L’urlo dell’odio (1997)

L'urlo dell'odio (1997) featured

Charles Morse, un attempato milionario americano dalla memoria ferrea e dal polso di ghiaccio, si ritrova sperduto in Alaska dopo un incidente aereo assieme a Robert Green, avido e arrivista fotografo della moglie fotomodella, e il povero assistente nero del fotografo arrivista e avido.
I tre dovranno imbarcarsi in una camminata tra foreste deserte e pennacchi innevati alla disperata ricerca di un segno di vita che possa condurli alla cara e amata civiltà.

A mettere i bastoni fra le ruote ci si metterà un orso kodiak mangia-uomini e un sospetto tradimento della moglie fotomodella con il fotografo avido e arrivista, a cui staranno fischiando le orecchie per quante volte l’ho citato… se non fosse morto.

ops, spoiler.

L'urlo dell'odio (1997)

Dallo stesso regista di quel preservativo sgonfio chiamato Die Another Day, arriva l’ennesimo film del prolifico filone uomo VS natura.

Girato con grazia e molto stile tanto da far rimpiangere (in questi tempi di calci e sputi) la vecchia Hollywood coi sigari,  il film (nonostante il terribile titolo italiano) gira facile e si lascia amare per quello che è: una buona storia, già sentita e molto telefonata, con delle ottime panoramiche dell’Alaska e la presenza del celeberrimo Bart the Bear, l’eccezionale orso kodiak che interpreta il mangia-uomini e al quale il film è giustamente dedicato.

VOTO:
3 mangia-uomini e mezzo

L'urlo dell'odio (1997) voto

Titolo originale: The Edge
Regia: Lee Tamahori
Anno: 1997
Durata: 117 minuti

I film sono visti rigorosamente in lingua originale.
Se ti senti offeso, clicca qui
▼ Dona 2 penny anche tu ▼

Autore: Federico Del Monte

I was Born, I Live, I will Die

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *