Toy Story 4 (2019)

Toy Story 4 (2019) featured

I giocattoli prendono vita un’ultima volta (si spera) per la gioia dei piccini e dei ritardati.

E nella sua quarta putrida incarnazione, Woody cazzo di legno, Buzz sperma laser e tutti gli amici del Fantabosco della mia fantasia vivono con la bimba Bonnie, una ragazzina che comincia a lasciare da parte lo sceriffo dal cazzo di legno preferendo la pupazza roscia.

E allora Woody si attacca come una cozza alla sua ultima ragione di vita cioè preservare l’esistenza del giocattolo-forchetta creato da Bonnie all’asilo e per fare ciò metterà in pericolo tutto e tutti; perché lui è un egoista di merda e farebbe ottima coppia con quel poveraccio ignorante di Marattin.

Sì, proprio quell’imbecille che da anni fa il liberale campando però coi soldi pubblici e che nel 2022 si è coperto di ridicolo condividendo un grafico che voleva mettere in correlazione i voti del m5s ed i percettori del reddito di cittadinanza rilanciando l’infondata accusa di voto di scambio; una roba già di per sé da querela, se non fosse che i parlamentari hanno il culo parato dall’immunità.

Un grafico che però riporta dati assoluti e che quindi potrebbe dimostrare ogni tipo di correlazione, tipo mangiatori di penne al sugo e votanti grillini.
Una roba talmente grave, per uno che dovrebbe essere l’esperto economico di quel micragnoso partito chiamato Italia Viva, che dovrebbe correre a nascondere con la testa sotto la sabbia per i prossimi 30 anni.
E invece eccolo lì a dibattere tronfio e fiero della sua calvizie incipiente mentre non è altro che uno scroccone statalista incapace di trovarsi un lavoro nel suo amato mercato libero e che quindi non la pianta di succhiare avidamente i nostri soldi pubblici come fosse una puttana tailandese da 4 soldi.

VOTO:
2 scrocconi statalisti finto-liberali succhia palle pubbliche

Toy Story 4 (2019) voto

Titolo giapponese: トイ・ストーリー4
Regia: Josh Cooley
Durata: 1 ora e 40 minuti
Compralo: https://amzn.to/3HxUqQP

I film sono visti rigorosamente in lingua originale.
Se ti senti offeso, clicca qui

Autore: un Film una Recensione

I was Born, I Live, I will Die

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *