In Bruges – La coscienza dell’assassino (2008)

In Bruges - La coscienza dell'assassino (2008) featured

Ray e Ken sono due assassini irlandesi che lavorano per un mafiosetto inglese precisetto e matto; dopo un “colpo fatto male”, vengono mandati a svernare in Bruges, la cittadina medioevale meglio conservata di tutto il Belgio.
Un posto pieno di magia, con le casette dai tetti spioventi, le stradine coi sanpietrini, i cigni, i fiori, i barcaroli e i profumi di una favola ad occhi aperti; insomma un posto letale che farebbe scoppiare la capoccia pure ad un santo dopo due giorni.

Ray è giovane, un po’ ignorante e con un forte disturbo dell’attenzione mentre Ken è più maturo, amante della cultura e deciso quindi a godere di quei giorni da finto turista.
Chi la spunterà?
Quello che vuole tirare su di cocaina con i nani e le mignotte o quello che vuole andare a vedere i dipinti di Hieronymus Bosch?

In Bruges - La coscienza dell'assassino (2008)

Fantastico esordio sul grande schermo per lo stesso regista di Seven Psychopaths (altra perla della madonna), questo In Bruges spacca di brutto con la sua sceneggiatura piena zeppa di umorismo sottile e situazioni totalmente fuori dagli schemi.

Recitato in maniera assurda e molto simpatica da quel cazzone di Colin Farrell e con un inaspettato Ralph Fiennes di molto eccentrico, codesta pellicola regala parecchie lievi ridarelle postume che partono cioè un paio di secondi dopo la battuta, questo perché ci troviamo di fronte una comicità di cervello (opposta a quella di pancia che piace tanto al pubblico di massa) e l’unico modo per gustarsi appieno una roba del genere è ripassarsela pian piano sulle sinapsi del cervello come fosse burro su pan caldo.

VOTO:
4 fette imburrate e mezza

In Bruges - La coscienza dell'assassino (2008) Voto

Titolo originale: In Bruges
Regia: Martin McDonagh
Anno: 2008
Durata: 107 minuti

I film sono visti rigorosamente in lingua originale.
Se ti senti offeso, clicca qui

Autore: Federico Del Monte

I’m an Italian photographer, filmmaker, blogger and teacher.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *