Samba (2014)

Samba (2014) featured

L’immigrato irregolare senegalese Samba Cissé vive a Parigi da ormai 10 anni quando viene beccato dalla polizia francese, chiuso in un CPT, processato per direttissima e rimesso in libertà con un foglio di via e cioè un pezzo di carta dove c’è scritto che devi lasciare il paese a tue spese in tot giorni, pena l’incarcerazione.

Samba, che faceva il lavapiatti in un albergo di lusso, si ritrova ora nei casini e senza prospettive di lavoro, incastrato com’è tra una vita di stenti e fatica in Francia e una di miseria nera in Africa.
In suo aiuto arriva Alice, un’assistente sociale che sta cercando di trovare una stabilità psico-emotiva dopo una forte crisi di nervi che le ha fatto quasi perdere la testa.

Tra i due nasce l’inevitabile storia d’amore che, strana e improbabile com’è, riesce a far concludere la pellicola con una nota positiva.

Samba (2014)

Seconda collaborazione tra il bravissimo attore Omar Sy e i due registi del fortunatissimo Intouchables, questo Samba non tira bene tanto quanto il precedente.

Nonostante la storia ci porti dentro il ventre di una Parigi popolata da migliaia di immigrati irregolari che svolgono le più disparate mansioni, dai cuochi ai carpentieri passando per le guardie notturne, e sia pertanto da elogiare nel suo chiaro intento politico progressista e rivelatore del sottobosco che fa muovere le metropoli europee, il film finisce per fallire proprio su questi punti: le personalità non sono approfondite, ma rimangono abbastanza macchiettistiche; i drammi giornalieri degli immigrati sono appena accennati e spesso usati più come materiale comico che drammatico; e su tutto vige uno strano senso di già visto e visto meglio.

Un peccato, perché gli attori ci sono e la storia d’amore tra l’immigrato e la nevrotica meritava miglior sorte.

VOTO:
3 immigrati che hanno avuto miglior sorte

Samba (2014) voto

Titolo originale: Samba
Regia: Olivier Nakache, Eric Toledano
Anno: 2014
Durata: 118 minuti

I film sono visti rigorosamente in lingua originale.
Se ti senti offeso, clicca qui

Autore: Federico Del Monte

I'm an Italian photographer, filmmaker, blogger and teacher.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *