La passione di Giovanna d’Arco (1928)

La passione di Giovanna d'Arco (1928) featured

Giovanna d’Arco fu una contadina francese analfabeta del quindicesimo secolo completamente invasata e con una fissa patologica col cristianesimo la quale condusse, dopo una serie di incredibili coincidenze ed eventi fortuiti, le armate francesi a vincere più e più volte contro gli inglesi invasori durante la guerra dei cento anni.
Beccata infine dai mangia patate e processata per eresia (e altri undici capi d’imputazione alquanto ridicoli) da un manipolo di teologi francesi venduti al nemico, Jeanne fu condannata e arsa viva il 30 maggio 1431.

La passione di Giovanna d'Arco (1928)
Straccia cazzi, fatti chiavare da Gesù

Composto quasi interamente di soffocanti primi piani ed inquietanti dutch angles, La passion de Jeanne d’Arc è da molti considerato uno dei capisaldi del cinema mondiale.

Se da un lato non si può certo passare sopra l’imponente lavoro di decostruzione e ricostruzione compiuto sulla promettente attrice teatrale Marie Falconetti la quale, ironia della sorte, soffriva di disturbi psichici che la condussero ad un suicidio all’età di 54 anni, da un altro non si può fare a meno di sbadigliare copiosamente lungo le estenuanti due ore di stillicidio emotivo dozzinale a cui lo spettatore viene suo malgrado sottoposto.

E diciamolo pure: La passione di Giovanna d’Arco è materia da parrocchia e anime belle che non hanno il polso della realtà e la benché minima idea di come cazzo giri questo mondo; me ne frega cazzi a me se una giovane vergine del 1400 si era messa in testa di riconquistare la Francia dopo che un misto di turbe ormonali e sermoni da domenica sportiva le avevano fatto perdere definitivamente la brocca.

Se il film fosse stato lungo 37 minuti, sarei pure riuscito ad apprezzare la teatralità tutta sperimentale del regista danese il quale voleva portare la disperata passione umana ad un livello metafisico tramite l’uso del vuoto, del grottesco e dell’irrisoluto…
ma se io ci ho messo 27 parole a spiegare ‘sto cazzo di film, è mai possibile che ci vogliano 114 minuti per metterlo in scena?

VOTO:
3 roghi

La passione di Giovanna d'Arco (1928) voto

Titolo originale: La passion de Jeanne d’Arc
Regia: Carl Theodore Dreyer
Anno: 1928
Durata: 114 minuti

I film sono visti rigorosamente in lingua originale.
Se ti senti offeso, clicca qui
▼ Dona 2 penny anche tu ▼

Autore: Federico Del Monte

I’m an Italian photographer, filmmaker, blogger and teacher.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *