamere digitali all’insaputa, e non, delle persone riprese.

Il voyerismo, si sa, è vecchio come il mondo ed esempi di tale genere si trovano ovunque, in occidente come in oriente (basti pensare alle miniature Mogul che ritraggono principi e principesse nei loro giardini privati mentre si intrattengono con concubine, poeti, cantori e quant’altro).
La cosa interessante di Love Sex aur Dhokha è invece il suo dito puntato contro il sistema dei media indiani, sempre più propensi a sbattere in prima pagina scandali o presupposti scandali, meglio ancora se dietro ci sono storie di amore, sesso e tradimento (a cui il titolo fa riferimento).

Il film quindi da una parte intrattiene il suo pubblico dandogli (nonostante i tanti problemi con la censura e i tagli) ciò che promette fin dal titolo e dall’altro lo colpevolizza proprio per questo.

Nel frammentre le storie parlano di un’India che (come al solito) non finisce in prima pagina, o se ci finisce lo fa alla “Novella 2000”; un’India fatta di matrimoni inter-caste, violenza, ignoranza, sopraffazione delle donne, sistema patriarcale, televisioni corrotte, giornalisti venduti, prostituzione sui set di Bollywood e chi più ne ha più ne metta.

Il regista Dibakar Banerjee invece cerca, per quanto possibile in un’India ancora molto arretrata culturalmente, di fermarsi a riflettere un minuto su quello che ci accade attorno senza che le luci dei riflettori si accendano a dargli la giusta risonanza.
Come se non bastasse poi c’è il risvolto tecnico-narrativo per cui le tre storie si svolgono (quasi) contemporaneamente e quindi i personaggi di una confluiscono nelle altre dando vita ad un tarantiano (per i più giovani) Kubrickiano (per i più vecchi) ripetersi di eventi sotto un nuovo punto di vista (quello dei nuovi personaggi che assistono alle vicende di quelli del precedente episodio).

Niente male insomma.

Titolo originale: LSD: Love, Sex Aur Dhokha
Regia: Dibakar Banerjee
Anno: 2010
Durata: 155 minuti

Yuppies – I giovani di successo (1986)

Credo che la frizzante commedia su 4 rampanti arrivisti nella Milano da bere dell’86 non possa meglio essere descritta se non da una delle innumerevoli fantastiche battute sciorinate come lenzuoli sporchi di sangue la mattina dopo la prima notte di nozze:

Volevo andare via dalla pazza folla.
Come in quel film degli anni ’60, Sciuscià.

Massimo Boldi

Yuppies - I giovani di successo (1986)

Ma come vuoi commentare un film che ha inquadrature tipo questa: De Sica che caca, Boldi che si fa la barba e un culo?

Non solo sono rimasto totalmente stupefatto da questa macchina ad orologeria che corre a 100 all’ora sull’autostrada del mio cuore, ma mi sono ritrovato pure ad essere rincorso da 100 cani di comicità, 100 situazioni e perle comiche tipo:
il maggiordomo negro sorridente, le ricche puttane con l’accento francese, le sigarette Chesterfield sempre in favore di camera, Jerry Calà, i salatini mancanti, le minorenni da ciulare, Cortina d’Ampezzo, le trattorie pugliesi, i flute conici, le calze nere, Jerry Calà.

Ma vi rendete conto?
Queste sono belve, bestie da palcoscenico senza pudore, cani sciolti in mezzo al pollaio.
Io ho paura, il futuro è in pericolo, fermateli, presto, ora, perché il prossimo potresti essere tu, o tu… o tu.

VOTO:
3 ricche puttane

Yuppies - I giovani di successo (1986) voto

Titolo corto: Yuppies
Regia: Carlo Vanzina
Anno: 1986
Durata: 90 minuti
Compralohttp://amzn.to/2z2VuI2

Shame (2011)

Brandon non riesce ad avere rapporti umani gratificanti e conduce una vita agiata ma asettica, vuota come il suo appartamento newyorkese e priva di godimento come le sofferte scopate che si autoinfligge nella vana speranza di soffocare il mare di tristezza che lo sommerge fino al collo.
Tra una sega nel bagno a lavoro e una prostituta chiamata a casa, una video chiamata con una camgirl e una manciata d’occhiate fugaci ad una donna sposata, Brandon sembra patire le pene dell’inferno emotivo.

A complicare (o risolvere) questa triste situazione arriva senza essere invitata sua sorella (borderline) che si piazza sul divano di casa e comincia a distruggere pezzo dopo pezzo il muro isolazionista che il fratello si è costruito a fatica forse proprio come difesa da un’infanzia traumatica che saggiamente non ci viene mai svelata ma solo suggerita.
Il loro misterioso rapporto fatto di taciuti è infatti al centro della vicenda e quello che le parole non possono né vogliono dire sembra fare da fondamenta alla loro profonda e cangiante tristezza.

Shame (2011)

Malinconica pellicola sul dramma del vicolo cieco emotivo dentro il quale molti di noi si vanno a ficcare per paura d’affrontare i mostri del nostro passato e straordinarie chiappe per Michael Fassbender.

Era un po’ che mi girava per la testa di vedere questa seconda pellicola del signor McQueen, lo stesso che mi aveva precedentemente deliziato (termine un po’ fuori luogo vista l’enorme carica di sofferenza del film) con lo splendido Hunger e devo dire d’essere pienamente soddisfatto.
Le interpretazioni sono tutte eccellenti, dai personaggi principali fino alle comparse (tra cui spicca un cameriere assurdo che ruba la scena con dei modi impacciati e una parlata altalenante come se stesse continuamente per dimenticarsi le battute), e la regia ha dei modi talmente pacati che quasi si sposa alla perfezione con la crudezza di parecchie scene dal contenuto sessuale, una giustapposizione infatti che esplicita ulteriormente, se mai che ne fosse bisogno, la dicotomia sentimentale che guida le azioni di questo fratello e questa sorella dal passato misterioso e dal futuro più che incerto.

VOTO:
4 scopate spudorate e mezza

Shame (2011) voto

Titolo originale: Shame
Regia: Steve McQueen
Anno: 2011
Durata: 101 minuti

Millennium – Uomini che odiano le donne (2011)

Lisbeth Salander è una giovane hacker informatica leggermente sociopatica che ha perso la fiducia nel genere maschile dopo essere stata abusata dal padre in tenera età.

Troverà pane per i suoi denti quando le verrà proposto di collaborare con l’investigatore giornalistico Mikael Blomkvist sul mistero di una donna scomparsa 40 anni prima in circostanze più che sospette.
Assieme scoperchieranno una pentola di bugie, sevizie e sopprusi che manco le feste alla villa in Sardegna di Berlusconi.

Millennium - Uomini che odiano le donne (2011)

Fincher ha decisamente il pallino per le storie torbide sulla perversa natura umana e questo lunghissimo film dal sapore d’occasione mancata non esula dalla regola.

Nonostante una buona resa del cast (tra cui spicca per l’intrigante aspetto estetico la minuta Rooney Mara nei panni della misandrica Lisbeth) e una dovizia tecnica indiscutibile, la pellicola si stiracchia un po’ in svariati punti e a salvarla non basta certo la valanga di femminismo spiccio, una sventagliata di nazismo, una spruzzata di religione, l’onnipresente gore e il fisico da minorenne di Rooney.

Se siete di quelli che si felicitano vedendo un abominevole stupratore venire violato nel culo con un cazzo d’acciaio mentre è imbavagliato e legato mani e piedi al pavimento, siete sulla nave giusta; tutti gli altri si ritroveranno spesso a guardare gli angoli del soffitto fantasticando sui modi migliori di cucinare un vitello tonnato.

VOTO:
3 vitel tonnè

Millennium - Uomini che odiano le donne (2011) voto

Titolo originale: The Girl with the Dragon Tattoo
Regia: David Fincher
Anno: 2011
Durata: 158 minuti

Society – The Horror (1989)

Billy è ricco e vive a Beverly Hills, ma questo non gli impedisce di provare un continuo disagio interiore che lo porta a sentirsi diverso da quelli che lo circondano: padre, madre, sorella, amici e compagni di scuola sembrano come appartenere a un qualcosa di sinistro da cui Billy sente il bisogno di difendersi.

Diviso tra il sospetto d’essere matto e quello che i matti siano tutti gli altri, il giovine abbiente scivolerà rapidamente nello scarico di un lurido lavandino nel quale c’hanno vomitato, cacato e pisciato in parecchi.

Society - The Horror (1989)

Insospettabile tripudio politico per questo film di serie B (z?) pululante situazioni e recitazioni un po’ paradossali e però perfettamente in linea con lo spirito libero e scardinatore dei freni societari che pervade tutta la pellicola.

Gli effetti speciali sono molto anni ’80 e molto godibili e sicuramente rivestono un ruolo primario nella scalata verso l’invettiva vetta rappresentata da un finale assolutamente imprevedibile e di cui non rivelerò una virgola per non rovinarvi la meravigliosa sorpresa; il resto della baracca fatica un pochino, ma glielo si perdona vista la geniale trovata narrativa.

Consigliato a tutti quelli che amano in egual misura il gore e la politica; sconsigliato agli stupidi.

VOTO:
3 vette e mezzo

Society - The Horror (1989) voto

Titolo originale: Society
Regia: Brian Yuzna
Anno: 1989
Durata: 99 minuti

Glen Or Glenda (1953) [Full Movie]

A psychiatrist tells two stories: one of a transvestite (Glen or Glenda), the other of a pseudohermaphrodite (Alan or Anne).

Director: Edward D. Wood Jr.
Writer: Edward D. Wood Jr. (story and written by)
Stars: Edward D. Wood Jr., Bela Lugosi, Lyle Talbot

Buy the DVD ➤ http://amzn.to/2r8qTUg
This movie is in public domain.

Titoli alternativi: Glen or Glenda: Confessions of Ed Wood, He or She, The Transvestite, I Led 2 Lives, Male or Female
Regia: Edward D. Wood Jr.
Anno: 1953
Durata: 65 minuti

Moonlight (2016)

Chiron è americano.
Chiorn è nero.
Chiron è povero.
Chiron è gracile.
Chiron non ha amici.
Chiron non ha padre.
Chiron ha la madre tossica.
Chiron è frocio.

Moonlight (2016)
Chiron ha una sedia

Con queste tremende premesse da film acchiappa-premi, il giovine protagonista di questa mirabile e toccante pellicola ci accompagna lungo un travagliato percorso di scoperta e accettazione sessuale difficile da ignorare, anche per un pubblico distratto.

Diviso equipollentemente in 3 capitoli disgiunti nell’esecuzione (e per una scelta fotografica ben distinta e per un’evoluzione nell’atteggiamento di Chiron verso il mondo), ma uniti tematicamente dallo spirito introverso dello stesso, il film si distingue anche e soprattutto per essere un’opera che tratta l’omosessualità di un nero con la stessa dolcezza un po’ amara con cui è stata già trattata da almeno 20 anni quella dei bianchi.

Troppo tardi, dice qualcuno?
Non è mai troppo tardi, dice il pragmatico.

VOTO:
4 pragmatiche

Moonlight (2016) voto

Titolo originale: Moonlight
Regia: Barry Jenkins
Anno: 2016
Durata: 111 minuti

Natale a Miami (2005)

Giorgio Bassi è disperato dopo essere stato lasciato dalla moglie Daniela e cerca quindi conforto tra le braccia del suo grande amico Mario; quello che non sa è che sua moglie lo ha tradito proprio con costui.
Al contempo, in quel floridaneo di Miami, tre ragazzi borghesi vogliono fare la vacanza dell’emancipazione adolescenziale tra belle ragazze e spiagge da mozzafiato, ma hanno fatto i conti senza l’oste e cioè Ranuccio Ghisa, padre di uno del trio, il quale sembra intenzionato a tornare giovine e fare le bravate, anche se solo per pochi giorni, dopo essere stato lasciato dalla moglie per una naturopatista lesbica.

Tra una serie interminabile di rocambolesche situazioni comiche e parecchi drammi amorosi, questa simpaticissima commedia degli equivoci troverà il suo lieto fine nell’assassinio senza pietà di Christian De Sica e Massimo Boldi ai quali verranno disperatamente mangiati i coglioni prima d’essere fatti brutalmente a pezzi.

Natale a Miami (2005)

Quest’avvincente storia d’amore e morte ambientata in suolo americano si snoda magistralmente lungo un intreccio narrativo eccezionale entro il quale trovano forma e spazio tanti personaggi ben delineati nella loro effimera esistenza caricaturale.
Come se non bastasse poi la punteggiatura continua di bellezze femminee alimenta il già poderoso orgoglio italico di una vita vissuta al massimo e tirata su nel naso come fosse cocaina tagliata col gesso usato per il bue del presepe nel quale trovano posto anche l’asinello coglioncello, San Giuseppe tutto tette, la Madonna senza gonna e quel porco dannato in eterno di cristo bambino cacasotto senza culla con 5 gradi sotto zero.

Un film consigliato soprattutto a chi vorrebbe morire perché fisso sulla sedia a rotelle, ma ancora aspetta la legalizzazione dell’eutanasia.

VOTO:
2 paraplegici

Natale a Miami (2005) Voto

Titolo originale: Natale a Miami
Regia: Neri Parenti
Anno: 2005
Durata: 100 minuti

AsperKubrick: What Life in Pictures?

In this dissertation I will analyse the films of Stanley Kubrick to see how these may display stylistic, aesthetic and narrative features which in my opinion reveal Asperger’s-like traits.
The research is conducted within an Auteurist framework with the intention of revealing a non coincidental pattern throughout Kubrick’s career and it can serve as basis for a future analysis of his own possible Asperger’s-like personality traits.

https://www.academia.edu/30378978/AsperKubrick_What_Life_in_Pictures

“Why Stanley Kubrick consciously decided to produce a series of films so particular, so artistically courageous and so unrelatable for a certain section of the audience?
Sadly, the intent of this dissertation is not to reply to this question because it would deserve a much deeper and long research into Kubrick’s persona, his life and his psyche.
What we can (and should) do is to approach the problem from the bottom up: start looking at these films, deconstruct them to isolate specific useful elements and recombine those same elementary pieces in macro categories which then could serve for a future audience study or a treatment on Kubrick’s psyche.
It will be a research through his brief (and thus poignant) filmography done using a specific lens and a particular scale, the lens of psychology and the scale of Aspergerism”.

Diario di un vizio (1993)

Jerry Calà è un povero sporcaccione semi-disoccupato che pensa solo ed unicamente alla fregna, alle zinne, al coito, alla misura del suo cazzo, alla fidanzata troia, alle pippe, alle bambine ai giardinetti…

La cosa interessante è che in questo film la sua vita personale e il lavoro d’attore trovano vicendevolmente linfa vitale e Jerry si ritrova a vestire i panni di un povero sporcaccione semi-disoccupato che pensa solo ed unicamente alla fregna, alle zinne, al coito, alla misura del suo cazzo, alla fidanzata troia, alle pippe, alle bambine ai giardinetti…

Diario di un vizio (1993)

Stranissimo esperimento anti-narrativo con al centro un pessimo attore comico prestato al grande dramma, così da spiazzare tutto e tutti…
e invece no: Calà fa cacà nonostante si vede c’abbia messo molto impegno, il montaggio è a dir poco spaesato, la regia da Mack Sennett, le musiche spesso intrusive e la storia vorrebbe ma non può.

L’unica cosa bella (si fa per dire) è questa Roma orrenda che fa da degno contorno alle miserie dei personaggi: triste, piena di macchine, grigia, popolata di esseri umani alla deriva psicologica e morale.
Ovviamente la Kritica ha schifato lo schifo romano ed ha invece amato le generose puppe della Ferilli, ma che ve lo dico a fare.

VOTO:
2 kritici e mezzo

Diario di un vizio (1993) voto

Titolo inglese: Diary of a Maniac
Regia: Marco Ferreri
Anno: 1993
Durata: 94 minuti

Sausage Party: Vita segreta di una salsiccia (2016)

In un tranquillo supermarket americano, il würstel Frank crede nell’aldilà: un mitico posto dove tutti vivono felici e al quale si può accedere solo quando un essere umano ti mette in busta e ti porta a casa sua.

Quello che lui e tutti gli altri festosi alimenti ignorano è come gli umani siano degli esseri abominevoli che usano, corrompono e buttano ogni oggetto capiti loro sottomano e che l’adilà non sia altro che una stupida menzogna inventa per calmare il popolo ignorante di fronte al suo ineluttabile destino di morte ed oblio.

Sausage Party: Vita segreta di una salsiccia (2016)

Sulla falsariga di un cartone irriverente come Shrek, aggiornata però nei modi e nel linguaggio agli indecenti anni nei quali uno stronzo qualunque si può aprire un blog sul cinema per sputare bestemmie su calunnie verso questa o verso quella cosa che gli garba oppure meno, questo film d’animazione usa tutti gli stereotipi e le stupidaggini possibili per far leva sul piccolo qualunquista che dimora in ognuno di noi il quale si diverte molto quando viene soddisfatto nei suoi bisogni più impellenti e bestiali, tipo bere e cacare.

VOTO:
3 merde e mezza

Sausage Party: Vita segreta di una salsiccia (2016) voto

Titolo originale:  Sausage Party
Regia: Greg Tiernan, Conrad Vernon
Anno: 2016
Durata: 89 minuti