Good Hair (2009)

Avete presente i negri?
Quelli che invece di essere bianchi sono nati con la pelle negra e le mani negre e i nasi negri e i capelli negri?

Ecco, lo sapevate che questi negri sognano di essere bianchi?
Sognano di mimetizzarsi nella folla bianca, di non essere esclusi dai colloqui di lavoro per il loro aspetto bizzarro, di non essere pistolettati mentre camminano la sera con il cappuccio della felpa tirato su a nascondere i loro capelli negri.

I negri vogliono essere bianchi perché vivono in una società razzista e ignorante che non vede di buon occhio chiunque si discosti dal canone medio impartito dai nostri avi, e dagli avi dei nostri avi, su su fino a giungere a quei mutati figli di puttana preistorici che per un errore genetico erano nati bianchi e biondi da madri nere e more.
Che storia…

Ad ogni modo, Chris Rock, il famosissimo commediante nero americano, ha deciso di indagare la faccenda dei negri coi capelli stirati con questo documentario dal tono gioioso e non troppo politicizzato.

Good Hair (2009)

‘sto Good Hair non è niente male.

Anche se non si spinge mai oltre la lontanissima vena satirica da stand up comedy, il film riesce comunque a far passare pochi ma essenziali concetti riguardo la follia che gira intorno all’industria del capello nero.
Molti di noi sono infatti totalmente all’oscuro di quanta roba le donne nere americane facciano al loro cuoio capelluto e al vello che lo ricopre; dall’onnipresente crema rilassante che permette uno stiramento del capello riccio (una crema che può sciogliere l’alluminio in 4 ore) ai parrucchini di ogni foggia e colore, queste zombie da tubo catodico provano di tutto arrivando a spendere cifre da capogiro, anche a costo di sacrifici sul cibo e l’alloggio.

C’è da tener conto però che quando un colloquio di lavoro può andar male per un’acconciatura naturale afro, allora spendere 1000 o 2000 dollari su un rotolo di capelli lisci da appicciare in capoccia può sembrare un valido investimento per la persona oggetto di tale razzismo.
Ed è proprio così che lo considerano molte di loro: un investimento sull’immagine e di conseguenza sul loro status sociale.
Perché se la società ti giudica per come ti vesti, come parli, come ti atteggi e cosa pensi, allora per un nero queste regole valgono il doppio.

Anche se il documentario manca di un vero e proprio taglio politico sulla faccenda (cosa desiderata visto l’evidente appeal del modello europeo per le popolazioni rese schiave dal fascio-capitalismo del 21esimo secolo), ciò non toglie che il film rimane godibile sotto più punti di vista e soprattutto alza il sipario su un tema a me praticamente sconosciuto.

VOTO:
3 nere camuffate da bianche

Good Hair (2009) Voto

Titolo originale: Good Hair
Regia: Jeff Stilson
Anno: 2009
Durata: 96 minuti

I film sono visti rigorosamente in lingua originale.
Se ti senti offeso, clicca qui

Autore: Federico Del Monte

I'm an Italian photographer, filmmaker, blogger and teacher.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *