Snowpiercer (2013)

Snowpiercer (2013) featured

In un futuro prossimo il riscaldamento globale è diventato un tale problema da richiedere un intervento drastico da parte del genere umano: oscurare il cielo con un gas artificiale così da ridurre la temperatura globale.
Purtroppo il piano funziona così bene che finisce per provocare una nuova era glaciale e la razza umana sembra destinata all’estinzione.

Fortuna vuole che un ricco folle magnate abbia costruito un treno autosufficiente che viaggia perennemente su una ferrovia che circumnaviga il mondo intero, un treno capace di salvare una manciata di esseri umani da morte certa. Ogni giro dura un anno e gli umani confinati su quest’arca di Noè vanno avanti così da 17 giri fino a quando l’ennesima rivolta scoppia tra le file dei più poveri, i passeggeri dei vagoni di coda costretti a nutrirsi di scarafaggi nella più totale ignoranza e sporcizia mentre i ricchi se la godono nei vagoni di punta, a loro volta protetti dalla polizia dei vagoni di centro.

Le possibilità sembrano quasi nulle, ma questi eroi proletari sono determinati a tutto pur di sovvertire l’ordine costituito; riusciranno i nostri eroi a sfondare il culo ai ricchi?

Snowpiercer (2013)

Dal regista sud koreano Bong Joon-ho, autore di filmoni come The Host, Mother, Memory of Murder e Antarctic Journal, arriva questa bella opera altamente politicizzata eppure accessibile da un ampio pubblico.

Diciamo subito che non ci vuole un genio per cogliere l’evidente metafora del treno-mondo con il suo carico di umanità divisa per classi sociali e in perenne lotta per la sopravvivenza a costo della felicità altrui; d’altra parte di questi tempi si vedono così pochi film con un messaggio politico dentro che ben vengano in qualsiasi salsa.
Quindi, anche se non risulta niente di eccezionalmente rivoluzionario dal punto di vista narrativo e visivo, questo Snowpiercer è girato molto bene e fa un uso ottimale degli angusti spazi a disposizione per costruire tensione, dramma, azione e momenti di riflessione.
Gli attori sono tutti in palla: una bella rivelazione il protagonista (famoso per aver interpretato Captain America), da applausi invece Tilda Swinton nei panni della ministra Mason, un misto tra Margaret Thatcher, Gaddafi e Berlusconi (sue parole)

VOTO:
4 piccole bianche Sibert

Snowpiercer (2013) voto

Titolo originaleSeolgungnyeolcha
Regia: Bong Joon-ho
Anno: 2013
Durata: 126 minuti

I film sono visti rigorosamente in lingua originale.
Se ti senti offeso, clicca qui

Autore: Federico Del Monte

I’m an Italian photographer, filmmaker, blogger and teacher.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *