The Visit – Un incontro ravvicinato (2015)

The Visit - Un incontro ravvicinato (2015) featured

Cosa succederebbe se una nave spaziale aliena atterrasse improvvisamente sulla Terra?
Come reagirebbero i governi?
Come reagirebbero i cittadini?
Come reagirebbe la razza umana?
Questo è il tema principale attorno a cui ruota l’ultimo documentario di Michael Madsen (non quello di Thelma e Louise), già autore del bel documentario sulle scorie radioattive Into Eternity.

Con interviste a personaggi reali e qualificati come ex segretari alla difesa e rappresentanti delle Nazioni Unite (e altri molto meno, tipo il teologo dell’agenzia spaziale francese), The Visit cerca di aprire un dibattito su un interessante evento mai avvenuto e che ha poche probabilità statistiche di avvenire in un prossimo futuro.

The Visit - Un incontro ravvicinato (2015)

Metodologicamente pervaso da una serie di inquadrature in extreme slow motion per le strade nord europee che vanno ad intervallare o accompagnare le varie interviste, il film sembra porsi su di un piano artistico superiore rispetto al classico documentario; fortissimo è infatti il richiamo verso pellicole come The Tree of Life, anche se si deve sottolineare come questo stile fosse già presente nel precedente lavoro Into Eternity.

Sfortunatamente, nonostante l’indubbia bellezza di molte scene e il forte potere visionario nel voler giustapporre discorsi futuristici con immagini del vecchio patrimonio dell’umanità come la biblioteca nazionale Austriaca, The Visit pare traspirare un velo di saccenza da tutti i pori, a cominciare dalla firma del regista posta sul titolo, un gesto a voler sottolineare una cifra stilistica unica che invece non c’è: praticamente TUTTI i documentari moderni cercano infatti di mimare una narrazione emotiva simile a quella dei fictional film.

La cosa più interessante, tra tante chiacchere e ipotesi, resta invece il grande squarcio che un discorso sugli “altri” apre su noi stessi: ponendo la lente d’ingrandimento su l’altro da sé infatti, quasi sicuramente si finisce col rivelare più e meno volontariamente qualcosa su noi stessi, su come pensiamo e come ci poniamo nei confronti del mondo.
E straordinaria è la gigantesca voglia umana di conoscenza che traspare da questo The Visit: tutti gli intervistati infatti manifestano la pressante voglia di sapere chi sia questo alieno e che intenzioni abbia, un più che probabile retaggio dell’evoluzione e cioè quel meccanismo che ha permesso alla vita di espandersi incredibilmente su questo pianeta.
Conoscenza significa Potere in un mondo spesso ostile e gli esseri umani sono la punta di diamante di questo processo naturale d’osmosi di informazioni che ha coinvolto e continua a coinvolgere ogni forma di vita terrestre: dalle api che percorrono chilometri su chilometri alla ricerca del loro prezioso nettare fino alla proverbiale curiosità del gatto che ci lascia lo zampino.

VOTO:
3 zampini e mezzo

The Visit - Un incontro ravvicinato (2015) Voto

Titolo originale: The Visit
Regia: Michael Madsen
Anno: 2015
Durata: 90 minuti

I film sono visti rigorosamente in lingua originale.
Se ti senti offeso, clicca qui

Autore: Federico Del Monte

I'm an Italian photographer, filmmaker, blogger and teacher.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *