Pitch Black (2000)

Pitch Black (2000) featured

Atterrati in emergenza su di un pianeta deserto e inospitale intorno a cui ruotano tre soli, un gruppo di sopravvissuti molto eterogeneo cerca in tutti i modi di trovare una via di fuga da quel sasso maledetto al cui interno si nascondono mostri fotosensibili assetati di sangue che ricordano vagamente i Wentelteefje, le creature impossibili di Escher.

Dopo aver scoperto che un giorno su questo pianeta dura 22 anni terrestri e che l’unica cosa che tiene a bada l’orda famelica aliena è la luce dei tre soli, i nostri prodi scoprono anche che entro poche ore ci sarà un’eclisse totale e, di conseguenza, saranno fottuti persi.

Pitch Black (2000)

Pellicola a basso costo uscita un po’ in sordina, Pitch Black è presto diventato un film cult anche e soprattutto grazie al suo anti-eroe Richard B. Riddick (interpretato da Vin Diesel); un pericoloso criminale braccato dalla polizia che ha la straordinaria capacità di vedere al buio, una qualità che si rivelerà fondamentale in questa tesissima avventura spaziale.

Scritto e diretto dallo stesso sceneggiatore che ci ha donato quella “perla” di Waterworld, Pitch Black è un concentrato di eccellenza tecnica: dai meravigliosi ed evocativi campi lunghi durante l’eclissi saturniana alla sapiente regia durante le brevi ma intense scene d’azione, dall’efficace ed avvincente spunto narrativo all’intensa e pienamente giustificata dicotomia fotografica, tutti gli elementi si incastrano a fagiolo e il film gira che è una meraviglia.

Se si tralasciano un paio di stacchi (letteralmente 2) un pelino azzardati e slegati ad inizio film, il resto della baracca è una macchina perfettamente oliata che tiene incollati dal primo all’ultimo minuto.

VOTO:
4 eclissi

Pitch Black (2000) Voto

Titolo originale: Pitch Black
Regia: David Twohy
Anno: 2000
Durata: 109 minuti

I film sono visti rigorosamente in lingua originale.
Se ti senti offeso, clicca qui

Autore: Federico Del Monte

I’m an Italian photographer, filmmaker, blogger and teacher.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *